Microcar: 5 cose da sapere per chi vuole guidare la "macchinetta"

Redazione
Di Redazione

microcar

Le microcar sono dei veicoli depotenziati e più leggeri rispetto alle normali automobili, creati per essere guidate da ragazzi tra i 14 e i 18 anni.
Per questo motivo è importante prestare una maggiore attenzione e tenere a mente alcune importanti differenze che ci aiuteranno a guidare in maniera più sicura.

5. Il patentino

Per poter guidare questa tipologia di vettura è necessario essere in possesso di una patente di categoria AM o B1.
    La patente AM può essere conseguita dal compimento dei 14 anni e abilita a guidare macchinette di cilindrata non superiore a 50cc
    La patente B1 può essere conseguita dal compimento dei 16 anni e abilita anche alla guida di quadricicli non leggeri (macchinette 125cc). Il test di teoria andrà,inoltre, a valere per la patente B (dai 18 anni), per la quale bisognerà ripetere solamente l’esame pratico.

4. La tipologia di quadriciclo

    I quadricicli leggeri(50cc) raggiungono una velocità massima pari a 45 km/h poiché omologati per essere guidati da ragazzi di 14 anni. Questo molto spesso porta i giovani a pensare che la scelta migliore sia modificarne la potenza, rendendo il veicolo meno sicuro e andando incontro ad infrazioni del codice stradale.
    I quadricicli non leggeri(125cc) possono essere guidati solo dopo aver compiuto 16 anni, in quanto, dotati di una potenza maggiore (velocità massima 70 km/h). Purtroppo però, non essendoci un alto smercio di questa tipologia di veicoli, sono difficili da trovare sul mercato.

Un post condiviso da Skuola Net (@skuolanet) in data:

3. La responsabilità di un passeggero

Portare qualcuno con sé in macchina è sempre una grande responsabilità, a maggior ragione quando si è minorenni e quindi il veicolo in questione è una microcar. Sono, infatti, certamente meno sicure di un’automobile normale.
E' bene ricordare, inoltre, che prima di aver compiuto 16 anni, la legge vieta di portare passeggeri se non maggiorenni.

2. Attenzione alle multe

Spesso capita che, nonostante una guida corretta, si vada incontro a sanzioni monetarie dovute a piccole distrazioni.
è sempre bene stare attenti, ad esempio, ai parcheggi a pagamento che, a volte, a causa di strisce blu o cartelli poco visibili, possono essere scambiati per parcheggi gratuiti.
Per quanto riguarda, inoltre, le macchinette, ogni infrazione al codice stradale verrà doppiamente punita. I conducenti di tali veicoli dovranno, quindi, prestare una maggiore attenzione.

1. Controlli più frequenti

Questa tipologia di vettura è pensata per essere utilizzata per pochi anni. I materiali sono, inoltre, meno resistenti , dovendo rientrare in una categoria di peso non superiore a 350 kg.
è, perciò, consigliabile un controllo frequente del funzionamento, per far sì che raggiunga sempre la massima efficienza.

Giada Fortunato
Consigliato per te
Foglio rosa: cos’è, come funziona e come prenderlo
Skuola | TV
Maturità 2018: i consigli di Luciano Fontana - #primaprova

Con il direttore del Corriere della Sera commenteremo i fatti di attualità più importanti di quest'anno e capiremo quali consigli bisogna seguire per scrivere un perfetto articolo di giornale durante la prima prova di Maturità 2018.

24 aprile 2018 ore 16:30

Segui la diretta