Ominide 8080 punti

I disturbi esternalizzanti durante l'infanzia

I disturbi esternalizzanti o di esternalizzazione vengono suddivisi in:
- disturbi della condotta
- disturbi con deficit dell'attenzione e iperattività
- disturbo oppositivo-provocatorio

I disturbi della condotta sono caratterizzati da comportamenti aggressivi e antisociali, che impediscono al bambino di relazionarsi efficacemente con i coetanei. In particolare, per poter diagnosticare un disturbo della condotta, è necessario che tali comportamenti si presentino per almeno 6 mesi consecutivi e che intacchino profondamente le relazioni del bambino con i coetanei, impedendogli un armonico sviluppo sociale e relazionale.
Anche alla base dei disturbi internalizzanti vi sono delle relazioni d'attaccamento inefficaci.
Tuttavia, degli studi mostrano che questi disturbi sono anche correlati con condizioni socio-economiche sfavorevoli (gravidanze precoci, povertà, giovane età dei genitori, basso livello di istruzione, assenza di una rete supportiva ai genitori, depressione post partum, violenze e abusi familiari ecc) e sono più frequenti nei maschi piuttosto che nelle ragazze.

È fondamentale diagnosticare quanto prima l'eventuale presenza di disturbi esternalizzanti, in modo da poter intervenire: infatti, gli studi mostrano che gli interventi precoci sono molto efficaci.

Hai bisogno di aiuto in Psicologia?
Trova il tuo insegnante su Skuola.net | Ripetizioni
Registrati via email
Consigliato per te
Disturbi somatoformi