Ominide 153 punti

La musica giovanile: il rock ‘n roll


Nel dopoguerra, dalla fusione del genere country and western dei bianchi e il rhythm’n’nblues degli afroamericani, nacque il genere rock. Il genere “rock’n’roll” venne coniato dal disk jokey Alan Freed e significava oscillare e roteare, dunque il nome del genere voleva rimarcare le caratteristiche ritmiche. Di questo genere nacquero nuovi talenti come Wynonie Harris. Il rock divenne un vero fenomeno che condizionava la società e l’industria. Sia l’artista che gli spettatori erano impadroniti dalla musica dando libero sfogo a una partecipazione fisica ed emotiva. Emerse l’importante ruolo delle radio che poteva condizionare i gusti dei giovani. Le case discografiche quindi crearono nuovi artisti che cercavano di seguire i gusti del pubblico anche copiando successi di altri artisti. Il rock è caratterizzato da un timbro sporco degli strumenti, una sonorità ad alto volume e distorte, una vocalità urlata, tutti elementi di derivazione afroamericana. Verso la metà degli anni Cinquanta emersero i primi veri artisti rock: questi sono Little Richard, Chuck Berry; tra i bianchi raggiunsero il successo Elvis Presley, Bill Haley (ricordato per la canzone “Rock Around The Clock” del 1958) e Jerry Lee Lewis.

Il rock negli anni Sessanta


Il rock ebbe enorme diffusione anche in Inghilterra, per somiglianze linguistiche agli Stati Uniti. Il rock divenne un vero e proprio modello di ribellione che ebbe effetto nella moda, nel design, cinema e nei fumetti. Nacquero i primi complessi rock inglesi: i Beatles, i Rolling Stones e gli Who. Nel frattempo, il rock divenne un vero e proprio inno di protesta contro la società e soprattutto dalla guerra in Vietnam. Artisti americani che si opposero a queste guerre furono Bob Dylan e Joan Baez. A New York emerse l’artista Andy Wharol e la band Velvet Underground. Nella seconda metà degli anni Sessanta, nacque tra i giovani europei e americani un vento di ribellione e rivolta. Questo fenomeno di contestazione si scatenò nel 1968. Le manifestazioni furono accompagnate dalla musica rock. L’evento più importante è il Festival di Woodstock nel 1969, un vero e proprio raduno di giovani che dura per tre giorni di fila. L’evento è accompagnato da molti importanti musicisti, il più importante è Jimi Hendrix.

I Beatles (The Fab Four)

Il complesso dei Beatles nacque a Liverpool nel 1962 ma arrivò al successo, scalando le classifiche americane che inglesi, solo nel 1963 con il singolo “Please, please me”. Il gruppo era formato da John Lennon, Paul McCartney, Ringo Starr e George Harrison. Nel 1964 compirono un tour negli Stati Uniti lasciando una traccia indelebile. Col regista Richard Lester, i Beatles girarono due film musicali intitolati “Help” e “A hard day’s night”. Iniziarono ad esserci i fan del gruppo, capaci anche di svenire all’apparizione del gruppo. Con l’utilizzo di stupefacenti, vennero scritti i testi più importanti della cultura psichedelica, uno di questi e “Norvegian Wood”, e vennero creati gli album “Sgt. Peppers’s Lonely Heart Club Band” e “Revolver”; entrambi esprimevano una richiesta di libertà da parte dei giovani. La band ha inoltre scritto canzoni di protesta come quella che andava contro la guerra in Vietnam da parte degli americano. Si sciolsero nel 1970 prima dell’uscita dell’ultimo album “Let it be”.
Hai bisogno di aiuto in Musica per le Medie?
Trova il tuo insegnante su Skuola.net | Ripetizioni
Potrebbe Interessarti
Registrati via email