Video appunto: Cavalleria Rusticana, Mascagni
In questo appunto viene descritta l’opera musicale dell’autore Pietro Mascagni dal titolo Cavalleria Rusticana. Questo componimento musicale è articolato in un unico atto scritto dal Mascagni sulla base di un libretto di Giovanni Targioni-Tozzetti, noto librettista e anche politico italiano e Guido Menasci, celebre librettista, giornalista, intellettuale italiano e storico dell’arte.
Quest’opera musicale rientra nel genere della musica lirica e riprende la storia descritta in una delle più importanti e celebri opere letterarie dello scrittore verista Giovanni Verga, la novella Cavalleria Rusticana pubblicata nella raccolta Vita dei Campi pubblicata dalla casa editrice Treves di Milano nel corso dell’anno 1880. L’opera di Verga descrive una storia d’amore e di gelosia ambientata nel paese siciliano di Vizzini. L’opera lirica ha avuto un grande successo a livello mondiale.

Indice
Cavalleria Rusticana di Pietro Mascagni e le sue prime
Trama Cavalleria Rusticana
Personaggi e ruoli nell’opera lirica Cavalleria Rusticana

Cavalleria Rusticana di Pietro Mascagni e le sue prime



Cavalleria Rusticana è un’opera lirica scritta dal compositore musicale italiano Pietro Mascagni ed è formata da un unico atto.

Ecco le principali rappresentazioni di Cavalleria Rusticana del Mascagni:

  1. la sua prima interpretazione è avvenuta in data 17 maggio 1890 presso il Teatro Costanzi sito nella città di Roma;

  2. viene spesso rappresentata insieme all’opera del compositore italiano Ruggero Leoncavallo nota con il titolo Pagliacci dell’anno 1892;

  3. è stata rappresentata insieme all’opera Pagliacci presso il Metropolitan Opera House della città di New York in data 22 dicembre 1893;

  4. le due opere liriche sono state interpretate insieme anche presso la Scala di Milano nell’anno 1926.



Il noto compositore livornese ha scritto tantissimi testi musicali, ma dei sedici che egli ha realizzato senz’altro Cavalleria Rusticana è quello più conosciuto nel mondo, riscuotendo un successo enorme. Alla prima del 17 maggio 1890 interpretata da Gemma Bellincioni e da Roberto Stagno, Cavalleria Rusticana di Mascagni ha avuto tantissimi plausi da parte del pubblico presente. Mascagni chiese due anni prima al librettista e suo amico Giovanni Targioni-Tozzetti di realizzare per lui un libretto in un unico atto; quest’ultimo scelse come soggetto Cavalleria Rusticana, nota novella dell’intellettuale siciliano Giovanni Verga, massimo esponente del verismo italiano. Pietro Mascagni in quel periodo viveva a Foggia, in Puglia, pertanto il libretto è stato scritto a due mani rispettivamente da Giovanni Targioni-Tozzetti e dal suo collaboratore Guido Menasci, anch’egli noto intellettuale e librettista italiano attivo all’epoca. Il Mascagni riceveva i versi dell’opera mediante delle cartoline scritte per corrispondenza dai due compositori musicali.
Il libretto è stato presentato in tempo al Concorso voluto nel corso dell’anno 1888 dall’editore di Milano Edoardo Sonzogno; questa manifestazione era aperta a tutti i giovani compositori musicali che non avevano fatto mai rappresentare una loro opera. Il concorso era aperto a tutti coloro che avrebbero scritto un’opera lirica articolata in unico atto; le prime tre migliori realizzazioni, sottoposte al giudizio di una giuria di prim’ordine composta da cinque critici e musicisti italiani, sarebbero state presentate a Roma a spese dello stesso editore Sonzogno. Dopo un’accurata selezione sono state scelti questi tre componimenti:

  1. Rudello di Vincenzo Ferroni;

  2. Labilia di Nicola Spinelli;

  3. Cavalleria Rusticana, Pietro Mascagni.



Trama Cavalleria Rusticana



Cavalleria Rusticana di Mascagni ha come protagonisti i seguenti:

  • Lola, la moglie del compare Alfio;

  • Alfio, un carrettiere;

  • Lucia, la proprietaria di un’osteria;

  • Santuzza, fidanzata di Turiddu;

  • Turiddu, figlio di Lucia.


