NATURALISMO FRANCESE

• FONDAMENTI TEORICI
Gli scrittori italiani prendono le mosse dal Naturalismo francese degli anni 70 dell’Ottocento. Il Naturalismo si basa sul positivismo, dunque condivide fiducia nel progresso e nella scienza, crede che l’una conoscenza possibile sia quella scientifica, perciò tende a rifiutare ogni visione religiosa della vita. Prese spunto soprattutto dal pensatore Taine, il quale affermava che i fenomeni spirituali sono prodotti dalla fisiologia umana e determinati dall’ambiente fisico in cui vive l’uomo. Per Taine la letteratura è un’inchiesta sull’uomo, deve analizzare la realtà.
• PRECURSORI
Taine indicò come precursori:
o Balzac, che scrisse la Commedia umana, per l’analisi della natura umana nel suo rapporto con l’ambiente.
o Flaubert, che scrisse Madame Bovary, per la sua impersonalità.
o Edmond e Jules de Goncourt per l’attenzione dimostrata ai ceti inferiori e alla degradazione umana, come il romanzo Germinie Lacertaux che analizza la degradazione fisica e psicologica di una serva isterica.
• POETICA DI ZOLA
Zola, nel suo Romanzo sperimentale, afferma che il metodo sperimentale applicato agli esseri inanimati e viventi deve essere anche applicato alla sfera spirituale dell’uomo, dunque la letteratura e la filosofia che si occupano proprio dei fenomeni spirituali devono esser considerate scienze sperimentali. E come, la fisica ecc. sono regolate da leggi allora anche i fenomeni spirituali hanno delle leggi, per ora ne conosciamo due: L’ereditarietà biologica e l’influsso esercitato dall’ambiente sociale in cui l’uomo vive. Il fine del romanzo è quello di trovare altre leggi e dominare lo spirito umano. Come nella sua opera, I Rougon-Macquart, storia naturale e sociale di una famiglia sotto il secondo Impero, oltre all’intento medico-scientifico egli offre un quadro generale della società francese del secondo impero attraverso vicende di una famiglia. Studia di persona ambienti e rilascia testimonianze veritiere, inoltre la sua è un’ ideologia progressista, nel senso che da un lato va contro la corruzione dei ceti dirigenti e dall’altro ha interesse per i ceti subalterni.
• TENDENZE ROMANTICO-DECADENTI
Zola rivela tendenze romantiche in quanto descrive esasperatamente ogni cosa, gli oggetti materiali assumono visioni gigantesche, offre una vasta raffigurazione della natura come nel “La colpa dell’abate Mouret” in cui gli amori di due giovani si svolgono in un parco con una ampia vegetazione. Rivela tendenze decadenti per esempio in “Curèe” dove è descritto l’incesto tra una matrigna e un figliastro sullo sfondo di una serra dove ci sono piante mostruose.

Hai bisogno di aiuto in Contesto Storico Letterario 800?
Trova il tuo insegnante su Skuola.net | Ripetizioni
Registrati via email