Nuovo Erasmus, meno feste più lavoro

francesca_fortini
Di francesca_fortini
presentazione nuovo Erasmus a Firenze

Mobilità, Cittadinanza, Occupabilità: queste le tre parole chiave del nuovo programma Erasmus, volto a sconfiggere il problema della disoccupazione giovanile. L’attuale paradosso italiano, infatti, vede ben 6 milioni di ragazzi inoccupati o disoccupati, a fronte di un terzo delle aziende che, invece, non riesce a trovare le competenze lavorative necessarie e, quindi, ad assumere. Pronti, allora, 14 miliardi da investire nel progetto, che coinvolgerà 4 milioni di studenti, neolaureati e disoccupati, dal 2014 al 2020. Questo quanto sottolineato dal Ministro dell’Istruzione Stefania Giannini, dal sottosegretario al Lavoro Biondelli e dal Commissario europeo all’Istruzione, Formazione e Cultura Vassiliou questa mattina al lancio del nuovo programma europeo per l'istruzione, la formazione, i giovani e lo sport Erasmus + nel Salone de’ Cinquecento a Palazzo Vecchio, a Firenze.

ERASMUS +, COS’E’ - Il programma, attivo per gli anni 2014-2020, integrerà i sette finora esistenti: Lifelong Learning Programme (Comenius, Erasmus, Leonardo da Vinci, Grundtvig), Gioventù in Azione, Erasmus Mundus, Tempus, Alfa, Edulink e la cooperazione bilaterale con i paesi industrializzati. Oltre alla mobilità educativa a livello universitario, dunque, spazio agli scambi interculturali per le scuole superiori secondarie, alle opportunità di lavoro all’estero per neolaureati ed adulti e ai progetti di volontariato: una modernizzazione sia “del sistema educativo ufficiale che di quello non ufficiale”, come ha spiegato il Commissario Vassiliou.


IN NUMERI – I precedenti programmi Erasmus, attivi dal 1987 al 2013, hanno consentito a più di 3 milioni di studenti italiani di vivere un’esperienza educativa e di vita all’estero, in un paese europeo, come hanno dichiarato anche i numerosi testimoni presenti stamattina a Palazzo Vecchio. Oggi l’obiettivo è raddoppiato: saranno ben 4 milioni gli studenti impegnati in 7 anni nei programmi di formazione e lavoro all’estero.


UN NUOVO ERASMUS DEDICATO ALL’OCCUPAZIONE - Negli ultimi anni gli studenti hanno visto questa occasione più come un’opportunità di divertimento e crescita personale più che professionale. I 14 miliardi che il Governo investirà nel nuovo Erasmus +, invece, dovranno servire a svecchiare il programma e a migliorare un “sistema formativo ed educativo che prepari i 4 milioni di futuri partecipanti ad entrare nel mondo del lavoro con le giuste competenze e capacità”, come dichiarato dal Commissario Vassiliou. Abbattere la dispersione scolastica, quindi, e diminuire drasticamente il numero dei NEET, quei giovani totalmente esclusi dalla comunità perché fuori da ogni contesto lavorativo e scolastico: questi gli obiettivi dei paesi dell’Unione Europea e del nuovo Erasmus.


EUROPEIZZAZIONE E INTEGRAZIONE“Una terza rivoluzione, quella della mobilità”, è questo quello che il Ministro Giannini si aspetta per il lancio del nuovo Erasmus, sottolineando nuovamente l'esigenza “di inserire il programma Erasmus nei curricula universitari di tutti i corsi di laurea italiani, perché la mobilità dei giovani a livello europeo divenga una realtà”. Lo stesso Commissario europeo all’Istruzione, Formazione e Cultura Vassiliou ha spiegato uno degli obiettivi principe del nuovo programma Erasmus +: garantire l’integrazione e rendere le diversità una forza per tutta l’Europa.

Francesca Fortini

Skuola | TV
Angelica Massera ospite della Skuola Tv!

La webstar, molto apprezzata dai più giovani grazie ai suoi video esilaranti, ci racconterà dei suoi progetti futuri! Non solo, cerchremo di capire quali sono i segreti per avere successo sul web! Non perdere la puntata!

21 novembre 2018 ore 15:00

Segui la diretta