10 curiosità che forse non sapevi su Ghali

Redazione
Di Redazione

Secondo ciò che lui stesso ha dichiarato in diverse interviste, ha scelto lo stile rap perché lo considera il più efficace per comunicare e, spesso, anche per esprimere il disagio che molti ragazzi vivono giorno dopo giorno. E' un linguaggio nuovo, ritmato e che influenza anche gli atteggiamenti sociali. Oggi Ghali Amdouni - il vero nome del rapper - è ormai amato da tantissimi giovani, in particolare per il suo ultimo pezzo "Cara Italia".
Ma chi è davvero? Conosciamolo meglio!

1. L’arresto


Non tutti lo sanno, dato che all’epoca non era ancora arrivato il vero e proprio successo degli ultimi mesi; il 28/05/15, durante le riprese di un video in Tunisia, Ghali è stato fermato dalla polizia locale che lo ha condotto in una caserma , dove è stato temporaneamente arrestato. Fu lui stesso a dare la notizia tramite un post su facebook, queste le sue parole: “Ci hanno appena arrestati durante le riprese del nuovo video e vi sto scrivendo da una caserma di un quartiere qui a Tunisi. Ció che mi rasserena è che certe riprese le abbiamo già salvate sul pc… Ora vediamo che succede, paura non ne abbiamo. Per la musica questo ed altro.”

2. Il primo nome d'arte


Il primo nome d’arte di Ghali era Fobia o Ghali Foh, ma non si conoscono ancora i motivi della sua scelta. Successivamente decide di non usarli più e di farsi chiamare con il suo vero nome.

3. Michael Jackson è il suo idolo


Uno dei suoi idoli è Michael Jackson. La copertina del suo disco “Album” infatti è un tributo a questo grande cantante.

4. Il rapper italiano preferito da Ghali


Stando a quanto riferito dal diretto interessato, il rapper preferito di Ghali è Salmo.

5. La prima battle di freestyle


La prima volta che prese in mano un microfono Ghali per una battle di freestyle, non andò bene. Venne infatti battuto dal suo avversario: “Al momento del freestyle lui mi ha sparato queste rime cattivissime, poi mi sono ritrovato imbambolato con il microfono così, con tutti che mi guardavano e aspettavano la mia risposta.. Son tornato a casa da perdente proprio, quella volta ho perso" ha affermato Ghali.

6. La mamma


Chi segue Ghali da un po’, sa bene che le sue liriche sono piene di riferimenti alla madre, che viene nominata quasi in ogni pezzo. Ma come mai Ghali cita sempre la madre? La risposta a questa domanda è arrivata durante un’intervista rilasciata recentemente a radio Dj. “Cito sempre mia madre, perchè quando scrivo vado molto di flussi di coscienza, e tra le prime parole che ho in mente c’è mia madre, mi viene sempre”

7. La canzone dedicata a un figlio immaginario


La prima strofa di "Lacrime" è dedicata a un suo figlio immaginario: “Questo pezzo è per te che arriverai da un giorno all’altro, l’avrò già messo nell’album, l’avrò già suonato sul palco”. Cerca di consolarlo in una giornata triste. La seconda strofa la dedica a se stesso che, nonostante abbia realizzato il suo sogno, ha dovuto rinunciare a molte libertà. La terza e ultima strofa è per una donna che ha dovuto lasciare, dice che “tutto andrà bene, non piangiamo, ché la speranza è un passepartout per la felicità.”

8. L'ammirazione per Jovanotti


Il suo artista preferito, ma anche quello a cui si ispira maggiormente è Jovanotti.

9. Il rapporto con la fama


Diventare famoso non era uno dei suoi obiettivi, faceva musica solo per divertimento. Essendo comunque un grande artista, il successo è venuto da sé. Ma di questo aveva molta paura. Ha affermato infatti che diventando famosi si può perdere parte della propria libertà.

10. Odia la scuola


Non è strano sentire che un ragazzo odi la scuola. Anche lui la odiava, infatti per lui la scuola era un limite per la sua libertà di espressione ed è per questo che si è cimentato sulla musica.

Consigliato per te
Giulia Penna ospite della Skuola tv: segui la puntata speciale!
Skuola | TV
Maturità 2018: i consigli di Luciano Fontana - #primaprova

Con il direttore del Corriere della Sera commenteremo i fatti di attualità più importanti di quest'anno e capiremo quali consigli bisogna seguire per scrivere un perfetto articolo di giornale durante la prima prova di Maturità 2018.

24 aprile 2018 ore 16:30

Segui la diretta