Sfida e competizione, tesina

Tesina di maturità sull'argomento della sfida e competizione che va dalle competizioni scientifiche e tecnologiche a quella che si svolgevano nel complesso del Foro Italico.

Allegati
Questo appunto contiene 1 file allegato

Questo download è disponibile soltanto per gli utenti registrati.
Dimensione: 3970 kB, scaricato 26 volte

E io lo dico a Skuola.net
Ho scelto come argomenti della mia tesina la sfida e la competizione. Sono arrivato ad un traguardo importante e guardando agli anni passati mi sono reso conto di quanto io sia cambiato e cresciuto. Penso a quante sfide ho dovuto affrontare e quanto queste siano state fondamentali affinché io cominciassi a camminare a testa alta come un giovane uomo. Ho seguito il mio istinto e non ho mai perso l’occasione di mettermi in gioco, sfidare me stesso e competere con chi mi sta accanto. Ho seguito ciò che disse Bob Marley, noto cantante Giamaicano : "Non lasciare mai che la paura di perdere ti impedisca di partecipare" ... e oggi sono qui con la voglia di non fallire e con la consapevolezza che non mi sarò tirato indietro, come quando gioco a pallavolo, combatterò fino all'ultimo punto, che, comunque vada ... avrò dato un senso alla mia vita.
“Dal profondo della notte che mi avvolge, Buia come un pozzo che va da un polo all'altro, Ringrazio qualunque dio esista Per l'indomabile anima mia.
Nella feroce stretta delle circostanze Non mi sono tirato indietro né ho gridato. Sotto i colpi d’ascia della sorte Il mio capo è sanguinante, ma indomito.
Oltre questo luogo di collera e di lacrime Incombe solo l'Orrore delle ombre, Eppure la minaccia degli anni Mi trova ,e mi troverà, senza paura.
Non importa quanto stretto sia il passaggio, Quanto piena di castighi la vita, Io sono il padrone del mio destino: Io sono il capitano della mia anima.”
INVICTUS - William Ernest Henley.
E so che, anche dopo questa sfida della maturità, che sto per cominciare, potrò dire INVICTUS.
ERNEST HEMINGWAY – A FAREWELL TO ARMS, A CHALLENGE TO DEATH “The world is a fine place and worth the fighting for” (Ernest Hemingway)
LIFE Ernest Hemingway was born in Oak Park, Chicago in 1899 and died in Idaho in 1961. He was a writer and journalist. He was one of most famous novelist of IX century. He wrote about the challenge to death. He wrote the most important novel about the First World War: “A Farewell to Arms”. In 1954 he won the Nobel for literature. Hemingway was a doctor’s son and for his love for war decided to leave USA to fight in Italy in the IWW. Then he didn’t come back to America but he remained in France where he worked as a journalist and a reporter. In Paris he met a lot of famous writers like James Joyce and in 1929 he published his masterpiece “A Farewell to Arms”, which got immediate success for its very particular and interesting topics: the challenge to death. But “A Farewell to Arms” isn’t his only work about this theme, in fact Hemingway wrote about bullfighting, his lions hunting in Africa and about the Civil War in Spain.
POETICS Ernest Hemingway became so important for his particular writing technique: -He uses the interior monologue; -The language which he uses is simple but the active participation of the reader in the act of understanding is requited; -He has a reason for using such a simple language: the important parts of the story aren’t those written, but those which aren’t; - He uses dialogues to build up his characters; -The characters are identified by their actions; -He can describe in a simple manner the most difficult things like characters, landscape and emotions. This capacity comes from his work as journalist.
A Farewell to Arms One of his main works is "A Farewell to Arms", published in 1929 and based on personal experience. It's a story of love and war that takes place in Italy before, during and after the battle of Caporetto in the 1WW. The central characters are an American ambulance driver, Lieutenant Henry Frederick, and an English nurse, Catherine. From Henry's point of view, Hemingway describes an idealistic man shaken by the events of the war. Frederic Henry is a young American soldier, who decided to fight in Italy, because he loved war. During the war he was an ambulance driver, he carried the injured to the hospital. He discovered that the war wasn’t as wonderful as he believed. Henry met an English nurse, Catherina Barkley. Frederic fell in love with Catherine and together escaped to Switzerland. We have read two extracts from “A Farewell to Arms” both describe the experience of Henry about the war: - In the first extract Henry is talking with a group of Italian soldiers about the need to end the war.
There are two points of view one of Henry and another of Passini. Henry, who represents Hemingway’s ideals, thinks defeat is worse than war; the honor is the main value, it is better to die than to be defeated. In fact he would die for glory and honor. Hemingway believes in war, because war is honorable. The others points of view are those of Italian soldiers like Passini and Manera, and their ideals are opposite of Henry‘s. They say the war is only a massacre, a way to make money. Passini says: “there's nothing worse than war “and for him the main value is life, home, peace and freedom. Passini wants Henry to understand that war is stupid because it is a war born from the stupidity of a class and it can't end easily. According to Passini the soldiers can’t stop the war, it doesn’t finish. There is no end to a war. This extract is focused on the dialogue of the characters. By the dialogue the reader can understand everything about the story and he immerses himself into the narration. -In the second extract we have an interior monologue of Henry during Passini ’s death. Henry changes his mind about the war and understands that what Passini had said was true.
According to “the code hero or heroine” (like Catherine Barkley) the protagonist must perform his or her work well to create a kind of personal meaning amidst the greater meaninglessness of life. Still, life is filled with misfortunes, and a hero is known by the way he endures those misfortunes. Ultimately, the hero will lose in his conflict with life because he will die. But all that matters is how one faces death. In fact, one should court death, in the bull ring, on the battlefield, against big fish, because facing death teaches us how to live. Along with this, the code hero must create and follow certain rituals regarding death because those rituals help us. The bullfighter must have grace and must make his kills clean. He must face noble animals. He must put on his suit a certain way. Similarly, a fisherman shouldn't go out too far. He should respect the boundaries the fish have established for fishermen. Religion is helpful only in that it provides us with rituals. But religions are wrong when they promise life after death. Behind Hemingway’s formulation of this concept of the hero lies the basic disillusionment brought about by the First World War. The sensitive man came to the realization that the old concepts and the old values embedded in Christianity and other ethical systems of the western world had not served to save mankind from the catastrophe inherent in the World War.
GIACOMO LEOPARDI – IL PESSIMISMO EROICO, LA SFIDA DELL’UOMO NEL COLLABORARE PER ESSERE FELICI "Andiamoci incoraggiando, e dando mano e soccorso scambievolmente, per compiere nel miglior modo questa fatica della vita". (Dialogo di Plotino e Porfirio)
LA VITA Giacomo Leopardi nacque a Recanati nel 1798 in una famiglia nobile composta dal padre, che si occupava di politica, di orientamento conservatore, dalla madre, molto legata alla chiesa e da una sorella e fratello a cui rimarrà molto legato. Leopardi cominciò a 9 anni i suoi studi seguito da un precettore nella biblioteca di casa, costruita con gli sforzi del padre, nonostante le difficoltà economiche della famiglia, per lui ed i suoi fratelli. L’incessante studio (latino, greco, ebraico, inglese) portò ad aggravare le condizioni di salute di Leopardi già compromesse (scoliosi e problemi di vista). In questo periodo comincia a scrivere lo “Zibaldone” . All’età di 20 anni volle scappare da Recanati, tanto amata, ma ormai troppo stretta per la sua voglia di sapere. Quindi decide di andare a Roma, ma ci riuscirà solamente, dopo vari tentativi, nel 1822 ottenendo il consenso del padre. Arrivato a Roma non ne rimane soddisfatto e dopo sei mesi torna a casa, dove comincia a scrivere le “Operette Morali”. Rimase a Recanati fino al 1825 data in cui cominciò a spostarsi tra Milano, Bologna, Firenze e Pisa, fino a ritornare a casa per problemi economici e soprattutto di salute. In questo periodo tra il 1828 e il 1830 scrisse “I Grandi Idilli” in cui vengono inserite opere quali : “La quiete dopo la tempesta”, “Il sabato del villaggio” ed “il passero solitario”. Nel 1830 aiutato da amici si trasferì a Firenze dove incontrò Fanny Targioni Tozzetti, un amore che non fu mai ricambiato. Con la malattia che avanzava e pensando che l’aria di mare gli avrebbe fatto bene, Leopardi viene portato dal suo amico Ranieri a Napoli. Nel suo trascorso campano non ebbe più le forze di scrivere ne’ di leggere, tanto che il ruolo di Ranieri divenne fondamentale nella conclusione dell’ultima opera di Leopardi cioè “La Ginestra”. Morì nel 1837 dopo una crisi di asma all’età di 39 anni.
