Ominide 4866 punti

Ogni individuo, nel corso della sua vita, attraversa momenti di disagio psichico o sofferenza, come la perdita di una persona cara o il passaggio dall’adolescenza all’età adulta. Nonostante quei determinati momenti possano essere considerati negativi dall’individuo nel momento in cui sono vissuti, si tratta di esperienze soggettive positive. Lo psicoanalista Freud sosteneva che la sofferenza psichica fosse necessaria per la maturazione e la crescita interiore giacché di fronte a delle difficoltà, l’individuo attiva risorse e capacità che non si metterebbero in pratica in altri situazioni e, di conseguenza, conosce nuove parti di se stesso. Inoltre, la sofferenza psichica ha una grande influenza sulla personalità del soggetto, definita come l’unità bio-psico-dinamica in relazione all’ambiente.
Anche Eriksson sosteneva che ogni fase della vita fosse caratterizzata da determinate difficoltà che l’individuo dovesse superare per passare alla fase successiva.

Tuttavia, non tutti gli individui reagiscono allo stesso modo di fronte alle difficoltà e, quando la sofferenza psichica diventa insopportabile e impedisce al soggetto di avere un contatto con la realtà, con le persone o di inserirsi nella società, si entra nel campo della patologia.
Tra la normalità e la patologia vi è un filo sottilissimo e per comprenderlo è necessario capire cosa s’intende per “normalità”. Riferendoci al significato etimologico del termine, la normalità è ciò che concerne una norma. Un individuo è considerato normale quando assume dei modelli di comportamento condivisi dalla maggioranza. Tali modelli sono frutto delle differenti situazioni sociali e, di conseguenza, la normalità non può che assumere una connotazione relativa. Tuttavia, l’anormalità non va assimilata alla patologia, poiché un individuo può assumere dei comportamenti anticonformisti, originali e dunque essere etichettato dalla società come anormale, ma ciò non significa che sia affetto da una patologia. Possiamo dunque costatare che l’anormalità è relativa a fattori esterni, ovvero come un soggetto appare alla società e a fattori interni, ovvero quei comportamenti che provocano sofferenza alla persona stessa, impedendogli di instaurare delle relazioni, di inserirsi nella società o di sentirsi bene con se stessi.

Hai bisogno di aiuto in Psicologia?
Trova il tuo insegnante su Skuola.net | Ripetizioni
Registrati via email