Genius 13698 punti

Avarie

Le avarie che una nave è costretta ad affrontare durante la navigazione si classificano in: avarie particolari e avarie comuni. Le avarie particolari sono quelle che si verificano durante il corso naturale degli eventi e avvengono per:
- forza maggiore: causate dal vento e mare in tempesta, con conseguenti movimenti di rollio e beccheggio, che possono provocare naufragi o grandi danni alla nave e al carico;
- casi fortuiti o accidentali: fulmini che causano incendi a bordo;
- colpa nautica: quando si entra in zone dove vi è nebbia, iceberg e campi di ghiaccio che causano urti, collisioni e quindi danni al timone, macchine ed eliche.

Un'avaria particolare è sopportata da chi ne è colpito (armatore, vettore o caricatore) il quale ricorrerà successivamente all'assicurazione marittima.

Un'avaria comune è, invece, il sacrificio volontario di parti della nave o del carico (solo tutto ciò che è indispensabile) che il Comandante ordina al fine di salvare la spedizione (uomini, nave e carico) in seguito a delle avarie particolari. Le spese per i danni prodotti da provvedimenti ragionevolmente presi dal Comandante della nave sono ripartiti fra i soggetti partecipi della spedizione (proprietario, armatore, vettore, noleggiatore, caricatori e destinatari). Se il danno riguarda la nave o il carico (getto in mare della merce, incendi..) si ha avaria danni; se incide sul mancato guadagno (perdita di noli o spese eccezionali per salvare la spedizione) avremo avaria spese.

Hai bisogno di aiuto in Navigazione?
Trova il tuo insegnante su Skuola.net | Ripetizioni
Registrati via email