Sanremo 2020, Levante: “Tikibombom”, testo e significato

Redazione
Di Redazione
Sanremo 2020 Levante: “Tikibombom” testo e significato

Claudia Lagona, in arte Levante, prenderà parte a Sanremo 2020 portando l’inedito “Tikibombom”. Levante farà il suo esordio al Festival, nonostante in passato avesse già fatto domanda per due volte a Sanremo: “Mi hanno detto di no due volte, però quest’anno mi sono sentita voluta”, ha riferito la cantante di origine siciliana “e ho voluto portare una canzone da difendere sul palco, all’altezza delle mie capacità”.
Ecco il testo inedito e tutte le sue curiosità a Sanremo.

Guarda anche

Sanremo 2020: Sanremo 2020, Levante: “Tikibombom”, testo e significato

Anche se il nome può ingannare, Tikibombom non è una canzone reggaeton, spiegando di voler dare vivacità ai protagonisti del brano: “La loro diversità è la loro ricchezza”, spiega la cantante, “è un canto speciale per chi non si sente incluso”. In un post sul suo profilo Instagram ha spiegato il significato del brano, che avrà modo di interpretare e di difendere: “Io sono vento, non sono mai stata bandiera, decido dove soffiare e quando farlo”, augurando ai fan di mettersi in gioco con leggerezza e libertà.
Ecco il testo della canzone.


Ciao tu, animale stanco
Sei rimasto da solo
Non segui il branco
Balli il tango mentre tutto il mondo
Muove il fianco sopra un tempo che fa
Tikibombombom
Hey tu, anima indifesa
Conti tutte le volte in cui ti sei arresa
Stesa al filo teso delle altre opinioni
Ti agiti nel vento
Di chi non ha emozioni
Mai più, è meglio soli che accompagnati
Da anime senza sogni pronte a portarti con sé, giù con sé.
Laggiù, tra cani e porci,
Figli di un Dio minore pronti a colpirci
Per portarci giù con sé, giù con sé.
Noi, siamo luci di un’altra città
Siamo il vento e non la bandiera, siamo noi.
Noi, siamo gli ultimi della fila
Siamo terre mai viste prima, solo noi
Ciao tu, freak della classe
“Femminuccia” vestito con quegli strass
Prova a fare il maschio
Ti prego insisto
Fatti il segno della croce e poi
Rinuncia a Mefisto
Hey tu, anima in rivolta
Questa vita di te non si è mai accorta
Colta di sorpresa, troppo colta
Troppo assorta, quella gonna è corta
Mai più, è meglio soli che accompagnati
Da anime senza sogni pronte a portarti con sé, giù con sé.
Noi, siamo luci di un’altra città
Siamo il vento e non la bandiera, siamo noi.
Noi, siamo gli ultimi della fila
Siamo terre mai viste prima, solo noi
Noi siamo angeli rotti a metà
Siamo chiese aperte a tarda sera, siamo noi.
Noi, siamo luci di un’altra città
Siamo il vento e non la bandiera, siamo noi.
Noi, siamo gli ultimi della fila
Siamo terre mai viste prima, solo noi
Noi siamo l’ancora e non la vela
Siamo l’amen di una preghiera, siamo noi.
Ciao tu, animale stanco
Sei rimasto da solo
Non segui il branco
Balli il tango mentre tutto il mondo
Muove il fianco sopra un tempo che fa
Tikibombombom

Levante: Sanremo 2020, una partecipazione a sorpresa

Dopo aver vestito i panni di giudice di X Factor, la cantante di origini sicule proverà a mettersi in gioco, spiegando una partecipazione del tutto inaspettata: “Dopo l’uscita dell’ultimo album “Magnamemoria”, pensavo di aver terminato, non era in programma una canzone per Sanremo 2020”, ha dichiarato la cantante. Il 6 Febbraio debutterà con Francesca Michelin sulle note di “Si può dare di più”, mentre il 7 Febbraio uscirà una nuova edizione dell’album “Magnamemoria”.
Skuola | TV
Non perdere la prossima puntata!

Curioso di conoscere il prossimo ospite? Continua a seguirci e lo scoprirai!

19 febbraio 2020 ore 16:00

Segui la diretta