Dall'uno all'undici: il numero di maglia dei tuoi compagni di classe

Il Posticipo
In collaborazione con Il Posticipo

La propria classe è esattamente come una squadra di calcio. Ci sono dinamiche interne, simpatie e antipatie, ma soprattutto dei ruoli spesso ben definiti. Come i numeri nel calcio di una volta.

1 - L'estremo difensore

L'ultima speranza della squadra, quello che salva tutti nel momento in cui la situazione sembra disperata. Come il compagno di classe che, vedendo gli amici in difficoltà, si sacrifica per un bene superiore e si fa interrogare volontariamente, salvando il resto del gruppo da un risultato immeritato. Decisamente il numero uno!

2 - Il mastino

Non ha molta...classe, ma è costante e soprattutto affidabile. Se gli si affida un compito lo porterà a termine, che sia spostare per scherzo la sedia da sotto un compagno o passare qualche bigliettino proibito durante un compito in classe. Gioca di squadra ed è sempre benvoluto dal gruppo

3 - L'elegantone

Il destino gli ha regalato bella presenza, un fascino quasi magnetico e anche capacità fuori dal comune. E per questo è come il terzino sinistro, con le sue cavalcate per i corridoi fa innamorare e suscita invidia in chi, sfortuna sua, non può competere.

4 - Il duro (dal cuore d'oro)

Sembra sempre più grande degli altri, forse perchè a volte è addirittura un ripetente. È preceduto dalla sua fama e all'inizio incute un po' di timore, ma una volta conosciuto meglio è il compagno di squadra perfetto. È capace di difendere la classe contro tutto e contro tutti, salvo poi sciogliersi quando il pericolo è terminato.

5 - Lo stopper

Le dinamiche di una classe, si sa, sono complicate. E non sempre sono tutte rose e fiori. Il nostro stopper non ferma le azioni avversarie, ma è sempre in prima fila per bloccare qualsiasi scintilla, per disinnescare quelle problematiche che possono causare la rottura degli equilibri.

6 - Il libero

Quello che di schemi e di marcature non vuole neanche sentirne parlare. È uno spirito, appunto, libero, non si preoccupa molto di quello che lo circonda, a meno che non lo riguardi da vicino. Ma a quel punto si trasforma, ed è spesso fondamentale nel risolvere situazioni spinose.

7 - Genio e sregolatezza

Il talento sprecato, quello che, per tornare sempre al solito discorso, avrebbe tutti i mezzi per diventare una stella, ma non ha voglia. Sempre distratto, con la testa fra le nuvole, vive in un mondo tutto suo. E guai a disturbarlo, perchè di talento ne ha da vendere. E quindi può far fare a tutti una figuraccia, salvo poi tornare a sonnecchiare.

8 - Il tuttofare

Fa tutto e lo sa fare bene. Scherza quando c'è da scherzare, ma se ha un compito lo esegue con tutta la precisione del caso. È l'elemento di equilibrio di cui tutte le squadre hanno bisogno, in grado di ribaltare l'azione e trasformare ogni situazione da un momento all'altro.

9 - Il bomber

Non ha certo bisogno di presentazioni, perchè lo conosciamo tutti. Spaccone, egocentrico, sempre disposto a fare confusione e a farsi notare. A volte è riconosciuto come il leader della squadra, altre no, ma pretende che sia così. Di una cosa è però re incontrastato: dei richiami. Se c'è qualche strillo da parte dei professori, c'è di mezzo lui.

10 - Il Fantasista

Il re degli scherzi, della goliardia, quello capace di sorprendere in ogni momento. Quello che a volte, con la sua sana dose di follia, riesce a far sorridere addirittura i professori. E forse anche per questo è fondamentale, perchè ridere fa bene a tutti, davanti o dietro ai banchi.

11 - Il mancino

Ce n'è sempre uno in ogni classe. In una squadra sarebbe l'ala sinistra, il talento con qualcosa in più, che arriva con il mancinismo. Quella piccola particolarità in grado di rendere eccezionali anche le cose comuni. Nel bene e nel male. Perchè non si dice mica "tiro mancino" per caso, no?
Consigliato per te
Adulti mascherati da adolescenti: attenzione a non cadere nella rete degli...