La storia si svolge nel paese siciliano di Vizzini all’albeggiare di una domenica di Pasqua, quando nei dintorni del paese si sentono le note musicali di una serenata dedicata a Lola, la moglie del carrattiere Alfio. Tutti gli abitanti del paese iniziano a svegliarsi, così come anche Lucia, la proprietaria dell’osteria locale, la quale sta preparando il vino per i festeggiamenti pasquali che sarebbero avvenuti dopo la cerimonia religiosa.
Presso l’abitazione della donna si reca Santuzza, la ragazza di suo figlio Turiddu che le rivela come questi la tradisce. Anni addietro Turiddu si era promesso a Lola, ma dovendo partire per il servizio militare, la donna - stanca di aspettarlo - decise di sposarsi con compare Alfio. Venendo a sapere del matrimonio tra Alfio e Lola, Turiddu al suo ritorno per vendicarsi decise di fidanzarsi con Santuzza. Nonostante ciò Lola e Turiddu continuarono a vedersi, avendo una relazione clandestina. Lucia non crede a ciò che le rivela Santuzza, ma durante la fase iniziale della processione della messa, arriva Turiddu che saluta la sua fidanzata, che per disperazione gli rinfaccia i suoi continui tradimenti; Turiddu nega all’inizio, per poi interrompere il discorso bruscamente. In seguito arriva anche Lola che intona una canzone all’uomo, con l’intento di provocare Santuzza. I due amanti si recano in chiesa, mentre Santuzza, al colmo della disperazione, scaglia una maledizione contro il suo fidanzato.

La storia di Cavalleria Rusticana di Mascagni continua in questo modo: Alfio giunge in chiesa chiedendo che fine avesse fatto la moglie. Santuzza gli rivela che Lola è in compagnia di Turiddu, con cui ha una relazione extraconiugale; Alfio a questo punto giura vendetta e se ne va. Alla fine della messa tutti si recano presso l’osteria di Lucia, dove si iniziano ad intonare canti gioiosi. Si presenta anche Alfio che offre un bicchiere di vino a Turiddu, il quale rifiuta; l’obiettivo di Alfio è sfidare a duello l’uomo. Lola e Santuzza vengono portate via dall’osteria, mentre Turiddu morde l’orecchio di Alfio, facendo finta di abbracciarlo. Con questo gesto Turiddu ha accettato la sfida a duello all’arma bianca di Alfio.
Turiddu sa di essere in torto e si farebbe uccidere anche nel corso del duello, ma decide di combattere con tutto se stesso per non lasciare sola Santuzza che ha tradito sempre. Il duello sarebbe dovuto avvenire presso un orto.
Prima di andare all’appuntamento, Turiddu si reca dalla madre Lucia, chiedendole di prendersi cura della fidanzata Santuzza, qualora non fosse tornato vivo dal duello. Mentre Lucia e Santuzza si abbracciano, una popolana diffonde la notizia secondo cui Turiddu sarebbe stato ucciso nel corso dello scontro.



Personaggi e ruoli nell'opera lirica Cavalleria Rusticana



I personaggi e i ruoli in Cavalleria Rusticana, Mascagni sono i seguenti:

  • Santuzza è una giovane contadina ed è un soprano.

  • Turiddu, figlio di Lucia, è un giovane contadino ed è un tenore.

  • Lucia è la madre di Turiddu è un contralto.

  • Alfio, che è il carrettiere è baritono.

  • Lola, che sarebbe la moglie di Alfio è mezzosoprano.