Ominide 287 punti

Le trasformazioni più importanti che incideranno sulla nostra vota futura avvengono durante l'infanzia. I primi anni di vita, infatti, hanno una grande importanza poiché avvengono trasformazioni dal punto di vista cognitivo, affettivo, relazionale. Fra coloro che si sono interessati alla fase dell'infanzia e ciò che essa comporta furono Erikson e Piaget. Dal momento della nascita, il bambino va incontro a vari cambiamenti e la sua intelligenza, nel corso del tempo, cresce sempre più. aiutare troppo o troppo poco un bambino può interferire nel suo processo di sviluppo e di crescita. Secondo Maria Montessori, nei primi due anni di vita il bambino acquisisce un atteggiamento che influenzerà i processi successivi e che determinerà o inibirà il suo desiderio di imparare. I genitori prima e gli insegnanti poi svolgono un ruolo cruciale nello sviluppo cognitivo, emotivo e sociale del bambino. Sempre Maria Montessori sosteneva che i bambini hanno l'istinto di condurre le proprie azioni da soli infatti la loro prima "dichiarazione d'indipendenza" è contro chi cerca di sostituirsi a loro nelle piccole e nelle grandi imprese quotidiane, come fanno ad esempio i genitori. Maria Montessori fu la prima donna medico e un importante psichiatra. inviduò un metodo chiamato Metodo Montessori che utilizzò nelle Montessoriane, ovvero le scuole fondate da lei. La Montessori diceva che il bambino deve essere lasciato libero di raggiungere ciò che vuole senza intervenire, perché non è importante ciò che si ottiene ma come lo si ottiene. Infatti se il piccolo non riesce a fare una torre con le costruzioni, non serve che gli altri la costruiscano al posto suo perché il piacere e la soddisfazione del bimbo non nascono nel vedere la torre finalmente eretta, ma nel compiere ogni sforzo per riuscire nell'impresa con le sue sole forse, perchè dalla soddisfazione di essere capaci nasce la stima in sé stessi. Il bambino, se percepisce un impedimento sperimenta il sentimento di frustrazione, perciò piangono o si arrabbiano. Il compito degli adulti è quello di aiutarli ad attraversare queste emozioni, consapevoli che frustrazione e fallimento sono fattori importanti nel processo di crescita e sviluppo di ogni bambino. L'autonomia che il bambino raggiunge è un processo che avviene nel tempo e assume sempre forme più complesse, mentre lo sviluppo cognitivo avviene grazie agli stimoli dell'ambiente. In passato si credeva che l'intelligenza fosse dovuta dal patrimonio genetico, cioè dall'insieme di geni di un individuo, e pertanto non potesse essere influenzata dalle condizioni ambientali in cui il bambino cresce. Oggi, invecem nolti psicologi ed esperti dell'età evolutiva ritengono che esperienza e stimolazione siano necessarie affinché si sviluppino in modo armonico le capacità intellettive. Alcuni studiosi, tra cui Piaget, sostengono che gli esseri umani nascono con una naturale tendenza a intereagire con l'ambiente, sviluppando in tal modo nuove capacità e acquisendo nyove conoscenze. In altri termini, per crescere e svilupparsi i bambini devono avere a disposizione un ambiente e degli oggetti con cui poter giocare liberamente proprio perché tramite il gioco essi pongono le basi dell'intelligenza. Il gioco, secondo Piaget, avviene per tappe come per lo sviluppo cognitivo. infatti fino ai due annii bambini svolgono prevalentemente quelli che Piaget chiama giochi di esercizio.

Hai bisogno di aiuto in Psicologia?
Trova il tuo insegnante su Skuola.net | Ripetizioni
Registrati via email
Consigliato per te
Come fare una tesina: esempio di tesina di Maturità