MiCo9 di MiCo9
Erectus 1005 punti

IL VOLO DI ICARO

Quando Minosse regnava su Creta aveva un costruttore di nome Dedalo. Un giorno Minosse chiese a Dedalo di costruirgli un palazzo in cui rinchiudere il Minotauro. Quando l'architetto completò la sua opera Minosse si meravigliò, ma allo stesso tempo aveva paura che l'uomo ne potesse costruire uno più grande per un altro re. Allora decise di rinchiudere Dedalo e suo figlio Icaro nel labirinto. Il costruttore dapprima si scoraggiò, ma dopo aver osservato degli uccelli in volo si mise a costruire delle ali con della cera. Le mise addosso e le diede al figlio, in pochi attimi si alzarono in aria e piano piano si allontanarono dall'esercito di Minosse che li rincorreva. Icaro sembrava teso, ma successivamente prese confidenza, riuscendo a superare una perturbazione. Questo lo portò a spingersi sempre più vicino al Sole malgrado il padre glielo vietasse. Arrivò così in alto che non sembrò altro che un puntino. Il padre lo richiamava, ma lui non lo ascoltava fino a quando Icaro non si trovò vicinissimo al Sole. Il ragazzo notò che la cera si stava sciogliendo, provò a tornare indietro, ma non vi riuscì. A questo punto il giovane cominciò a cadere sempre più veloce fino a quando si sentì un tonfo in acqua. Dedalo aveva capito che suo figlio era morto e perciò, in suo ricordo, fece chiamare il mare in cui cadde il ragazzo Icario.

Hai bisogno di aiuto in Mitologia?
Trova il tuo insegnante su Skuola.net | Ripetizioni
Registrati via email
Consigliato per te
Maturità 2018: date, orario e guida alle prove