Video appunto: Primavera di Vivaldi


All’interno di questo appunto è descritta la figura di Antonio Vivaldi, un compositore di origini italiane, famoso per le opere da lui composte, nello specifico “la Primavera”. Di seguito sono riportate tutta una serie di informazioni che riguardano la sua vita, l’età giovanile, il percorso che lo ha portato alla fama, le opere da lui composte, fino ad arrivare alla sua morte.


Indice
Biografia di Antonio Vivaldi
Età giovanile
La sua attività musicale
Età matura ed ultimo periodo
La Primavera
Musica strumentale
Musica vocale


Biografia di Antonio Vivaldi


Informazioni salienti sulla vita di Antonio Vivaldi che compose la Primavera:
  • Antonio Lucio Vivaldi, in arte Antonio Vivaldi, nacque il 4 marzo del 1678 nella città di Venezia.
  • Egli fu un compositore e violinista italiano che ha lasciato un segno decisivo sulla forma del concerto e lo stile della musica strumentale nel periodo del tardo barocco.
  • Viene ricordato per la musica strumentale e per la musica vocale.
  • Infine morì il 28 luglio del 1741 a Vienna in Austria.

Età giovanile


Ecco cosa fece Antonio Vivaldi, autore de la Primavera, in età giovanile:

  • Si sa poco suoi primi anni di vita. Probabilmente fu suo padre Giovanni Battista che gli insegnò molto sulla musica e il violino.
  • Infatti nel 1685 Antonio Vivaldi fu ammesso come violinista all'orchestra della Basilica di San Marco a Venezia.
  • Egli era il più grande tra i suoi fratelli, si formò per il sacerdozio e fu ordinato sacerdote nel 1703.
  • A causa dei suoi capelli rossi, venne definito il “prete rosso”.
  • Nel 1696 insieme a suo padre, suonò per la prima volta nella basilica come un violinista soprannumerario.
  • Nel 1703 Antonio Vivaldi diventò un eccellente violinista e fu nominato maestro di violino presso l’Ospedale della Pietà, una casa per bambini abbandonati dai genitori.
  • All’interno della Pietà, egli passò maggior parte della sua carriera: fu maestro di violino, direttore musicale strumentale e veniva anche pagato per le sue composizioni.

La sua attività musicale


Ecco la sua attività musicale che lo condusse anche a comporre la Primavera.
  • Le prime composizioni musicali di Vivaldi risalgono ai suoi primi anni alla Pietà.
  • Nel 1709 e 1711, apparvero le prime collezioni stampate delle due sonate per trio e sonate per violino.
  • Durante gli anni fino al 1719, la casa editrice musicale di Amsterdam “Estienne Roger” pubblicò altre tre raccolte dei suoi concerti e una raccolta di sonate.
  • Ha ottenuto un grande successo con la sua musica vocale sacra, per la quale ha successivamente ricevuto commissioni da altre istituzioni.
  • Nel 1713 tornato a Venezia, Antonio Vivaldi si immerse subito nell'attività lirica nei ruoli di compositore e impresario.
  • Dal 1718 al 1720 lavorò a Mantova come direttore di musica laica per il governatore di quella città, il principe Filippo d'Assia-Darmstadt.
  • Le principali composizioni di Vivaldi a Mantova erano opere, sebbene compisse anche cantate e opere strumentali.

Età matura ed ultimo periodo


  • Il 1720 fu l’anno dell’apice della carriera di Vivaldi: tra il 1725 e il 1729 affidò cinque nuove collezioni di concerti.
  • Dopo il 1729 Antonio Vivaldi smise di pubblicare le sue opere, trovando più redditizio venderle in manoscritto a singoli acquirenti.vita e opere musicali di Antonio Vivaldi
  • Nel 1730 la carriera di Vivaldi declinò gradualmente, in quanto la sua musica veniva definita no più di moda dal francese Charles de Brosses.
  • Nel 1740 si recò a Vienna, ma si ammalò e non visse per assistere alla produzione della sua opera L'oracolo in Messenia avvenuta nel 1742.
  • Il funerale avvenne il 28 luglio del 1741 in totale povertà.
  • Dopo la morte di Antonio Vivaldi, la sua vasta collezione di manoscritti musicali, costituita principalmente da partiture autografe delle sue stesse opere, fu rilegata in 27 grandi volumi. Durante il 1920, vennero riscoperti alcuni manoscritti che oggi fanno parte delle collezioni Foà e Giordano della Biblioteca Nazionale di Torino.

La Primavera


  • Tale opera dal titolo La Primavera è la prima di quattro concerti delle “stagioni”, chiamate in questo modo poiché vengono raccontate in musica le stagioni.
  • L’autore fu Vivaldi il quale la compose nel 1730 basandosi su un testo poetico, composto da egli stesso.
  • Riguarda un sonetto, cioè una poesia di breve durata ma d’effetto.
  • Primavera si compone di tre parti e viene eseguito solamente da strumenti ad arco.
  • Per tale componimento, l’orchestra è stata divisa in due gruppi, entrambe con parti diverse dello stesso brano.
  • Gli strumenti utilizzati erano utilizzati violini e violoncelli.
  • Nell’opera vengono utlizzati tre movimenti che descrivono tre momenti della stagione che viene rappresentata: l’allegro (che descrive il canto degli uccelli), largo (che descrive il riposo del pastore e l’allegro (la danza finale).
  • C’è un violino che fa da soliste che rappresenta il pastore a riposo, mentre i violini restanti rappresentano il fruscio delle foglie.

Musica strumentale


  • Più di 300 sono concerti sono per strumento solista con orchestra d'archi e basso continuo.
  • Antonio Vivaldi perfezionò la forma di quello che sarebbe diventato il classico concerto in tre movimenti.
  • Egli ha contribuito a stabilire il piano veloce-lento-veloce dei tre movimenti del concerto.
  • Antonio Vivaldi fu il primo a impiegare regolarmente nei suoi concerti la forma di ritornello, in cui le ricorrenti riaffermazioni di un ritornello si alternano a passaggi caratterizzati da uno strumento solista.
  • I movimenti veloci nei suoi concerti sono notevoli per la loro spinta ritmica e l'audacia dei loro temi, mentre i movimenti lenti spesso presentano il carattere di arie scritte per lo strumento solista.
  • L'energia, la passione e la lirica dei concerti di Vivaldi e il loro colore strumentale e semplici effetti drammatici, sono stati inseriti nel linguaggio generale della musica.
  • Molti dei concerti di Vivaldi hanno titoli pittoreschi o allusivi. Quattro di loro, il ciclo di concerti per violino intitolato Le Quattro Stagioni, ogni concerto che descrive una stagione diversa dell'anno.
  • Vivaldi ha anche lasciato più di 90 sonate, principalmente per strumenti a corda.

Musica vocale


  • Esistono più di 50 autentici sacro vocali. Si parla di brevi inni per voci soliste a oratori fino ad arrivare ad elaborate impostazioni di salmi per doppio coro e orchestra.
  • Però non tutte le opere scritte da lui sono sopravvissute in modo completo.
  • Le cantate di Antonio Vivaldi, che arrivano quasi 40 opere, sono state definite le più adatte alla rinascita generale, nonostante la loro qualità sia variabile.