Romanticismo


Il Romanticismo è una corrente letteraria che nasce nel nord Europa durante la fine del '700, esso ha origine in Germania, ma si diffonde ben presto in quasi tutt'Europa e in base alle sue zone di diffusione, si possono distinguere il Romanticismo Nordico e quello Latino.
Il Nordico si differenzia dal Latino in quanto la sua attenzione è concentrata verso "l'ultraterreno" e verso “l'Assoluto”, mentre il latino è più proteso allo studio della storia e della reltà politica; essi hanno però diversi punti in comune, ad esempio il rifiuto delle regole che limitano la soggettività dell'artista ed il rifiuto dell'imitazione dei classici.
Gli autori romantici non hanno una visione oggettiva e razionale di eventi o situazioni, ma bensì, essi criticano i valori illuministi precedenti e si concentrano su soggettività e sentimenti riguardanti l'essere umano.
Il Romanticismo è quindi un fenomeno complesso che ha come obbiettivo il perseguimento di uno spirito ribelle e non convenzionale.
I romantici hanno infatti un'idea innovativa dell'estetica e della concezione di "bello", essi si collegano strettamente al Medioevo ma la visione romantica è molto razionale e le poesie di questo periodo hanno come scopo quello di protendersi verso "l'Assoluto", ovvero il desiderio degli artisti è quello di guardare oltre la realtà tangibile e oltre al "concreto", inoltre quello che contraddistingue questi artisti è la loro grande ed originale libertà d'espressione.
Hai bisogno di aiuto in Contesto Storico Letterario 800?
Trova il tuo insegnante su Skuola.net | Ripetizioni
Registrati via email