Gite scolastiche, attenti al bus: 1 su 5 non è in regola

Con l'inizio della primavera, via libera alle gite scolastiche. Molte volte l'escursione di uno o più giorni vengono effettuate con i bus a noleggio. Ma l'analisi, condotta da Facile.it, su dati ufficiali del Ministero dei trasporti e resa nota da Il Messaggero, è impietosa: quasi un quinto dei veicoli adoperati solitamente per le gite degli studenti (e non solo) non è in regola. Ben 5.482 su 29.434 (il 18.62%), infatti, sono privi di revisione e dunque non potrebbero circolare. E c'è un netto divario tra Nord e Sud del Paese. Anche se, entrando nel dettaglio dei dati, non è possibile avere la certezza che questi siano le dimensioni effettive del fenomeno.

I dati delle verifiche ‘su strada’ della Polizia

Basandoci, ad esempio, sui controlli effettuati dalla Polizia – tra il febbraio 2016 e il dicembre 2017, su circa il 35% del parco veicoli italiano – su strade autostrade, così come riportati dal Corriere della Sera - appena 69 mezzi (sui 5.042 ‘irregolari’) non erano a posto con la revisione. Le negligenze, nella maggior parte dei casi, riguardavano infatti soprattutto gli equipaggiamenti (come pneumatici, fari e cinture di sicurezza). A questo punto tutto lascia pensare che le stime del Ministero, ricavate dagli archivi della Motorizzazione civile, prendano in considerazione la totalità dei veicoli ancora immatricolati. Inclusi quelli non più circolanti e mai rottamati, probabilmente parcheggiati in chissà quale rimessa.

Campania maglia nera

Secondo l’analisi di Facile.it, la regione con il triste primato è la Campania: il 30% dei mezzi è senza revisione, poi la Calabria con il 26,5%. Al terzo posto c'è l'Umbria con il 25%. Seguono Puglia (23%), Sardegna (22,7%), Sicilia (20,9%). Superiore alla media italiana anche Molise, Abruzzo e Toscana. La situazione "migliore" in Valle d'Aosta con il 4,7%, Trentino Alto Adige (7,2%) e Piemonte (7,5%). Il primato negativo, a livello provinciale, spetta a Napoli con 732 bus irregolari, il 28% dei mezzi non in regola nel territorio campano.

Troppi i bus fantasma

A prescindere da queste considerazioni, resta il fatto che i bus privi di autorizzazione a circolare dovrebbero essere chiusi nei depositi e non essere in uso. In realtà, però, secondo gli autori dell'analisi, molti continuano a girare sulle strade d’Italia, sfuggendo ai controlli. Cosicché risulta "impossibile conoscerne il numero preciso".

Progetto Gite scolastiche in sicurezza

In questa situazione, la campagna "Gite scolastiche in sicurezza" - nata dalla collaborazione fra il ministero dell’Istruzione e la Polizia stradale – è un prezioso alleato, fornendo assistenza alle scuole per il controllo dei mezzi usati per i viaggi di istruzioni. Alcuni giorni prima della partenza, i dirigenti scolastici possono infatti segnalare alla ‘stradale’ del proprio capoluogo la data del viaggio, il tragitto, il numero di alunni e di pullman, in modo da agevolare anche eventuali controlli a sorpresa in strada. Inoltre, si possono segnalare durante i tragitti eventuali comportamenti scorretti dei guidatori, dall’uso del cellulare senza auricolare al consumo di alcol al volante.


Consigliato per te
Sbatti il bullo (e il prof umiliato) sui social, diventa cyberbullo anche...
Skuola | TV
Maturità 2018: i consigli di Luciano Fontana - #primaprova

Con il direttore del Corriere della Sera commenteremo i fatti di attualità più importanti di quest'anno e capiremo quali consigli bisogna seguire per scrivere un perfetto articolo di giornale durante la prima prova di Maturità 2018.

24 aprile 2018 ore 16:30

Segui la diretta