Soluzione saggio breve tecnico scientifico: tema svolto maturità 2016

manliogrossi
Di manliogrossi

Maturità 2016: saggio breve tecnico scientifico

Tra le tracce maturità proposte oggi agli studenti dal Miur, quella inerente al saggio breve a carattere tecnico-scientifico ha come argomento le avventure dell'uomo nello spazio. Come accaduto per la prima prova maturità 2016, Skuola.net si è messa al lavoro: i nostri tutor hanno svolto questa traccia in modo che gli studenti, terminata la prova, possono immediatamente consultarla. Perciò abbiamo pubblicato la soluzione solo dopo il tempo minimo di consegna dei compiti d'esame. Consultare le prove d'esame durante lo svolgimento stesso può comportare l'esclusione, perciò consigliamo a tutti i maturandi di non guardare questa pagina mentre sono a scuola.

SAGGIO BREVE TECNICO-SCIENTIFICO: LA SOLUZIONE - "L’uomo e l’avventura dello spazio"

Era il 1969 quando avvenne il primo sbarco dell’uomo sulla Luna. Da quella data memorabile, milioni di bambini e, qualche bambina, crebbero con il sogno di diventare a loro volta astronauti per poter viaggiare ed esplorare non il mondo ma l’intero cosmo. Sognare, dopotutto, non costava nulla.
Questa visione fantastica, lascia il posto alla realtà dei fatti: le missioni nello spazio non sono sempre avventurose ed adrenalitiche, bensì occorrono studi e tanta pazienza per arrivare ad avere dei risultati. La scoperta della presenza di acqua sul pianeta Marte, come sottolinea E. Battifoglia, non è che la punta dell’iceberg, la prossima sfida è quella di scoprire se vi siano forme di vita che sono riuscite a sopravvivere o che avranno la possibilità di farlo in futuro in un Pianeta che definire rigido è forse troppo riduttivo.
A tal proposito, la spedizione robotica “ExoMars”, composta da due missioni, una attualmente in corso, e l’altra che avrà luogo nel 2020, con l’obiettivo di studiare la superficie e migliorare la conoscenza del Pianeta in vista di nuove missioni stavolta non più con droni ma composte da equipaggi veri e propri.
L’evoluzione scientifico-tecnologica di questi robot e vari mandati nello spazio a studiare e raccogliere informazioni, se non raggiunge lo stesso appeal di una spedizione di astronauti su un suolo extraterrestre, ha un’ importanza che non deve essere sottovalutata. Grazie ai continui miglioramenti in quest’ ambito si è riusciti a scoprire dell’esistenza dell’acqua su cinque pianeti differenti, con un’analisi spettroscopica, grazie ad una speciale macchina fotografica (Wide Field Camera) impiantata sul telescopio spaziale Hubble.

U. Guidoni, astronauta italiano, pone l’accento su come queste scoperte siano piccoli tasselli che porteranno a grandi scoperte in futuro. Il mondo del cinema, contribuisce a conferire al ruolo dell’astronauta, una figura un po' distorta, che parla essenzialmente di catastrofi e di eroi nel senso avventuroso del termine, con grandi sacrifici per il bene supremo. Se è vero che lo spazio non perdona, e non è per tutti, basti pensare a quanto tempo si impieghi per preparare anche fisicamente un’astronauta alle missioni nello spazio, non bisogna certo sottovalutare l’importanza delle scoperte e degli studi che essi portano a termine. Anche se questi eroi non rispondono al nome di Tom Hanks.

Nell’immaginario collettivo è ancora fresco il ricordo della Missione Futura, della quale ha fatto parte Samantha Cristofaretti, prima donna italiana nello spazio. L’impresa della Cristofaretti si è svolta in tempi diversi rispetto, ad esempio alle imprese di Guidoni ( la sua ultima avventura nello spazio risale al 2001). La Cristofaretti, grazie ai social network, ha potuto tenerci costantemente aggiornata, attraverso tweet e foto. Ed è qui che impietosamente è emersa tutta, permettetemi, l’ignoranza dell’italiano medio. Lo sottolineo perché per ignoranza intendo il non comprendere appieno l’importanza fondamentale delle ricerche svolte dalla Cristofaretti e dal suo team. C’è un post che mi è rimasto particolarmente scolpito nella memoria, chi accusava che i soldi spesi per permettere questa missione, sarebbero stati meglio spesi per il futuro sulla terra. Come se gli astronauti impegnati in queste missioni, si recassero lì in villeggiatura anziché per importanti scoperte scientifiche, il cui scopo è studiare per migliorare il futuro del nostro pianeta. Ma la colpa maggiore per il dilagare di questi opinionisti gratuiti, che sparlano senza conoscere, forse è dei grandi mezzi di comunicazione che non gli dedicano le giuste attenzioni. Non metto in dubbio che una partita di calcio attiri di più l’italiano medio, ma ciò non toglie che questo italiano medio debba essere informato di ciò che accade intorno a lui, e di cose importanti che si fanno per preservare e migliorare l’ambiente in cui vive.

