Coco Chanel tesina

Coco Chanel è l’esempio di una donna che dopo migliaia di anni di lavoro all’interno delle mura domestiche ha deciso di prendere forza alla ricerca di un’emancipazione difficile.

E io lo dico a Skuola.net

Gabrielle Bonheur che tutti conosciamo come COCO Chanel fu la prima grande imprenditrice di tutta l storia. Coco nacque nel 1883 figlia di una famiglia molto povera. La mamma morì quando Gabrielle e le sue sorelle erano ancora molto piccole cosicché le bambine furono affidate ad un orfanotrofio nei pressi di Vichy.Successivamente frequentò una scuola di apprendimento delle arti domestiche a Notre Dame e poi incominciò a lavorare come commessa in un negozio di biancheria e maglieria. Un giorno mentre cantava in un bar una famosa canzone francese, conobbe Etienne Balsan con cui ebbe una storia lunga sei anni. Nei primi anni del ‘900 grazie a Balsan Gabrielle iniziò a vendere cappelli alle donne aristocratiche parigine. Il vero Amore di Coco però fu Arthur Boy con il quale non si poté mai sposare, ma grazie a lui, famoso petroliere Chanel aprì il suo primo e più importante negozio di abbigliamento nella 21,rue Chambon a Parigi. Grazie alla conoscenza di nobili donne Europee, Coco aprì negozi sia in Spagna e in Inghilterra, tanto che il suo nome divenne noto sia in Europa ma anche negli Stati Uniti. Negli anni ’20 Chanel intraprese una storia d’amore con il nipote dello zar Nicola II, figlio di un profumiere, che la aiutò nella creazione di un profumo innovativo, in un periodo in cui profumarsi era di gran moda. Il profumo prese il nome di Chanel N° 5 in quanto fu la quinta fragranza creta dalla stilista e si dice che il cinque fosse il suo numero preferito. Durante il crollo di Wall Street in Francia come nel resto d’Europa si diffusero gli scioperi da parte dei lavoratori delle fabbriche, cosicché anche nella maison Chanel le operaie occuparono la Maison Chanel. Durante la seconda guerra mondiale Chanel fu costretta a chiudere il suo negozio a Parigi per scappare a New York dove rimarrà fino alla fine dei bombardamenti. In quegli anni ebbe una storia con un membro del controspionaggio nazista e in seguito si legò ad un giovane generale delle SS. Nel 1995 la rete inglese BBC accusò che Chanel fosse una spia nazista. Già durante la seconda guerra mondiale si parlava di un tradimento alla sua patria, ma la cosa divenne certa dopo il ritrovamento di documenti inediti da parte della BBC. Coco Chanel, infatti, fu arruolata dai servizi segreti hitleriani e dopo l’occupazione della Francia da parte dei nazisti, lavorò per loro come spia, grazie ai suoi rapporti di amicizia con Winston Churchill. Lo scopo era di avvicinare il duca di Windsor, ex Edoardo VIII, con Wallis Simpson noto simpatizzante nazista. In questa vicenda ebbe un ruolo importante il capo dei servizi segreti nazisti Walter Schellenberg, uno degli imputati del processo di Norimberga. Da quest’interrogatorio, Schellenberg, mise in evidenza il ruolo di spia di Chanel, per la quale fu architettata una trappola sessuale. Quando Parigi fu occupata dai Nazisti, Chanel viveva in un celebre hotel a Parigi, dove passarono sia un bell'ufficiale della Gestapo, Dink Lage. E, dopo di lui Schellenberg, conosciuto come play boy, che in apparenza si innamora follemente di lei pur avendo più di 20 anni di differenza. COCO Chanel mise in punto un piano di arruolamento del duca di Windsor chiamato “Cappello modello” con la quale COCO venne mandata a Madrid per contattare l’ambasciata britannica per mandare un messaggio all’amico Churchill con lo scopo di ottenere una pace separata, ma il piano andò in fumo in quanto la sua amica Vera Lombardi tradì la famosa stilista cosicché COCO fu costretta a rifugiarsi in Svizzera. La stilista per questo suo atteggiamento nazista è ancora oggi, quarant’anni dopo la sua morte, criticata per questa sporca immagine che le fa perdere lo status di mito femminile. Al suo ritorno a Parigi nel 1952 la carriera di Chanel continuò a decollare fino a quando COCO Chanel morì il 10 gennaio 1971 all’età di ottantasette anni. Oggi la sua azienda è gestita dal famoso stilista Karl Lagerfeld.

Registrati via email
In evidenza