sabrx di sabrx
Ominide 788 punti

Percezione degli altri


Quando l'oggetto della nostra attività cognitiva sono le persone noi tendiamo a percepirli seguendo due tipi di modelli percettivi diversi.

1) modello algebrico : il modello algebrico afferma che è la somma dei singoli tratti di una persona a dare l'immagine globale della persona stessa.

2) modello configurazionale : il modello configurazionale afferma che non è la somma dei singoli tratti di una persona a dare l'immagine globale della persona stessa ma bensì è la struttura unitario che la nostra mente conferisce a ciò che percepiamo a fare forma all'individuo. In altre parole è il CONTESTO in cui ci troviamo a farci percepire in un determinato modo una persona.
Secondo questo modello, un medesimo tratto di personalità, se appartiene a persone diversi, non viene interpretato e valutato nello stesso modo.

In base a quali criteri noi operiamo l'unificazione dei tratti di un individuo?

Secondo molti studi sono le informazioni percepite per prime ad orientare le informazioni percepite.
Ciò ci viene spiegato da un esperimento condotto da Solomon Asch, due gruppi- A e B- ricevettero una lista contenente dei medesimi aggettivi. Nel gruppo A gli aggettivi positivi erano in cima alla lista mentre quelli meno positivi erano infondo, nel gruppo B , invece, gli aggettivi meno positivi erano in cima alla lista e quella positivi in fondo. Venne chiesto loro di elaborale una descrizione di una persona seguendo i tratti ricevuti. A fine esperimento si notò che la persona descritta nel gruppo A risultò essere una persona molto positiva mentre quella descritta dal gruppo B risultò essere una persona negativa.
Questo perchè sono appunto i primi aggettivi a dare il contesto in cui collocare gli aggettivi successivi.
Gli studiosi chiamano questo fenomeno effetto primacy.

Il modo in cui formiamo le impressioni sulle persone sono guidate dalle cosiddette teorie implicite della personalità , ossia delle convinzioni riguardo al modo in cui i diversi tratti psicologici si associano tra di loro.
Noi tendiamo ad associare a tratti positivi, tratti positivi e a tratti negativi, tratti negativi. ( gentile- generoso, cattivo-maleducato). La nostra tendenza ad associare tratti simili tra loro comporta quello che li studiosi chiamano effetto alone (errore di valutazione) cioè la tendenza ad estendere da un giudizio attinente ad un singolo tratto di personalità ad altri aspetti

Hai bisogno di aiuto in Psicologia?
Trova il tuo insegnante su Skuola.net | Ripetizioni
Potrebbe Interessarti
Registrati via email