LA POETICA Leopardi viene considerato uno dei più grandi poeti dell’Ottocento per vari motivi, tra cui le innovazioni apportate, dal punto di vista della forma, alle sue opere: - scrive in poesia utilizzando la canzone libera, per l’assenza di schemi rigidi, in modo da poter dare più libertà al pensiero, ma poi, ritenendo la poesia troppo sentimentale e povera di contenuti, approda ad una poesia più filosofica; - inventore del “pensiero poetante” o “poesia pensante”; se prima di lui, tramite gli strumenti poetici si esprimevano i sentimenti, adesso, egli oltre la componente sentimentale, esprime il proprio pensiero. Leggendo i suoi testi si può perciò rintracciare lo svolgimento del suo pensiero. Si può infatti notare la differenza del modo di scrivere nel corso delle sue elaborazioni, motivo per il quale venne spesso accusato di contraddizione; ma è proprio delle persone intelligenti la capacità di mettersi in discussione e di
rielaborare di continuo ciò che si pensa, formando così un proprio percorso di crescita; - la fine ricerca di vocaboli che portano alla vaghezza, con pluralità di significati, affinché il lettore si immerga nella propria immaginazione; difatti Leopardi va a coniugare il linguaggio poetico con quello filosofico, contrapponendo alla rigorosità della prima, la forza di immaginazione della seconda. La visione di uno spazio limitato, circoscritto, dove la vista è limitata da un ostacolo, stimola il lavoro dell'immaginazione, che coglie in maniera vaga e indefinita ciò che sta oltre. Il bello poetico quindi consiste nel vago e si esprime non solo in natura, ma anche nelle arti. Non basta. La poetica del vago e dell'indefinito ha anche una dimensione temporale; accade nel ricordo vago del passato, in particolare del passato felice e speranzoso della fanciullezza. Si tratta della poetica delle rimembranze, per cui la poesia non è altro che recupero della visione immaginosa della fanciullezza attraverso la memoria.
IL PENSIERO Leopardi vive in un periodo nel quale c’è una forte corrente illuministica, ma anche forti ideali romantici, ed egli prenderà spunti sia dagli uni che dagli altri: dall’ illuminismo prende il valore della ragione e la concezione meccanicistica, ma non crede al fatto che la ragione possa dare felicità all’uomo; dal romanticismo prende il conflitto interno all’ uomo e la volontà di libertà espressa anche dalla struttura delle poesie, ma è contrario al fatto che ci sia la possibilità di cambiare la cose, in quanto questo si va a scontrare con la sua idea pessimista. Gran parte della sua vita, Leopardi la dedica alla ricerca della felicità degli uomini, ma ponendosi domande a riguardo, capisce che la situazione dell’uomo è negativa. La sua ricerca si sviluppa in vari periodi, nei quali vedremo a volte cambiare del tutto la sua idea, proprio secondo il pensiero poetante: - PESSIMISMO INDIVIDUALE : Le esperienze dell'adolescenza e della prima giovinezza conducono Leopardi a pensare che la vita sia stata spietata con lui, ma che altri possono essere felici. Questa contrapposizione emerge, ad esempio, nella canzone “Ultimo canto di Saffo”, in cui la poetessa greca Saffo arriva al suicidio, come denuncia di una natura che non le ha dato la bellezza esteriore e per il rifiuto d’amore da parte di Faone. Il dolore diviene dunque strumento di conoscenza in quanto fonte di una riflessione che accompagna tutta la vita del poeta. - PESSIMISMO STORICO : Questo periodo è influenzato dalla prima conversione, che porta il poeta a dedicarsi allo studio della poesia classica. Leopardi capisce che non è l’unico ad essere infelice e mette al confronto la società del tempo con le civiltà del passato: in passato gli uomini vivevano più a contatto con la natura e vedevano in essa la realizzazione della loro aspirazione, ma nel tempo il progresso e la civilizzazione hanno bloccato questa armonia. Quindi identifica come causa della nostra infelicità proprio la ragione, mentre la natura e la poesia sono il nostro unico conforto. - PESSIMISMO COSMICO : Dal 1823 Leopardi ha la seconda conversione, per cui si stacca dall’idea religiosa maturando interesse per la filosofia e le tesi del meccanicismo, studiando così le idee illuministe. Comincia a pensare che la natura non sia predisposta a favorire la felicità dell’uomo e diviene perciò doppiamente condannabile, perché fa nascere l’aspirazione alla felicità ma non permette di realizzarla. Quindi Leopardi mette in risalto la ragione, in quanto è lo strumento che fa capire che la natura è matrigna. Così la possibilità dell’ uomo di essere felice viene perduta e ricondotta agli istanti che intercorrono tra un dolore e l’altro. L’unica scelta ovvia diventa così il suicidio. - PESSIMISMO EROICO : Nell'"Operetta morale" “Dialogo di Plotino e Porfirio”, la lunga discussione tra i due filosofi antichi sul suicidio si conclude con l'affermazione che la scelta di uccidersi dev'essere rifiutata, in quanto questo gesto aggiungerebbe un ulteriore motivo di sofferenza per gli amici del suicida, i quali, come tutti gli uomini, devono già patire tanto dolore. Dunque, conclude Plotino, "andiamoci incoraggiando, e dando mano e soccorso scambievolmente, per compiere nel miglior modo questa fatica della vita". In questo testo è possibile trovare la manifestazione di uno spirito di solidarietà e condivisione, che nasce
dalla constatazione che non v'è altro modo per difendersi dalla potenza cieca della Natura e dall'alternativa dolore/noia entro la quale si svolge la vita dell'uomo, recuperando il concetto filosofico antico della cura di sé.
Quest'ultima fase del pessimismo leopardiano è chiamata pessimismo eroico, poiché l'uomo afferma orgogliosamente ed eroicamente la propria dignità, insieme con i propri simili. Il male storico dipende dal libero sfogo dell’egoismo umano: noi viviamo tutti per la morte e, anche se accomunati dalla stessa miseria della vita e dall’odio implacabile della Natura, tendiamo a contrapporci l’un l’altro per desiderio di affermarci, voglia di prevalere, che sono la manifestazione degli istinti più bassi. Così accresciamo il già grande male di vivere. Ma l’uomo è essere razionale, soggetto di cultura, dunque può controllare i bassi istinti, che sono fondamentalmente antisociali, e produrre valori alternativi come la compassione, la solidarietà, l’amicizia, che invece fondano la società. È questo il compito della ‘filosofia dolorosa ma vera’, che riconosce francamente il male della vita e mostra concretamente come esso possa essere mitigato. Questo è il compito del nuovo poeta, che così recupera la funzione di vate al servizio tanto della verità quanto dell’intera umanità e si fa promotore di autentica cultura e autentico progresso sociale.” L’etica della solidarietà è il tema centrale della “Ginestra”, concepito come un messaggio indirizzato sia ai contemporanei sia ai posteri: si impone una grande alleanza fra tutti gli uomini, una “social catena” che coalizzi i mortali contro l’empia Natura e abbia il coraggio della verità.
