Tesina sulla pallacanestro

Tesina pluridisciplinare sulla pallacanestro. Questa tesina riguarda uno studio approfondito su un o degli sport più popolari del mondo, vengono affrontate tematiche storiche e sociali, ma anche considerazioni scientifiche sullo sport.

Allegati
Questo appunto contiene 1 file allegato

Questo download è disponibile soltanto per gli utenti registrati.
Dimensione: 1224 kB, scaricato 2 volte

E io lo dico a Skuola.net

La pallacanestro fu ideata nel 1891 dal dottor James Naismith, professore di educazione fisica canadese, che lavorava presso la “YMCA International Training School” di Springfield, nel Massachusetts. Gli fu chiesto di trovare uno sport, al chiuso, che potesse tenere in allenamento, durante la stagione invernale, i giocatori di football in alternativa agli esercizi di ginnastica.
Il basket era liberamente ispirato ad un antico gioco chiamato “Duck-on-a-rock”, il cui principio era quello di colpire un sasso, posizionato su una piattaforma, attraverso il tiro a parabola di altri oggetti.
In principio era regolato da tredici norme, con un cesto di vimini appeso alle estremità della palestra del centro sportivo, dal quale occorreva recuperare la palla con una scala, e due squadre di nove giocatori.
Lo sport divenne popolare negli Stati Uniti in brevissimo tempo, cominciando subito dopo a diffondersi in tutto il mondo e giungendo anche in Italia. Ma il suo sviluppo nel nostro paese fu tutt’altro che scontato. Si è sempre pensato che il basket fosse uno sport per uomini forti, che richiedesse, oltre a molta tecnica, anche tanta forza atletica, una qualità che, secondo la maggior parte delle persone, non appartiene alle donne. Eppure il basket si è diffuso in Italia proprio grazie ad una donna, che è andata oltre i pregiudizi di inferiorità fisica. La donna in questione è Ida Nomi Pesciolini. Era Maestra di Sport della società sportiva “Mens Sana in corpore sano” di Siena e quasi casualmente si ritrovò a leggere e tradurre il regolamento dello sport proposto da Naismith. Al contrario di ciò che si può pensare oggi, la sua prima impressione fu che si trattasse di uno sport “particolarmente adatto alle ragazze” e fu così che decise di presentare il gioco della ‘Palla al cerchio ’ ai suoi colleghi e a numerosi spettatori durante la manifestazione sportiva che si tenne nel 1907 nella palestra di Sant’Agata. Non è un caso che la declinazione di “Pallacanestro” sia, appunto, femminile.

Registrati via email
In evidenza