Ominide 7039 punti

Mitologia greca- Arpie

Del grande numero dei mostri mitologici fanno parte anche le Arpie, figure dalla testa di donna e dal corpo di uccello. Per la verità, inizialmente la descrizione di Esiodo non le ritrae come un orrendo miscuglio di donna e rapace, ma soltanto dotate di bei capelli e di rapide ali, che permettono loro di gareggiare con gli uccelli e con il vento; infatti una di loro , Podarge, "dai rapidi piedi", fu corteggiata con successo da Zefiro e generò Xanto e Balio, i cavalli di Achille. Le altre erano Aello, Ocipite, Tiella, Oceno. Da tre che erano, il loro numero aumentò quanto la loro bruttezza: diventarono ripugnanti e fetide, come sperimentò Giasone che dovette liberare Fineo dalla loro mefitica e sconcia presenza. Il mito ne ha mescolato a tal punto carattere e fisionomia nel corso dei secoli che è difficile fare chiarezza: da conturbanti donne alate si ritrovarono mostri con testa, busto e braccia femminili su un corpo di uccello, dotato di aguzzi artigli. Esse furono accostate figurativamente alle Sirene in età ellenistico-romana e si riteneva che dimorassero nei giardini delle Esperidi o comunque nell'Estremo Occidente, in direzione del mondo infero; Virgilio le colloca presso le isole Strofadi, nel mar Ionio, e così farà anche Dante nel XIII canto dell'Inferno.

Hai bisogno di aiuto in Mitologia?
Trova il tuo insegnante su Skuola.net | Ripetizioni
Registrati via email