LA GINESTRA : E’ una canzone libera con stanze di diverse lunghezze. E' l'ultimo canto leopardiano, composto nel 1836 e pubblicato postumo a cura dell'amico Antonio Ranieri, che lo pose come ultimo a chiudere la serie dei "Canti" seguendo le indicazioni del Leopardi stesso. Viene considerato come il testamento spirituale di Leopardi nel quale vuole trasmettere un messaggio di solidarietà umana e, al di là del suo pessimismo, volgere lo sguardo verso l'avvenire. Si individua all’inizio la ginestra, un cespuglio dai fiori gialli che cresce sulle pendici del Vesuvio, in questa parte vengono messe in contrapposizione la potenza della natura (il vulcano), e la fragilità dell’uomo e delle sue opere. "La Ginestra" si propone come luogo dove il Leopardi concentra l'essenza della sua lunga e profonda riflessione sul significato della vita ed in sostanza consegna ai lettori l’ultima evoluzione del suo pensiero, cioè il pessimismo eroico, unica strada del poeta per poter contrastare la natura. Leopardi inizia la poesia con la descrizione di un paesaggio desolato, quello del Vesuvio, rallegrato solamente dalla ginestra e contempla in modo doloroso la potenza di un fenomeno della natura, come l'eruzione di un vulcano, e ne analizza tutti gli effetti di distruzione confermando la precarietà della condizione umana . Il poeta ricorda di aver visto la ginestra abbellire con i suoi steli le campagne nei dintorni di Roma, città che fu dominatrice dei popoli; ora i cespi, con il loro aspetto cupo e silenzioso testimoniano al visitatore la gloria dell’antico, e per sempre tramontato, impero romano. Come nei dintorni di Roma, così anche sul suolo vulcanico, la ginestra si rivela agli occhi del poeta fiore innamorato dei luoghi tristi e abbandonati dagli uomini, comportandosi come una compagna fedele di sorti infelici. I luoghi nei quali cresce il fiore gentile (gentile perché disposto ad abbellire con la sua presenza posti così solitari) sono tutti cosparsi di cenere infeconda, al contrario di un tempo, nel quale i campi erano fertili e ricchi di pascoli e dove sorgevano giardini e palazzi. La pietosa pianticella, come se volesse commiserare le disgrazie altrui, esala al cielo un soave profumo che addolcisce un po’ la desolazione di quel deserto. In questa ampia composizione poetica (317 versi) si alternano rappresentazioni del paesaggio (dal Vesuvio a Mergellina e a Pompei), riflessioni sulla natura e sul suo rapporto con il mondo e con l'uomo, sferzanti accenti polemici rivolti al proprio tempo, velati riferimenti autobiografici e confluiscono, in una sintesi
potente, le convinzioni di Leopardi sull'uomo, la Natura, i miti dell'Ottocento. Stolto l'uomo, agli occhi del Leopardi, che nutre tanto orgoglio per le proprie scoperte e le proprie conquiste, mentre non si rende conto di quanto siano insignificanti. Debole, fragile, passeggero, l'uomo ha dunque una sola vera ricchezza: la sua dignità, ed è questa che deve difendere ad ogni costo, perché è l'unica cosa che lo distingue veramente dall'animale, vissuto e morto senza sapere nulla di sé. Ed ecco quindi la proposta, il messaggio di solidarietà, di eroismo, per affrontare con lucidità la realtà, la coscienza del vero. Il suo ultimo appello alla fraternità è rivolto a tutti gli esseri umani: l'unico mezzo per sfuggire all'unica vera nemica comune (la Natura) è quello di cooperare in una lotta comune lasciando da parte inutili conflitti fratricidi. Sulle pendici riarse e desolate del Vesuvio solo una pianta riesce a vivere, la ginestra, flessibile e tenace: simbolo dell'uomo che sa accettare la verità sulla propria condizione e, su questa verità, può costruire la propria dignità.
Bibliografia -Alberto Asor Rosa, “Sintesi di storia della letteratura italiana”, La Nuova Italia, Firenze, 1986. -Guido Baldi, Sivia Giusso, Mario Razetti, Giuseppe Zaccaria, Giacomo Leopardi in “La letteratura, volume 4”, Milano, Paravia, 2007. - Corrado Bologna, Paola Rocchi, “Rosa fresca aulentissima, volume 4”, Loescher.
I BALILLA: LA COMPETIZIONE PER CRESCERE E SERVIRE LA PATRIA « Combatterò per superare tutte le prove, per conquistare tutti i primati con il vigore sui campi agonali con il sapere negli arenghi scientifici. Combatterò per vincere nel nome di Roma così combatterò come il Duce comanda Lo giuro. » (Giuramento dei Littoriali)
LA STORIA Insediato al governo, Mussolini, per consolidare il suo potere, cercò di fascistizzare l’intera società, inaugurò così una nuova fase, nella quale puntò su una capillare ricerca del consenso e del controllo su tutti gli aspetti della società: scuola, lavoro, tempo libero. L’ intesa con la Chiesa cattolica fu uno dei momenti più importanti di questa strategia. L’11 febbraio del 1929, Mussolini e il cardinale Gasparri firmarono i Patti lateranensi: si riconosceva alla Chiesa la proprietà del Vaticano, e con un indennizzo di 1 miliardo e 700 milioni di lire, la Chiesa dichiarò chiusa la questione romana, riconoscendo Roma come capitale del Regno d’Italia. Inoltre si imponeva ai vescovi di dichiarare fedeltà allo Stato, con il riconoscimento di alcuni privilegi per la Chiesa, quali la validità civile del matrimonio religioso, l’esonero del servizio militare per gli uomini di chiesa, il riconoscimento dell’Azione Cattolica e l’introduzione dell’insegnamento della religione cattolica nelle scuole. In questo modo Mussolini era riuscito ad allargare la base di massa del suo potere grazie all’ampio consenso ottenuto fra i cattolici. Una forte opera di fascistizzazione fu fatta anche in ambito mediatico attraverso censure giornalistiche, trasmissioni radiofoniche (fondato l’Ente radiofonico Eiar), cinegiornali di propaganda fatti dall’Istituto Luce e l’istituzione del ministero per la Stampa e la Propaganda. Per controllare ed inquadrare la vita del cittadino in ogni suo aspetto, il fascismo istituì anche l’Opera nazionale maternità e infanzia e l’Opera nazionale dopolavoro, organismo che aveva il compito di organizzare il tempo libero dei lavoratori con varie attività ricreative. Il regime fascista si pose comunque il problema di come diffondere i propri ideali all’interno della società, a cominciare dai giovani. Mussolini sosteneva che: “L’ educazione fascista è morale, fisica, sociale e militare: è rivolta a creare l'uomo armonicamente completo, cioè fascista come noi vogliamo" , così seguendo questo ideale nel dicembre 1925 Mussolini diede all'ex ardito Renato Ricci la guida del movimento giovanile con il compito di "riorganizzare la gioventù dal punto di vista morale e fisico". Per l'occasione Ricci prese contatti in Inghilterra con Robert Baden-Powell, fondatore dello scautismo (che secondo lo stesso Ricci gli avrebbe dato "preziosi consigli"). Così nel 1926 fu istituita una legge che sanciva la nascita dell’opera nazionale balilla (ONB): LEGGE 3 Aprile 1926, n. 2247 VITTORIO EMANUELE III, PER GRAZIA DI DIO E PER VOLONTÀ DELLA NAZIONE RE D'ITALIA IL SENATO E LA CAMERA DEI DEPUTATI HANNO APPROVATO; NOI ABBIAMO SANZIONATO E PROMULGHIAMO QUANTO SEGUE:
Art. 1 - È ISTITUITO UN ENTE MORALE, CON SEDE IN ROMA, DENOMINATO "OPERA NAZIONALE BALILLA PER L'ASSISTENZA E PER L'EDUCAZIONE FISICA E MORALE DELLA GIOVENTÙ". TALE ENTE È SOTTOPOSTO ALL'ALTA VIGILANZA DEL CAPO DEL GOVERNO, PRIMO MINISTRO.
Art. 2 - HANNO TITOLO ALL'ASSISTENZA PREVISTA DALLA PRESENTE LEGGE I MINORI DEGLI ANNI 18 DI AMBO I SESSI, SALVO IL DIRITTO PER COLORO CHE ABBIANO CONSEGUITO LE PROVVIDENZE DI CUI ALL', A CONSERVARE TALI BENEFICI FINO AL COMPIMENTO DEGLI STUDI.
Art. 3 - L'OPERA NAZIONALE REALIZZA LE SUE FINALITÀ A MEZZO DELLE ISTITUZIONI DEI BALILLA E DEGLI AVANGUARDISTI. L'ISTITUZIONE DEGLI AVANGUARDISTI CURERÀ IN ISPECIE L'ADDESTRAMENTO E LA PREPARAZIONE DEI GIOVANI ALLA VITA MILITARE.
