Ominide 489 punti

Le acque marine


Le acque marine sono il 97% della quantità d'acqua contenuta nell'intero pianeta. In queste acque sono disciolti molti sali, tra cui il più abbondante è il cloruro di sodio, e molti gas, tra cui l'ossigeno che permette la vita dei pesci e delle piante marine, anche se esso è presente in minima quantità.
La massa d'acqua marina è divisa in due strati:
- dalla superficie fino a 200 metri di profondità si trova la zona fotica o litoranea, cioè quella dove arriva la luce del sole e dove ci sono molte forme di vita.
- da 200 metri fino al fondale ( cioè fino a 4000 metri circa, ma a volte anche fino oltre 10000) c'è la zona pelagica dove la luce del sole non riesce ad arrivare.
Inoltre vicino alla costa la zona litoranea assume diversi nomi:
- il piano sopralitorale è dove l'acqua marina bagna il suolo per effetto delle onde e ad esso appartengono anche le spiagge.
- il piano interlitorale è la parte di costa che è sommersa quando c'è l'alta marea e asciutta durante la bassa marea.
- il piano sublitorale è la parte il cui fondale è sempre sommerso.

La pressione idrostatica

Nel mare più si fa verso il fondo più la pressione aumenta: la pressione idrostatica aumenta di circa 1 atmosfera ogni 10 metri di colonna d'acqua. Normalmente quando siamo fuori dall'acqua siamo tutti sottoposti alla pressione atmosferica che è di circa 1 atmosfera.

La temperatura

Nel mare la temperatura decresce con la profondità dai 100 ai 500 metri circa (strato termoclino). A profondità maggiori si scende nello strato profondo dove la temperatura rimane abbastanza costante e compresa tra 0 e 5 gradi.

La salinità

In un chilo di acqua marina ci sono circa 35g di sali. La quantità di sali disciolti tuttavia è variabile a seconda della zona in cui ci si trova.
Hai bisogno di aiuto in Scienze per le Medie?
Trova il tuo insegnante su Skuola.net | Ripetizioni
Potrebbe Interessarti
Registrati via email