Essere e Apparire - Tesina

Tesina di maturità per liceo scientifico sull'essere e l'apparire. Argomenti tesina: l'essere e l'apparire, Pirandello, il teatro grottesco di Luigi Chiarelli,Sartre e Schopenhauer.

Compra
100% soddisfatti
o rimborsati
  • 21
  • 27-06-2013
E io lo dico a Skuola.net
Sintesi Essere e Apparire - Tesina

Ho deciso di affrontare il tema dell'apparire e dell'essere all'interno della mia tesina di maturità. Sono stata colpita dal pensiero di Pirandello e ho cercato di calarlo nell’attuale società, dopo essermi resa conto di come il suo pensiero sia moderno. Egli ravvisa nel contrasto tra vita e forma, tra maschera e volto, tra apparire ed essere, una realtà fittizia, che troppo spesso prende il posto di quella reale. Tali contrasti,ora,sembrano esaltati dalla “virtualità”, che spesso prostra la realtà con l’ausilio del il veloce progresso tecnologico.
Ciò comporta la necessità di individuare nuovi criteri di interpretazione culturale: la vita attuale è caratterizzata, infatti,da condizioni del tutto differenti da quelle storicamente note.
Innanzitutto l’intensificazione dei rapporti tra le Nazioni e tra le persone, grazie alle comunicazioni fisiche (aerei,treni più veloci) e a quelle multimediali (internet,televisione): la velocità ne è il tratto distintivo più marcato. La conseguenza è stata la mondializzazione dell’economia,il mutamento di certi stili di vita, il superamento di modelli culturali ben radicati. Era inevitabile che ciò accadesse: il passare dalla cultura dal villaggio locale a quella del villaggio globale non poteva non richiedere l’accrescersi di modelli interpretativi, che rischiano di esaltare l’ apparire a scapito dell’essenza della realtà.
Ritengo utile fare una digressione, all'interno della mia tesina, su un argomento cruciale. Qual'è la risposta che possiamo dare a questa domanda: che cosa si intende per verità e, quindi , qual è la verità della realtà?
Ci accorgiamo che la verità è elusiva, enigmatica, avvolta nel mistero, soprattutto quando,dopo aver creduto di averla compresa, la rianalizziamo. Dare una definizione della verità, è dunque,problematico.
Noi osserviamo ciò che ci circonda; sarebbe ingenuo pensare che ciò che vediamo e ascoltiamo sia sempre oggettivamente vero: spesso è solo soggettivamente tale. Siamo spinti ad adattare il reale alle nostre categorie.
Un esempio: ci siamo adattati a credere e a “percepire” di vivere su qualcosa che è ferma, immobile; invece, il pianeta che ci ospita gira incessantemente. Ci accorgiamo che la verità è elusiva,enigmatica, avvolta nel mistero, soprattutto quando, dopo aver creduto di averla compresa, la rianalizziamo. Dare una definizione della verità è dunque problematico.
Noi osserviamo ciò che ci circonda; sarebbe ingenuo pensare che ciò che vediamo e ascoltiamo sia sempre oggettivamente vero: spesso è solo soggettivamente tale. Siamo spinti ad adattare il reale alle nostre categorie.
Per quanto sia impossibile non apparire, l’uomo dovrebbe prendere coscienza del proprio essere, ed è appunto per questo che l’uomo si trova dinanzi ad un bivio: da una parte farsi inglobare dalla società delle apparenze e diventarne leone, dall’altra continuare da solo nella ricerca della propria esistenza, escludendosi dalla socialità. Questi due stili di vita sono nettamente separati, anzi in continua opposizione e non ne è possibile una sintesi, perché non c’è un punto di convergenza. Non esiste nessun momento di superamento che includa entrambe; sono semplicemente: tesi e antitesi, due diverse possibilità di realizzazione dell’uomo sulla terra, in eterna contraddizione e in eterna lotta. L’unica soluzione fra le due è che una caschi o muoia nell’altra.
Per questo, ho riportato nella tesina, sempre in rapporto “tesi/antitesi”, fortissime tendenze all’apparire e all’essere della storia: l’estetismo e il dannunzianesimo e l’esistenzialismo.


Collegamenti
Essere e Apparire - Tesina

Italiano: Pirandello, il teatro grottesco di Luigi Chiarelli, L'estetismo e il dannunzianesimo.
Inglese: Victorian Age and Oscar Wilde.
Storia: Mussolini e il fascismo.
Filosofia: Schopenhauer e Sartre.
Geografia astronomica: La magnitudine apparente e assoluta e le stelle variabili pulsanti.
Latino: Apuleio e le Metamorfosi.
Registrati via email