Art. 18 - È ABROGATA OGNI DISPOSIZIONE LEGISLATIVA E REGOLAMENTARE INCOMPATIBILE CON QUELLE DELLA PRESENTE LEGGE, LA QUALE ENTRERÀ IN VIGORE NEL TERMINE DI DUE MESI DALLA PUBBLICAZIONE. NELLO STESSO TERMINE SARÀ APPROVATO CON DECRETO REALE, SU PROPOSTA DEL CAPO DEL GOVERNO PRIMO MINISTRO, IL REGOLAMENTO PER LA SUA ESECUZIONE E PER IL FUNZIONAMENTO DEI SERVIZI DI ASSISTENZA E DI EDUCAZIONE FISICA E MORALE DELLA GIOVENTÙ. ORDINIAMO CHE LA PRESENTE, MUNITA DEL SIGILLO DELLO STATO, SIA INSERTA NELLA RACCOLTA UFFICIALE DELLE LEGGI E DEI DECRETI DEL REGNO D'ITALIA, MANDANDO A CHIUNQUE SPETTI DI OSSERVARLA E DI FARLA OSSERVARE COME LEGGE DELLO STATO.
DATA A SAN ROSSORE, ADDÌ 3 APRILE 1926. VITTORIO EMANUELE MUSSOLINI - FEDERZONI - VOLPI - FEDELE – BELLUZZO VISTO, IL GUARDASIGILLI: ROCCO
Il nome sembra che derivi da un evento realmente accaduto intorno alla metà del XVIII secolo: si racconta che alla fine del 1746 fosse in atto uno scontro fra il governo della città di Genova e l’esercito austriaco. Alla fine prevalse quest’ultimo, e gli austriaci iniziarono a requisire le armi e l’artiglieria nemica. Durante lo spostamento di un grande mortaio da parte di un drappello di soldati austriaci, però, cominciò a piovere violentemente, rendendo difficoltosa l’avanzata della pesante arma che sprofondava nella terra bagnata. Il capo del manipolo chiese ai popolani che affollavano la via di aiutarli, quando da un gruppo di giovani che stava assistendo alla scena si fece avanti un ragazzino di nome Giovan Battista Perasso , soprannominato da chi lo conosceva “Balilla”, che scagliò un sasso contro i soldati. Fu l’inizio di una fitta sassaiola che costrinse il manipolo di austriaci alla fuga. Nel 1927 il regime fascista sciolse per legge le organizzazioni giovanili non fasciste, tra cui le associazioni scout. Molti scout continuarono a svolgere le proprie attività in clandestinità e parteciparono attivamente alla lotta antifascista. Uno dei principali gruppi che continuarono le attività fu quello delle Aquile randagie, a Milano e alcuni gruppi scout italiani all'estero proseguirono le loro attività. L'unica organizzazione rimasta attiva fu la Gioventù Italiana Cattolica, che dovette comunque ridurre le proprie attività. Indubbiamente uno dei modi di espandere gli ideali fascisti era quello di educare i bambini già a partire dalle elementari. Ciò avvenne poco alla volta, a partire dalla riforma Gentile del 1923 proseguendo in seguito con gli altri ministri suoi successori. Nel 1929 fu introdotto il libro di testo unico per le elementari e sempre nello stesso anno ai maestri venne imposto il giuramento di fedeltà al regime fascista. "L'Opera nazionale balilla per l'assistenza e per l'educazione fisica e morale della gioventù" (nome completo dell'ente di stato) a partire dal 1937 confluì, insieme ai Fasci giovanili di combattimento, nella GIL (Gioventù italiana del littorio).
COMPOSIZIONE L’opera nazionale balilla fu suddivisa a seconda del sesso e dell’età in vari corpi: * Balilla: ragazzi dagli 8 ai 14 anni * Piccole italiane : ragazze dagli 8 ai 14 * Avanguardisti: ragazzi dagli 14 ai 18 * Giovani Italiane: ragazze dai 14 ai 18.
* Figli della Lupa : dai 6 agli 8 anni (aggiunti più tardi). Tra i 18 e i 22 anni i giovani entravano poi nei "Fasci Giovanili di Combattimento" e nelle "Giovani fasciste" (gruppi esterni all'ONB). Studenti universitari e delle scuole superiori erano invece tenuti ad aderire ai GUF, Gruppi Universitari Fascisti (anch'essi esterni all'ONB) i quali venivano radunati per partecipare ai Littoriali. Oltre ai balilla esistevano anche i marinaretti, che costituivano un'istituzione premarinara alla quale si accedeva dopo aver ottenuto il nulla osta dalla propria legione di appartenenza; ne facevano parte ragazzi dagli 8 anni in su. A Roma per esempio si ritrovavano il sabato alla Caio Duilio sul lungotevere, dove esisteva un veliero a tre alberi e bompresso fissato sul cemento sul quale ci si esercitava con tanto di fiocchi, gabbie, velacci e controvelacci. La divisa era quella blu della Marina Militare.
L’EDUCAZIONE "L'educazione fascista", sosteneva Mussolini, "è morale, fisica, sociale e militare: è rivolta a creare l'uomo armonicamente completo, cioè fascista come noi vogliamo". Per formare il "carattere" era fondamentale suscitare l'emotività dei giovani più che il loro senso critico: "L'infanzia, come l'adolescenza... non può essere alimentata solo di concetti, di teorie, di insegnamenti astratti. Le verità che vogliamo loro insegnare devono parlare prima alla loro fantasia, al loro cuore, poi alla loro mente". All'astrattezza dell'insegnamento tradizionale si opponeva così il "valore educativo dell'azione e dell'esempio". L'ONB mirava non solo all'educazione spirituale, culturale e religiosa, ma anche all'istruzione premilitare, ginnico-sportiva, professionale e tecnica. Scopo dell'ONB era rendere i ragazzi consapevoli della loro italianità e del loro ruolo di "fascisti del domani" infondendo nei giovani il sentimento della disciplina e dell'educazione militare, anche nelle piccole cose quale la tipica divisa paramilitare, costituita dalla camicia nera, fazzoletto azzurro, pantaloni grigioverde, fascia nera e il fez (il copricapo arabo). Il giovane doveva uniformarsi all'immagine di una società dinamica, protesa verso obiettivi grandiosi; allo stesso tempo, gli era richiesto di inserirsi in un rigido sistema centralizzato e gerarchico. Al vertice della gerarchia, il duce era indicato come l'esempio sublime di "nuovo italiano": ne derivava pertanto un vero e proprio culto della personalità. Un altro aspetto importante è la grande considerazione che veniva attribuita alle celebrazioni degli anniversari, o alle esercitazioni dopo-scolastiche non che i "sabati fascisti", adunate e campi scuola (come i "campi Dux", raduni nazionali dei migliori balilla e avanguardisti). A tutto questo si faceva ricorso in modo costante molto probabilmente con il proposito di incidere sulla memoria collettiva. In queste occasioni il regime fascista dava così prova di un processo di fascistizzazione della gioventù ormai compiuto. In realtà le iscrizioni all'Opera nazionale balilla non superarono mai il 50% del totale dei giovani, neppure dopo il 1937, quando la Gioventù del littorio richiese l'iscrizione obbligatoria.
LA COMPETIZONE – I LITTORIALI DELLO SPORT, DELLA CULTURA E DELL’ARTE I Littoriali dello Sport, della Cultura e dell'Arte e del Lavoro, erano manifestazioni culturali, artistiche e sportive, destinate ai giovani universitari, svoltesi in Italia tra il 1932 ed il 1940. I Littoriali dello Sport si svolsero la prima volta nel 1932 e gli studenti si battevano in varie specialità
sportive, i vincitori delle quali si sfidavano nei Littoriali nazionali. Il titolo equivaleva ai campioni nazionali sportivi universitari, e venivano chiamati "Littori d'Italia". Il primo Littoriale della Cultura e dell'Arte si svolse a Firenze tra il 22 ed il 29 aprile 1934, con l'obiettivo di dare la possibilità di mettersi a confronto ai giovani più brillanti messisi in luce all'interno dei vari GUF nazionali. La selezione iniziale era denominata "Agonali interprovinciali della cultura e dell'arte" (successivamente "Prelittoriali"), costituita da convegni e concorsi aventi come materie: -Convegni: Elementi di Cultura Fascista, Studi coloniali, Studi politici e scientifici, Studi sulla razza, Studi sulla medicina e biologia, Studi militari, Studi di critica letteraria ed artistica. -Concorsi: Studi su vari elementi e sezioni di letteratura, scienze sociali e politiche, critica, musica, spettacolo e giornalismo, composizione poetica, commedie, regia, film documentari, canto corale, soggetti cinematografici, architettura, affresco, scultura, scenografia, trasmissioni radiofoniche arte pubblicitaria. I partecipanti ai primi presentavano relazioni sulle quali si instaureranno dibattiti, mentre i partecipanti ai Concorsi presentavano opere scritte, che venivano valutate da una Commissione esaminatrice, composta dai maggiori rappresentanti della società italiana. Ogni Ateneo nominava un vincitore per i Convegni ed uno per i Concorsi, che divenivano "Littori" e partecipavano alle finali che si tenevano nel mese di maggio. Ai Littoriali del Lavoro, oltre agli studenti universitari, partecipavano anche i giovani lavoratori di pari età, con lo scopo di mettere in luce capacità ed attitudini. Questi Littoriali vennero organizzati a partire dal 1936 con l'obbiettivo, riuscito, di avvicinare e cementare tra loro le differenti classi sociali giovanili: studenti e lavoratori venivano messi a contatto, dando loro la possibilità di cimentarsi nelle stesse prove o specialità. La manifestazione era divisa in due parti: la prima prevedeva gare teoriche riguardanti conoscenze tecniche, professionali e di elementi di storia ed istituzioni del Fascismo (in particolare sull'organizzazione del lavoro). La seconda parte consisteva invece in gare pratiche di agricoltura, commercio, industria ed un concorso per invenzioni e ritrovati pratici per l'indipendenza economica nazionale.