Le missioni spaziali, permettono di studiare i materiali in assenza di gravità, cosa che sulla Terra non è possibile. Permettono di studiare come le forme di vita si comportino in queste situazioni, e ciò permette di preparare a stare periodi sempre più lunghi lontani dalla Terra. In questo caso gli astronauti sono essi stessi sperimentatori e cavie. Se le spedizioni di robot non hanno la stessa portata dell’uomo sulla luna a livello mediatico, provate ad immaginare quando si raccoglieranno abbastanza informazioni per permettere all’uomo di sbarcare su Marte. Nel 1492 Cristoforo Colombo si è avventurato in mare e ha scoperto l’America. Chissà chi sarà il futuro eroe moderno che per primo calpesterà il suolo del Pianeta rosso. Chissà quante e quali incredibili scoperte ci riserverà il futuro. Magari noi non vivremo abbastanza per vederle, ma i nostri eredi invece di studiare i vari pianeti dallo schermo di un pc, avranno la possibilità di vederli più da vicino, che so, magari con un “ tour itinerante nello spazio”. Potrebbe essere una buona idea come regalo per i 18 anni, ma chissà quanto faranno pagare un biglietto.

A cura di Elvira Anna Tenaglia

LA HELP LINE - La redazione di Skuola.net sarà a fianco di tutti i maturandi per permettere loro di affrontare con successo le prove della maturità e i temi maturità 2016. Raccoglieremo tutte le vostre segnalazioni e risponderemo alle vostre domande per ognuna delle giornate della maturità 2016, al fine di risolvere ogni dubbio. Le soluzioni dei nostri tutor non saranno tuttavia pubblicate prima dell'orario consentito per legge. Infatti lo scopo è quello di fornire le soluzioni pronte una volta usciti dall'aula d'esame, non quello di far copiare i maturandi e far loro invalidare l'esame di Stato.
Per ogni informazione, dubbio o problema, ecco i nostri recapiti:

via mail a redazione@skuola.net
tramite WhatsApp al numero 3938025594
via Twitter @skuolanet
via Facebook

Guarda i consigli della docente su come svolgere le diverse tipologie

SAGGIO BREVE TECNICO SCIENTIFICO: L’ANALISI DELLA TRACCIA
Dopo aver letto attentamente la traccia bisogna:
- Sottolineare e appuntarsi per ogni fonte le cose che si ritengono più importanti
- cercare di estrapolare un filo conduttore che faccia poi da base alla tesi che porteremo avanti

- Scartare eventuali fonti che non si ritengono utili per la soluzione del saggio breve tecnico scientifico.

SAGGIO BREVE AMBITO TECNICO SCIENTIFICO 2016 : LA STRUTTURA
Anche per il saggio breve tecnico scientifico è necessaria una struttura da seguire durante la stesura. Un consiglio è scrivere in modo semplice ma senza trascurare la precisione. Ecco come strutturarlo:
- Titolo
- Presentazione dell’argomento oggetto del saggio
- Esposizione della propria tesi
- Conclusione

SAGGIO BREVE TECNICO SCIENTIFICO 2016: IL CONTENUTO
La sintesi è una caratteristica del saggio breve: non dilungantevi troppo nello svolgimento, c’è il rischio di uscire fuori traccia.


Manlio Grossi

Commenti
Skuola | TV
La Skuola Tv sta per tornare

Dopo mesi di vacanza, siamo pronti per ritornare a farvi compagnia!

4 ottobre 2017 ore 16:30

Segui la diretta