Ominide 14 punti

Anoressia, bulimia, apparato digerente


I disordini alimentari di cui anoressia e bulimia nervosa,dopo essere state sottovalutate per molto tempo, nell'ultimo ventennio sono diventati frequenti tanto da essere considerate dal ministero della salute un disturbo alimentare ed una vera e propria emergenza di salute mentale,per gli effetti devastanti che hanno sulla vita di adolescenti e giovani adulti che in gravi condizioni portano all' autolesionismo,suicidio o morte .
Anoressia e bulimia possono manifestarsi in persone di differente eta ,sesso,e altezza ,anche se solitamente sono più comuni nelle ragazze di eta compresa tra i 12 e i 25 anni . I soggetti anoressici e bulimici spesso sono portati a questa “incomprensioni”con il cibo a causa:
-problemi familiari (malattie familiari ; genitori separati;in mancanza di un genitore
-situazioni traumatiche(violenze sessuali;drammi familiari...)
-problemi sociali(derisioni;bullismo;sentirsi sotto pressione da parte di persone o dai mass media ;e nelle ragazze che tendono a far assomigliare il proprio corpo alle modelle...)
-abuso di alcool e droghe.

Queste “incomprensioni”dal punto di vista fisico comportano:
-danni al apparato digerente
-danneggiano denti e gengive
-danni cardiaci ,al fegato,ai reni,e allo scheletro...
-problemi al sistema nervoso .

Le ripercussioni psicologiche comportano:
-depressione
-bassa autostima
-sbalzi d umore.

Una persona diventa anoressica quando riduce la propria alimentazione e il suo peso scende sotto l 85% del peso corporeo.

Nei bambini l anoressia più comunemente si manifesta attraverso sintomi come la nausea e il rifiuto di cibo.

Nelle ragazze uno dei sintomi più classici e l interruzione del ciclo mestruale (3 mesi).

Gli studiosi sostengono che il problema sia sottovalutato negli uomini perchè generalmente è ricondotto solo alle donne ,anche se ultimamente questo disturbo aumenta anche nei maschi,infatti il 5%-15% dei soggetti affetti da questi disturbisono machi.
Gli uomini che soffrono di questo "suicidio" verso il loro corpo , assumono comportamenti analoghi a quelli delle figure femminili solo che avvolte ricorrono a :

-a purghe
-digiuno per diverse ore
-conrollo ossesivo delle calorie preseni nel cibo
-tendono a isolarsi.

L anoressia si manifesta con la riduzione delle porzioni dei pasti seguita da vomito . Invece la persona bulimica che può essere sottopeso , obeso,o di peso
normale di solito dopo una situazione di stress emotivo, ingerisce una quantità di cibo eccessivo in un arco di tempo molto stretto (avendo la sensazione di non poter smettere di mangiare e di non poter controllare il proprio corpo)si sente in colpa e tende a vomitare .
Il vomito in tutti e due i casi e autoindotto in maniera analoga .
In più per perdere ulteriore peso fanno uso in appropriato di pillole lassative e diuretiche , e svolgendo in maniera eccessiva attività fisica.
Tutte le persone affette da questi disturbi hanno un controllo maniacale sulla bilancia .

Gli effetti della malnutrizione provocano danni permanenti:
-al sistema nervoso
-ai denti e alle gengive
-soprattutto all'apparato digerente .

Noi siamo onnivori e mangiamo di tutto,il nostro corpo pero non può utilizzare direttamente le sostanze nutritive che noi ingeriamo.
Durante la digestione gli alimenti vengono triturati,sminuzzati e scomposti chimicamente fino ad essere ridotti in molecole abbastanza piccole da essere assorbite dal organismo.

L apparato digerente è costituito da un lungo tubo che inizia con :
-la bocca
-la faringe
-esofago
-stomaco
-intestino tenue
-intestino crasso
-ano.