Bibliografia -Pasquale Armocida – Aldo Gianluigi Salassa, “Storialink3” -Luca Goldoni - Enzo Sermasi, 'Fiero l'occhio svelto il passo, Mondadori, 1979 -Giorgio Vecchiato, Con romana volontà, Marsilio, 2005 -Carlo Galeotti, Saluto al Duce!, Gremese, 2001. -Carlo Galeotti, Credere obbedire combattere, Stampa alternativa, 1996. -P. Cavaleri Eravamo tutti Balilla Mursia, Milano -Mariella Colin, I bambini di Mussolini. Letteratura, libri, letture per l'infanzia sotto il fascismo, Editore La Scuola (collana Saggi), 2012
Il FORO ITALICO - IL LUOGO PER ECCELLENZA PER LA COMPETIZIONE SPORTIVA
L'attuale Foro Italico - all'epoca fascista denominato Foro Mussolini - fu ideato alla fine degli anni venti come un grande complesso sportivo ed educativo, una vera e propria "città dello sport", secondo la linea di fascistizzazione perseguita da Mussolini. Dopo un intenso dibattito, fu infine scelto come luogo di insediamento del foro una vasta area, per buona parte di proprietà del demanio militare, compresa tra ponte Milvio, il corso del Tevere, Villa Madama e le pendici di Monte Mario. L'edificio era stato progettato dal giovane architetto toscano Enrico Del Debbio su commissione dell'Opera Nazionale Balilla - l'organizzazione istituita due anni prima dal regime fascista "per l'assistenza e l'educazione fisica e morale della gioventù" - di cui era presidente il Ministro Renato Ricci. L'inizio dei lavori la si individua con la data del 5 febbraio 1928, giorno in cui si tenne solennemente la cerimonia della posa della prima pietra dell'Accademia di Educazione Fisica. La prima parte dei lavori si sviluppò tra il 1928 e il 1933 con la realizzazione dell'Accademia fascista maschile di educazione fisica, il Monolito, lo Stadio dei Marmi e lo Stadio dei Cipressi (poi Stadio dei centomila e odierno Stadio Olimpico), e poi conclusa dopo la guerra tra il 1956 ed il 1968.
L’ingresso principale al complesso si effettua dal Grande Piazzale dell'Impero, tutto pavimentato a mosaici, con figurazioni nere su fondo bianco, realizzati in parte su cartoni di Gino Severini. Sul lato del piazzale rivolto verso il Tevere troneggia l’Obelisco a Mussolini, conosciuto come Stele Mussolini o Monolite.
L'ingresso principale del Foro è a sud-est, individuato dal collegamento assiale alla sponda sinistra del Tevere con il Ponte Duca Emanuele Filiberto d'Aosta, dalla Fontana della Sfera, infine dallo Stadio dei Cipressi.
Masaici su fumetti di Gino Severini e Piazzale dell’Impero

L’alta stele monolitica di marmo di Carrara, alta 19,59, metri esclusa la base, dal considerevole peso di 350 tonnellate reca la grande scritta MUSSOLINI DUX. Essa venne aggiunta all’edificio nel 1932, anno in cui ricorse il primo decennale dell’E.F., acronimo di Era Fascista. Gli anni infatti in quel periodo storico erano numerati a partire da quel 28 ottobre 1922 che ricordava la Marcia su Roma e la conseguente andata al potere.
La sistemazione e la cornice che viene data al Monolite non è per niente casuale, ma è frutto di un’elaborato studio volto a massimizzare la stele e quindi la potenza del Duce. - poggiando sul corridoio marmoreo centrale il monolite assume prospetticamente maggiore altezza. - l’inserimento di piccoli elementi architettonici al fianco del monolite, per contrasto danno maggiore grandezza all’opera. - la collocazione del monolite all’interno di un campo visivo ristretto, ottenuto con l’aggiunta al lato del viale di elementi marmorei, danno maggiore volume alla stele.
Realizzata dagli architetti Mario Paniconi e Giulio Pediconi. La fontana è costituita da un’ampia vasca circolare (diametro di 3 metri) al centro della quale emerge un basamento di forma quadrangolare su cui poggia la grande Sfera (diametro di 3 metri e peso di circa 42 tonnellate) realizzata da un unico blocco di marmo proveniente dalle cave di Carrara, simbolo della universalità dei giochi sportivi. Il bacino intorno alla Sfera è decorato con mosaici a tessere di marmo bianche e nere rappresentanti soggetti marini, disegnati dal pittore Giulio Rosso.

Nello spettacolare complesso vi trovava ospitalità l’Accademia di Educazione Fisica, attività fortemente voluta dal regime che, contrariamente ai giorni nostri, la riteneva necessaria perchè propedeutica per forgiare l’uomo del domani dai sani principi etici e morali. Ecco dunque spiegata la spettacolarità dell’insieme architettonico del Foro Mussolini, oggi Foro Italico, e le sue finalità. Ragguardevole per il processo di affermazione dello stile moderno in architettura, l'edificio dell'Accademia rivela significativi influssi da parte del più o meno moderno classicismo nordico e in particolare svedese, che si può notare dall’uso del mattone rosso e dall’uso della natura, in questo caso del verde dello sfondo di Monte Mario, usato per ottenere un forte contrasto. Esso si articola in due corpi laterali simmetrici collegati da uno trasversale pensile, sotto il quale si aprono la vista e l'accesso al retrostante Stadio dei Marmi. Il complesso aveva, ed in parte conserva tuttora, un singolare sapore sospeso e straniante, un accento metafisico che si ispira alle ambientazioni architettoniche prefigurate da Giorgio de Chirico nella fase più famosa della sua pittura, proprie di gran parte dell'architettura del novecento italiano ma che raggiungono qui una particolare pregnanza. Alla sinistra dell'Accademia, in disposizione quasi simmetrica si colloca il duplice edificio delle Terme e dell'Accademia di Musica dell'ingegner Costantino Costantini (1937), anch'esso strutturato sul concetto di due corpi longitudinali paralleli, collegati da uno trasversale pensile.
Undici blocchi marmorei per parte, disposti ortogonalmente al percorso, ornano Piazzale dell’Impero e ricordano le principali tappe del fascismo: dalla fondazione dei Fasci di combattimento (1919) alla fondazione dell’Impero (maggio 1936). Quattro più grandi, disposti a due a due e perpendicolari ai primi ne segnano l’inizio e la fine. Sui blocchi ortogonali una serie di epigrafi, disposte nel senso di marcia dall’obelisco alla fontana, celebrano i fasti del regime ricordandone in numeri romani giorno, mese e anno. La prima scritta a destra recitava «XV novembre MCMXIIII Mussolini fonda il Popolo d’Italia» .
Accademia di Educazione Fisica
A sinistra l’accademia della musica con le terme (piscina coperta).
A destra l’Accademia di Educazione Fisica.

