Vendere appunti universitari: così gli studenti si mantengono

Pagarsi da soli benzina, affitto e uscite con gli amici? Lo studente universitario si ingegna come può. E lo Skuola.net Store viene in suo aiuto: ecco le testimonianze di chi, vendendo i propri appunti online, si guadagna un gruzzoletto.

francesca_fortini
E io lo dico a Skuola.net

 L'affitto costa meno, grazie allo Skuola.net Store

L’università, si sa, è una spesa non di poco conto. Soprattutto per quei ragazzi che decidono di lasciare la propria città natale e trasferirsi altrove per studiare, entrando ufficialmente nella categoria dello “studente fuori sede”. In questi casi, infatti, alle tasse, i mezzi di trasporto e l’acquisto dei libri bisogna inevitabilmente aggiungere anche l’affitto. Sono sempre di più, però, gli studenti che sentono il bisogno di indipendenza e cercano di pesare il meno possibile sulle spalle e sui portafogli di mamma e papà. Come fare, allora, a mantenere buoni voti mantenendosi, allo stesso tempo, autonomamente? La svolta è arrivata con lo Skuola.net Store: un negozio virtuale dove vendere e comprare appunti universitari e potersi permettere, a fine mese, qualche spesuccia in più.

SKUOLA.NET STORE – La procedura è semplice. Basta, infatti, impegnarsi a prendere buoni appunti durante le lezioni universitarie e inviarli sulla pagina di Skuola.net dedicata allo Store, decidendo il prezzo di vendita. A questo punto, il gioco è fatto: si inizia a guadagnare! Chiunque voglia acquistare i tuoi appunti, infatti, pagherà quanto dovuto direttamente sul tuo conto PayPal, senza nessuna intermediazione.

PUNTA SULLA QUALITA’ – Il consiglio più utile per vendere i propri appunti? Puntare tutto sulla qualità, che viene sempre premiata: il passaparola tra gli studenti, infatti, si innescherà naturalmente e diventerà la tua arma vincente . Ce lo hanno testimoniato i publisher che, nei mesi scorsi, hanno guadagnato di più. “Caricare degli appunti validi credo sia il miglior consiglio che si possa dare. Devono essere veritieri e diventare dei buoni strumenti di lavoro” è l’opinione di Stephanie, studentessa pisana di Lettere moderne. Un buon sistema di feedback tra utenti, inoltre, servirà da ulteriore garanzia per chi fosse interessato ad acquistare.

L’AFFITTO COSTA MENO – Pagare le bollette, l’abbonamento della metro e quant’altro, dunque, diventa più semplice anche per quegli studenti con frequenza obbligatoria e, dunque, troppo poco tempo da dedicare a lavoretti saltuari salva-portafogli. Per qualsiasi consiglio su come utilizzare al meglio lo Store e interagire con gli altri publisher è disponibile un’intera sezione di Skuola.net, la Publisher Community: tieni attivo il tuo Store e pubblicizzati anche sul forum!

Francesca Fortini

Registrati via email
In evidenza