Il superamento del diverbio


Quando due o più interlocutori si trovano a mandarsi reciprocamente una serie di messaggi negativi (di opposizione), si rischia di cadere in una spirale (escalation) che vede peggiorare sempre di più l’intera situazione. Per uscire da questo circolo vizioso, è opportuno cambiare registro, modificando alcuni atteggiamenti interpersonali .
Ecco alcune proposte:
Se possibile fermarsi un attimo e riflettere con lucidità , considerando l’utilità di costruire qualcosa in positivo. In molti casi è indispensabile saper adottare un atteggiamento di disponibilità all’autocritica, ricordando che in una situazione di conflitto tendiamo a ritenerci infallibili, rischiando di perdere il contatto con la realtà.
Una volta creata una certa disponibilità di fondo (talvolta motivata semplicemente al fatto di voler raggiungere un immediato e concreto obiettivo) possiamo intervenire per sbloccare il litigio attraverso una serie di accorgimenti comunicazionali. Di volta in volta un accorgimento potrà essere più facilmente accessibile e/o più specificamente efficace rispetto ad un altro. Spesso l’uso combinato di diversi accorgimenti è la soluzione migliore.

1. Ridimensionare a sé e all’altro l’importanza del diverbio: sul momento si tende a drammatizzare eccessivamente; è opportuno esprimersi apertamente su questo.
2. Non negare le emozioni negative: se facciamo finta che tutto vada bene imbrogliamo noi stessi e gli altri
3. Rimanere concentrati sul presente: considerare il qui ed ora; rinvangare il passato e generalizzare non consente di focalizzarsi sul problema e porta all’escalation
4. Chiarire le proprie aspettative: forse l’interlocutore non ha ben chiaro ciò che vogliamo
5. Sottolineare ciò che sta funzionando bene in quel momento: non è mai tutto negativo
6. Dimostrare attenzione all’altrocon risposte congruenti: non prendere una propria strada e ignorare le argomentazioni dell’altro
7. Non esternare irremovibilità: saper anche cedere e concedere all’altro la ragione
8. Suggerire al soluzione in positivo: evitare di lamentarsi solo e proporre idee per un esito positivo
9. Proporre il compromesso: trovare un modo di soddisfazione delle diverse posizioni
10. Usare l’umorismo: la battuta può avere il potere di spezzare la tensione
11. Rimandare: non sempre si può risolvere la questione sul momento, alcuni problemi possono o devono aspettare
12. Far intervenire un mediatore: se si è troppo coinvolti spesso si rivela produttivo cercare una persona esterna al conflitto ed al di sopra delle parti che faccia da arbitro.

Hai bisogno di aiuto in Psicologia?
Trova il tuo insegnante su Skuola.net | Ripetizioni
Registrati via email