Alle spalle dell’Accademia venne completato lo Stadio dei Cipressi, diventato in tempo di Repubblica lo Stadio Olimpico, così chiamato per avere ospitato i Giochi Olimpici del 1960.

Accademia di educazione fisica. L’architetto Moretti introduce una grandissima novità in quella struttura: la tradizione vuole che l’aspetto dell'edificio venga progettato per rimanere inalterato con il cambiare della luce solare durante l’anno e che la natura che lo circonda si trasformi secondo i ritmi stagionali. In questo caso, invece, la presenza di alberi sempreverdi (pini, allori, ecc.) fa da sfondo stabile al cangiante cambio di colore dell’edificio ricoperto di una superficie di marmo bianco di Carrara. Ci sarà, dall’inizio della realizzazione del grande complesso sportivo, una grande attenzione al paesaggio urbano, ai valori ambientali del territorio dove l’architettura gioca con il verde che lo circonda.
Stadio de Cipressi. E’ uno stadio olimpionico composto interamente in travertino con da progetto quattro anelli con una capienza massima di 50.000 posti. I lavori iniziarono nel 1927, su progetto dell'architetto Enrico Del Debbio e venne inaugurato nel 1932, parzialmente, sino al primo anello.
A fianco dello Stadio dei Cipressi fu costruito lo Stadio Dei Marmi. Lo Stadio dei Marmi fu progettato nel 1928 e portato a termine e inaugurato nel 1932, prende il nome dal marmo bianco di Carrara che fu utilizzato per costruire gli otto gradoni destinati ad accogliere 20.000 persone. Lo Stadio, tuttavia, non fu pensato per pubbliche manifestazioni agonistiche, ma soprattutto come sede di allenamento ginnico e militare per gli accademisti: questo spiega l'assenza di pensiline e anche la stessa struttura, pensata in chiave di "diaulo ellenico", ovvero con due lati rettilinei e paralleli raccordati con un tratto semicircolare da tutte e due le parti. L'altro elemento caratteristico dello Stadio è offerto dalle sessanta statue - donate dalle province italiane - distribuite alla sommità dello spalto. Le statue sono tutte della stessa altezza, 4 m., e rappresentano atleti di differenti discipline ginniche che richiamano comunque atteggiamenti bellici.
Tra il 1936/37 furono costruite tre piscine coperte ed una scoperta, un vero e proprio moderno centro natatorio antesignano, in un complesso sorto a lato di quello principale. Il complesso è inoltre completato dallo Stadio del Tennis (ing.C. Costantini), dagli elegantissimi volumi razionali della Casa delle Armi (arch. Luigi Moretti, 1936), dalle due Foresterie (nord e sud; rispettivamente di C. Costantini, 1934 e E. Del Debbio, 1935), e dalla soprastante Colonia Elioterapica (arch. E Del Debbio, 1933).

Stadio dei Marmi. Si verifica un significativo ribaltamento dell’abituale peso proporzionale tra presenza plastica e pittorica, dove la scultura, che comunemente era votata a minore rilevanza della pittura, assume qui una importanza – quanto meno di visibilità – senz’altro prevalente.
E’ la maggiore delle piscine coperte del complesso. Ha una lunghezza di 50m e 18m di larghezza. Si trova all’interno di un salone con le pareti interamente affrescate e tra le gradinate e le balconate ha una capienza massima di 2.000. E’ una delle strutture più moderne del tempo dotata anche di trampolini ad elevazione automatica.

I campi del tennis
Accademia fascista di scherma ( Sala delle Armi). E’ costituita da due masse monumentali distinte collegate da un passaggio coperto. Rivestito interamente all’interno e all’esterno di marmo. All’interno ci sono spazi ariosi adorni di pannelli decorativi allegorici, con alti soffitti e stucchi incisi sono un chiaro esempio di moderna architettura e sobrio e razionale arredamento.
Nel corso della sua storia ultrasettantennale, il Foro Italico ha subito molte integrazioni (in particolare il corpo dello Stadio del nuoto, realizzato in occasione delle Olimpiadi del 1960 su progetto degli architetti Annibale Vitellozzi ed Enrico Del Debbio in sostanziale rispetto dell'ideazione originaria) e soprattutto alterazioni, sia funzionali che strutturali. La prima risale già all'anteguerra, allorché, nel comprensorio della Città dello Sport, si volle collocare il colossale Palazzo del Littorio (oggi sede del Ministero degli Esteri; architetti Enrico Del Debbio, Arnaldo Foschini, Vittorio Morpurgo).
All'inizio degli anni '80 la Casa delle Armi fu brutalmente quanto incongruamente trasformata in aula bunker per processi di alta sicurezza, e in occasione dei campionati di calcio del 1990 lo Stadio Olimpico venne ricostruito e dotato di un sistema di copertura, che ha pesantemente alterato la percezione delle pendici di Monte Mario e gli interi valori spaziali del Foro Italico. Nonostante le manomissioni e un deplorevole stato di trascuratezza, il complesso si conferma non soltanto uno dei più significativi interventi architettonici del '900 a Roma, ma un insieme di strutture sportive efficienti, che hanno sopportato il maggior peso delle Olimpiadi del 1960 e dei Mondiali di calcio del 1990, e continuando ad ospitare regolarmente incontri di tennis e partite di calcio.
Bibliografia - “Il Foro Mussolini in Roma, arch. Enrico del Debbio” pubblicazione di Marcello Piacentini. - “Il mito di Mussolini e le memorie nazionali” pubblicazione di Vittorio Vidotto. - “La Roma di Mussolini" di "Istituto Luce”.
Sede del Littorio oggi sede della Farnesina

WIRELESS – LA SFIDA NEL MIGLIORARE LE RETI INTERNET MOBILI
Scansandoci dall’idea di poter collegare ad Internet un host trasportabile tramite connessione WiFi, che renda tale accesso molto condizionato dalla vicinanza al “Access Point WiFi”, possiamo parlare della possibilità che via via si stà sviluppando di collegare un host mobile, quale il telefono, attraverso l’implemento delle capacità delle reti cellulari, in modo da renderle capaci di supportare, oltre alla telefonia, anche l’accesso all’Internet a una velocità ragionevole e garantendo la continuità delle successioni TCP anche agli utenti che si muovono su mezzi di trasporto veloci. Volti proprio a migliorare la velocità delle connessioni, nel corso degli anni si sono sviluppate varie generazioni: 1G, 2G, 3G, 4G, 5G( in fase di progettazione).
RETE 1G:
La prima generazione della telefonia mobile (sigla 1G) funzionava a livello analogico ed era costituita da apparecchiature relativamente voluminose a causa della grandezza del modulo ricevente-trasmettitore e della voluminosità della batteria piombo-acido, che doveva compensare gli elevati consumi dell'apparecchio. I dispositivi avevano principalmente i seguenti : - AMPS (Advanced Mobile Phone System), comparso nel 1976 negli USA, costituisce il primo standard della rete cellulare. Utilizzato principalmente al di là dell'Atlantico, in Russia e in Asia, questa rete analogica di prima generazione aveva dei bassi meccanismi di sicurezza che rendevano possibile la pirateria delle linee telefoniche. - TACS (Total Access Communication System) è la versione europea del modello AMPS. Utilizzando la banda di frequenza da 900 MHz, questo sistema fu soprattutto utilizzato ampiamente in Inghilterra, poi in Asia (Hong-Kong e Giappone). - ETACS ( Extended Total Access Communication System) è una versione evoluta dello standard TACS sviluppata nel Regno Unito utilizzando un numero maggiore di canali di comunicazione. Le reti cellulari di prima generazione sono diventate obsolete con la comparsa di una seconda generazione completamente digitale.
RETE 2G: La rete GSM (Global System for Mobile Communications) rappresenta all'inizio del 21esimo secolo lo standard di telefonia mobile più utilizzato in Europa. Si tratta di uno standard di telefonia detta «di seconda generazione» (2G) visto che, contrariamente alla prima generazione di telefoni cellulari, le comunicazioni funzionano ad una modalità completamente digitale. GSM per la trasmissione vocale si basa sulla combinazione di FDM e TDM, protocolli che gestiscono il livello comunicazione. Questo canale è suddiviso in un certo numero di sottobande di frequenza e, all’interno di ogni sottobanda, il tempo è suddiviso in frame e slot. In Europa lo standard GSM utilizza le bande di frequenza a 900 MHz e 1800 MHz. Negli Stati Uniti invece, la banda di frequenza utilizzata è a 1900 MHz. Così, si qualificano tri-banda i cellulari che possono funzionare in Europa e negli USA e come bi-banda quelli che funzionano solamente in Europa. La norma GSM autorizza una capacità di banda massima di 9,6 kbps, che permette di trasmettere la voce nonché dei dati numerici di volume ridotto, ad esempio dei messaggi di testo (SMS, per Short Message Service) o dei messaggi multimediali (MMS, per Multimedia Message Service).