Alcuni elementi utili per la digestione sono :
-ghiandole salivari
-fegato
-pancreas
-enzimi.
Quest'ultimi sono proteine che accelerano le reazioni chimiche necessarie alla vita degli organismi,essi sono prodotti da ghiandole collocate in bocca ,nello stomaco,nell'intestino e nel pancreas.
Gli enzimi scompongono i cibi in varie molecole (es:i carboidrati in molecole di zucchero;le proteine in amminoacidi).

La digestione del cibo comincia dalla bocca formata dalla dentatura e dalla lingua grazie alla quale sentiamo il gusto dei cibi . Sotto la lingua sono collocate le ghiandole salivai che producono la saliva;essa contiene la ptialina (enzima) che scompone l'amido trasformandolo in zucchero. In seguito il bolo(boccone di cibo) dopo essere stato triturato viene spinto dalla lingua nella faringe,che comincia con l esofago un tubo lungo circa 25 cm con le pareti ricche di muscoli e lisce che spingono il bolo nello stomaco. Per evitare che il cibo finisca nei polmoni attraverso la trachea (che è collegata alla faringe) c e una piccola valvola che la chiude: l epiglottide . In fondo all'esofago si trova il cardias una valvola muscolare a forma di anello che permette al cibo di scendere e ma non di risalire.

Nello stomaco inizia la scomposizione chimica delle proteine per opera della pepsina .

Lo stomaco ha la forma di un sacco e sbocca nell'intestino attraverso un altra valvola chiamata piloro.

La parete interna dello stomaco e ricca di cellule che producono il succo gastrico un liquido formato d'acqua,muco,acido cloridrico e un la pepsina .

L'acido cloridrico scioglie il cibo e uccide i microrganismi dannosi.

Il muco a una funzione protettiva e ricopre la parte dello stomaco dall'azione corrosiva del succo gastrico.

Il cibo sciolto e il succo gastrico formano un miscuglio semi-liquido chiamato chimo .

I muscoli esterni dello stomaco si rilassano e si contraggono producendo delle onde che rimescolano il chimo facilitando l opera dell'acido cloridrico e degli enzimi .

I movimenti peristaltici dello stomaco spingono il chimo all'intestino tenue attraverso il piloro .

L intestino tenue e un tubo sottile lungo circa 7 m e 2,5 di diametro,e ripiegato più volte su se stesso.

Nell'intestino tenue si completa la scomposizione chimica degli alimenti e avviene l assorbimento di quasi tutte le sostanze nutritive .

Il fegato e il pancreas sono ghiandole,la prima produce la bile che frammenta i grassi in goccioline ,il secondo invece produce il succo pancreatico contenente molti enzimi che scompongono i carboidrati,i grassi,le proteine e il DNA .
Finita la digestione inizia l'assorbimento:le molecole semplici che costituiscono il chilo devono entrare nel organismo.

L intestino all'interno presenta pieghe epiteliali che a loro volta presentano villi intestinali tra i quali entrano le sostanze nutritive e si recano nei vasi capillari e nel sistema linfatico.

Il fegato oltre a produrre la bile svolge altre funzioni:
-rimuovere dal sangue alcol e farmaci
-demolisce i globuli rossi e ricicla il ferro contenuto nel emoglobina …
Tutte le sostanze non assorbite si raccolgono nell'intestino crasso che si divide in: -ceco
-colon
-retto.
All'interno del colon si trovano molti batteri che costituiscono la flora intestinale.
I batteri decompongono ulteriormente le sostanze alimentari e producono vitamine.

L intestino crasso assorbe:
-i sali minerali
-vitamine
-acqua.

Il materiale decomposto assieme ai batteri e all'acqua non assorbita formano le feci che vengono spinte nel retto e fuoriescono dall'ano ,l'apertura e la chiusura dell'anno e chiamata sfintere anale .

La parte iniziale del crasso chiamata cieco presenta l 'appendice vermiforme,non si è ancora scoperto a che cosa serve questo organo ,ma quando si infiamma provoca dolori di pancia

Hai bisogno di aiuto in Scienze per le Medie?
Trova il tuo insegnante su Skuola.net | Ripetizioni
Potrebbe Interessarti
Registrati via email