Ominide 7039 punti

Mitologia greca - Argo

Figlio secondo alcuni di Agenore e secondo altri della dea Terra, è dotato di una corporatura gigantesca e di un numero incredibile di occhi; da alcune fonti ( Euripide) si ricava che i suoi cento occhi cedevano al sonno alternativamente , in due turni di cinquanta per volta. Dotato di una forza prodigiosa, fu protagonista di numerose imprese eroiche. Oltre a liberare l'Arcadia dal flagello di un toro, del quale poi indossò la pelle, e a uccidere nel sonno Echidna , una creatura per metà donna e per metà serpente e madre a sua volta di mostri quali la Chimera, il Cerbero, la Sfinge e l'Idra di Lerna ( Teogonia, Esiodo), fu noto come il vigile custode cui Era ordinò di sorvegliare la sacerdotessa Io, figlia di Inaco. Zeus, invaghitosi di lei, l'aveva posseduta sotto forma di nuvola, ma, scoperto da Era, aveva negato l'accaduto, trasformando la fanciulla in una mucca bianca. L'accorta Era, dopo avere ottenuto in dono la giovenca, l'aveva legata a un albero del proprio giardino sotto la sorveglianza di Argo. Ermes, inviato da Zeus a liberare Io, uccise Argo col pendolo con una pioggia di pietre. Secondo la versione narrata anche da Ovidio nelle Metamorfosi, Ermes avrebbe fatto addormentare il mostro al suono del suo flauto e poi lo avrebbe decapitato. Al che Era avrebbe sparso gli occhi di Argo sulla coda di un pavone, l'uccello a lei sacro, perpetuando in tal modo la memoria del suo fedele servitore.

Hai bisogno di aiuto in Mitologia?
Trova il tuo insegnante su Skuola.net | Ripetizioni
Registrati via email