Il termine cellulare si riferisce al fatto che la regione di copertura della rete telefonica è divisa in celle, ognuna delle quali dipende da una stazione base detta BTS (Base Transceiver Station), la quale comunica in trasmissione e ricezione con le stazioni mobili che si trovano all’interno della cella. Più il raggio di una cellula è piccolo, maggiore sarà la banda disponibile. Così, nelle zone urbane fortemente popolate, saranno presenti delle cellule di una taglia tale da poter raggiungere qualche centinaio di metri, mentre per le zone rurali saranno previste delle cellule di una trentina di chilometri. In una rete cellulare, ogni cellula è circondata da 6 cellule vicine (ragione per cui si rappresenta solitamente ogni cellula con un esagono). Per evitare le interferenze, la stessa frequenza non può essere utilizzata da cellule vicine. In pratica, due cellule con la stessa gamma di frequenze devono essere distanti l'una dall'altra di almeno due o tre volte il diametro della cellula. In una rete GSM, il terminale dell'utente è detto stazione mobile ed è identificata da una scheda SIM (Subscriber Identity Module), I terminali sono identificati da un numero unico di 15 cifre detto IMEI (International Mobile Equipment Identity), mentre la scheda SIM ha un codice segreto detto IMSI (International Mobile Subscriber Identity) protetto da una chiave detta codice PIN. La comunicazione tra una stazione mobile e la stazione di base avviene attraverso un collegamento radio, generalmente detto interfaccia air (o più raramente interfaccia Um). L'insieme delle stazioni di base di una rete cellulare è collegata ad un controllore di stazioni BSC (Base Station Controller), incaricato di gestire la ripartizione delle fonti. L'insieme costituito dal controllore di stazioni e dalle stazioni di base connesse costituisce il sottosistema radio BSS (Base Station Subsystem). Infine, i controllori di stazioni sono essi stessi collegati fisicamente al centro di commutazione del servizio mobile MSC (Mobile Switching Center), gestito dall'operatore telefonico, che li collega alla rete telefonica pubblica e a internet. L'MSC appartiene ad un gruppo detto sottosisteme di rete (in inglese NSS per Network Station Subsystem), incaricato di gestire le identità degli utenti, la loro localizzazione e di stabilire la comunicazione con gli altri abbonati. La rete cellulare così formata provvede ad alcune funzioni fondamentali: - alloca i canali radio delle BTS verso i dispositivi mobili; - gestisce i paging, ossia la scelta delle celle in cui ogni utente si trova in un dato momento; - gestisce l’handoff, ossia il passaggio di un dispositivo dalla copertura di una cella a quella di un’altra
Esistono alcune tecnologie intermedie fra la seconda e la terza generazione cioè la 2,5G e la 2,75G: - Il termine 2,5G è usato per classificare lo standard GPRS (General Packet Radio Service), evoluzione del GSM che migliora il supporto per la trasmissione dati introducendo la commutazione di pacchetto. I telefoni 2,5G si connettono a internet in GPRS con velocità da 20-40 kpbs. Tale velocità era buona per i primi siti web mobile, quelli che usavano la tecnologia WAP, oggi completamente sparita. - Il 2,75G è invece usato per identificare la tecnologia l'EDGE (Enhanced Data rates for GSM Evolution), evoluzione del GPRS che consente maggiori velocità. La velocità di connessione è maggiore rispetto al GPRS ma molto più lenta rispetto all'UMTS (da 60 kbps a 180kbps). Quando ci si connette a internet tramite telefono cellulare, se EDGE è disponibile, dovrebbe comparire una E ed i siti dovrebbero apparire più velocemente rispetto lo standard GPRS.
RETE 3G: La 3G si propone di raggiungere delle capacità di banda superiore a 144 kbit/s, aprendo così la porta a degli usi multimediali come la trasmissione di video, la videoconferenza o l'accesso a internet ad alta capacità di banda. Le reti 3G utilizzano delle bande di frequenza differenti dalle reti precedenti : 1885-2025 MHz e 2110-2200 MHz. Un dispositivo mobile che si connette ad Internet attraverso la rete cellulare deve, ovviamente, poter utilizzare lo stack TCP/IP nella sua interezza, compreso il livello fisico, ma attraverso la connessione dati delle reti cellulari. Ciò non è semplice, dato che queste ultime hanno standard in continua evoluzione e sono piuttosto diversificate in relazione alla regione del mondo in ci si trova. La principale norma 3G utilizzata in Europa si chiama UMTS (Universal Mobile Telecommunications System), che utilizza una codifica W-CDMA (Wideband Code Division Multiple Access). Il W-CDMA che è la versione successiva la CDMA utilizzata nella seconda generazione, è un protocollo di accesso multiplo a canale condiviso e per questo necessita di una rete di accesso parallela alla rete voce e quindi l’affiancamento ai BSC di RNC, che hanno le stesse funzioni voce, con l’aggiunta delle funzioni dati. L’architettura del 2G viene mantenuta anche nel 3G, con l’aggiunta di ulteriori nodi per la gestione dei dati; l’obbiettivo è quello di mantenere la rete voce con l’inserimento, in parallelo, della funzionalità dati. Anche il nucleo delle reti 3G prevede dei nodi centrali, chiamati SGSN e i relativi gateway, chiamati GGSN verso internet. La funzione degli SGSN è quella di mantenere le informazioni di localizzazione dei nodi mobili attivi e di effettuare l’instradamento dei datagram tra host mobili e verso i GGSN. Questi provvedono a mantenere collegati, attraverso Internet, i diversi SGSN dello stesso carrier. Gli SGSN sono connessi anche con i corrispondenti MSC, per gestire l’autorizzazione e l’handoff degli utenti dati. La tecnologia UMTS utilizza la banda di frequenza da 5 MHz per il trasferimento della voce e dei dati con delle capacità di banda che possono andare da 384 kbps a 2 Mbps. La tecnologia HSDPA (High-Speed Downlink Packet Access) è un protocollo di telefonia mobile di terza generazione battezzata 3.5G che permette di raggiungere delle capacità di banda dell'ordine da 8 a 10 Mbits/s. La tecnologia HSDPA utilizza la banda di frequenza da 5 GHz e utilizza la codifica W-CDMA.
RETE 4G: Si tratta di reti con architettura molto diversa dalle generazioni precedenti, frutto dell’implementazione degli standard LTE (Long Term Evolution), che presentano significative innovazioni. Innanzi tutto, rispetto alla rete 3G, scompare la separazione tra il circuito voce (a commutazione di circuito) e il circuito dati (a commutazione di pacchetti). Essi vengono sostituiti da una rete totalmente IP, in cui sia voce che dati sono trasportati da datagram IP. Per ottenere ciò, è stata sviluppata un’architettura chiamata EPC. Poiché il modello di servizio di tipo best effort fornito dal protocollo IP non è intrinsecamente adatto alle stringenti richieste del VoIP, a meno che le risorse della rete siano attentamente gestite in modo da evitare le congestioni, anziché reagire ad esse, il primo scopo di EPC è quello di utilizzare le reti in modo da ottenere la massima qualità di servizio. EPC, inoltre, opera una netta distinzione tra il piano controllo di rete e quello dei dati utente. Benchè presenti caratteristiche avanzate, questo standard può utilizzare diversi tipi di reti di accesso: tra queste, le reti 2G e 3G, che in questo modo non vengono rese obsolete e possono essere collegate al nucleo di rete. La tecnologia utilizzata dal 4G è quella del LTE. Le reti radio di accesso LTE usano una combinazione
FDM/TDM, detta OFDM (Orthogonal Frequency Division Multiplexing). Il termine ortogonale deriva dal fatto che i segnali inviati su diversi canali sono strutturati in modo da interferire molto poco tra loro, anche quando la spaziatura dei canali è molto ristretta. Nella LTE, ogni nodo mobile attivo ha allocato uno o più time slot da 500 µs in uno o più canali: più slot ha allocati, sia sullo stesso che su diversi canali, più alte sono le prestazioni raggiunte dal nodo. La riallocazione degli slot tra i nodi collegati alla rete può essere fata anche ogni ms. Un dispositivo LTE permette una navigazione super veloce fino a 100 Mbps, in base al terminale anche fino a 150 Mbps.
RETE 5G: 5G è la sigla che indica la prossima generazione per la comunicazione mobile, che permetterà velocità di trasferimento altissime e nuovi modi di sfruttare il traffico dati, ma anche di connettere più persone e più dispositivi. Prima di tutto bisogna capire che le reti 5G sono ancora molto acerbe, e che le autorità non hanno ancora definito alcuno standard a riguardo. Per ora si sta lavorando ad una sorta di ‘road map’ per definire gli standard del 5G. Si sa che servirà garantire la broadband (accesso senza fili a larga banda) ovunque, per la comunicazione tra le automobili, la ‘personal tv’ dove i contenuti e gli eventi saranno trasmessi ad un livello molto più diffuso e dal basso (il traffico video sarà al 55% su mobile nel 2020 con grande produzione da parte degli utenti). Il settore il cui sviluppo è considerato più interessante dal punto di vista economico per le reti 5G è quello del ‘remote machinery’: ogni cosa sarà connessa e dotata di sensori – dai trasporti, ai sistemi acquiferi, ai container, ai mezzi di lavoro. Si pensa, ad esempio, alla possibilità di sfruttare sensori interrati sulle strade e autostrade per ottenere non solo dati su traffico ma anche informazioni climatiche, dati sulla fauna presente sul territorio. E’ possibile che il volo dei droni per usi commerciali non sia più legato ad una connessione via radio ma ad una ‘rete di connessioni’ in 5G che potrebbe somigliare a quella del controllo degli aerei. Tutti i dispositivi e gli oggetti connessi alla Rete saranno in grado di dialogare fra loro, scambiandosi informazioni, senza bisogno dell’interazione umana. È proprio questa la base di quella che oggi è definita comunicazione macchine to macchine (M2m), ossia dispositivo con dispositivo. Per far questo si è capito che non basterà solo dare agli oggetti la possibilità di connettersi alla rete ma servirà un “linguaggio comune” per l’Intenet delle cose. È questo lo scopo alla base della All Seen Alliance, che ha il suo interno quasi tutti i big dell’elettronica, e che intende costruire uno standard per la comunicazione fra dispositivi e senza l’interazione umana. Inoltre la quinta generazione potrebbe essere fino a 1000 volte più veloce del 4G con un maggiore throughput. Ma è una velocità molto approssimativa, basti pensare che anche prima della 4G LTE si parlava di velocità fino a 300 Mbps, ma oggi le velocità reali non ci si avvicinano nemmeno, con 5-12 Mbps in download e 2-5 Mbps in upload mediamente. Ci sono quindi due diversi spiriti che animano lo sviluppo del 5G: da una parte si punta al "semplice" incremento delle prestazioni, e dall'altra a una più ampia "iperconnessione" che vede un collegamento globale di miliardi di persone e dispositivi (Internet of Things). Il 5G si baserà su: extremely high frequency, o onde millimetriche, vale a dire onde radio tra 30 e 300 GHz, la banda di frequenza più alta possibile. L'uso di questo spettro non è ancora regolamentato (lo sarà) e può potenzialmente migliorare moltissimo tanto la velocità quanto la capacità di trasmissione effettiva (throughput). Sviluppi recenti hanno dimostrato che è possibile usare le onde millimetriche per trasmissioni a lungo raggio. Una volta chiarito che la via delle alte frequenze è percorribile e approvata dalle autorità, gli operatori del settore possono e potranno cominciare a sviluppare componenti specifici, come moduli radio e processori, necessari per sfruttare le nuove reti. Questa tuttavia è solo una delle questioni aperte e da sola non è
risolutiva. Ammesso e non concesso che nascano reti ad altissima frequenza, poi c'è il problema di portarne i benefici alle persone e i dispositivi finali.
Bibliografia - “Informatica – volume quinto” Zanichelli, Daniele Pons, Marisa Addomine;
L’EFFETTO COMPTON - La risoluzione della sfida tra Einstein e Planck;
La quantizzazione della radiazione elettromagnetica di Einstein non fu accentata dal mondo scientifico. Anche il fisco Planck non ne condivide le conclusioni. Infatti secondo Planck gli oscillatori della parete del corpo nero si trovano in stati energetici ben definiti e multipli di h; in ogni altra situazione l’energia della radiazione deve essere considerata continua. Sempre secondo Planck nel corpo nero l’energia appare quantizzata perché è emessa dagli oscillatori la cui energia è quantizzata. Secondo Einstein invece, la quantizzazione dell’energia è intrinseca nella radiazione, quindi generalizzabile in ogni situazione; pertanto gli oscillatori del corpo nero hanno un energia quantizzata perché l’energia della radiazione incidente è quantizzata.
La soluzione al problema e la conferma della teoria di Einstein fu data da Compton, con lo studio della diffusione dei raggi X da parte di elettroni in un materiale. Alla base dell’effetto Compton c’è l’effetto fotoelettrico, ma il metallo veniva colpito da raggi X che hanno una frequenza da a Hz. L’apparato sperimentale utilizzato da Compton era composto da una sorgente di raggi X, un collimatore di piombo che convogliava i raggi su una lastra di grafite e un rilevatore di radiazioni diffuse posto ad un angolo α rispetto alla lastra di grafite. La sorgente emette i raggi X che verranno diffusi nello spazio, questi raggi verranno collimati attraverso una fenditura formata dalle lastre di piombo (collimatori). I raggi con la collimazione vengono orientati verso la lastra di grafite. Compton notò che i raggi X venivano deviati dalla lastra di grafite in un angolo α rispetto alla radiazione di incidenza. Questa variazione di angolo α indica che, fra la radiazione (fotoni) e gli elettroni all’interno della grafite avvenivano degli urti obliqui, dove si andava a variare la direzione del corpo che era stato colpito. Il fatto che avviene un urto elastico tra la radiazione ( fotoni, secondo la teoria di Einstein) e gli elettroni della lastra di grafite, giustifica la natura corpuscolare della radiazione. Secondo l’elettromagnetismo classico, essendo gli elettroni fermi e liveri, quindi no legati ad alcun atomo, ci si aspetta che l’onda elettromagnetica è assorbita dall’elettrone e riemessa in tutte le direzioni con la stessa lunghezza d’onda e frequenza (λi = λr). Sperimentalmente si osservò che le leggi classiche vengono rispettate nella diffusione per λ grandi e quindi basse frequenze; invece quando si usano i raggi X, i raggi diffusi presentano una lunghezza d’onda maggiore di quelli incidenti e quindi una frequenza minore. Le previsioni, oltre che dalle leggi classiche, vanno giustificate anche dall’effetto fotoelettrico secondo cui il fotone cede tutta la sua energia all’elettrone che viene riemesso e il fotone scopare.
Nell’effetto Compton deve essere considerato l’urto tra fotone ed elettrone fermo come un urto elastico obliquo e si applica a questo fenomeno la quantizzazione di Einstein.
Fotone incidente : Qi = (h * γ)/c Ei = h * Fotone diffuso : Q1d = (h * γ)/c Ed = h * Elettrone emesso : Qe = m * V Ee = ½ * m *
La quantità di moto si conserva. Nella direzione della diffusione abbiamo la quantità di moto. La somma vettoriale deve dare la quantità di moto dell’elettrone incidente : Qi = Q1d + Qe
Come la quantità di moto si conserva anche l’energia : Ei = Ed + Ee
Quindi potremo dire che
γ - = (h * γ * ) /(m * ) * (1 - cos α)
Dove γ è la frequenza del fotone incidente e è la frequenza del fotone diffuso.
Ma potrà variare anche la lunghezza d’onda e quindi :
- λ = (h/ (m * c)) * (1 – cos α)
Quest’ultima legge è la legge che governa l’effetto Compton.
(h/ (m * c)) è la cosi detta lunghezza d’onda di Compton che dà l’aspetto quantico all’elettrone emesso.
Quindi si ha la definitiva conferma che la radiazione è formata da particelle.
In evidenza