Bellezza e Emozioni tesina

Tesina maturità liceo linguistico sulla bellezza. Tesina maturità argomenti: la bellezza, l'universo e i pianeti, la Belle Epoque, The picture of Dorian Gray.

Compra
100% soddisfatti
o rimborsati
  • 15
  • 01-07-2013
E io lo dico a Skuola.net
Sintesi Bellezza ed Emozioni tesina

Lo scopo che mi sono prefissata tramite la stesura di questa tesina di maturità è mettere in evidenza un particolare modo di concepire l’arte e la bellezza. Una concezione che non si limita solamente al puro giudizio estetico, ma che cerca di spingersi oltre, ricercando il vero significato del termine “bello” all’interno dei sentimenti e delle sensazioni che un’opera d’arte, una poesia, o anche solo l’universo possono trasmetterci. Da qui il motivo per cui ho scelto di elaborare l'introduzione della mia presentazione con un’immagine che ritrae il celebre dipinto di Munch, “L'Urlo”. L’opera del pittore norvegese, seppur basandoci sui canoni classici non possa ritenersi esteticamente bella, è in grado di far scaturire in chi la guarda un forte senso di angoscia e inquietudine. Ed è proprio in questa capacità di trasmettere sensazioni, di coinvolgere che è racchiusa la vera bellezza di un’opera d’arte.
Saggezza popolare e filosofia convergono per dirci quello che è uno dei luoghi comuni più usati quando si parla di “bellezza”: “non è bello ciò che è bello, ma è bello ciò che piace”. Ma è proprio così? E anche se fosse, se davvero il bello è ciò che piace soggettivamente, perché in determinate epoche storiche o in determinate culture piacciono alcune cose che non piacciono più in altri contesti o in altri periodi?
Nell’arte classica dell’antica Grecia uno dei metri di giudizio più importanti era la corrispondenza tra la forma che prendeva l’opera d’arte e la natura stessa. Una statua umana ad esempio era tanto più bella quanto riusciva a riprodurre per imitazione il corpo umano nella natura. L’estetica si riduceva così a una misurazione attenta e anatomica delle parti del corpo, alla ricerca di un’armonia delle forme che voleva essere appunto, imitazione di una perfezione umana idealizzata e forse non reale. Ma che dire allora dei quadri di Picasso? Se li valutiamo secondo l’estetica classica come possiamo definirli belli? Eppure, soffermandoci ad esempio su uno dei più famosi quadri di Picasso, Guernica, non possiamo che rimanere incantati di fronte alle sensazioni che esso è in grado di suscitare in noi. Siamo davanti a un quadro le cui dimensioni ci danno già l’idea dell’entità della tragedia, si aggiunga poi a questo fatto quantitativo, il silenzio gridato dalla tela. Tale antitesi fa parte della sublimità dell’opera che inaspettatamente si scaglia con violenza nello spazio e nel tempo. Guernica di Picasso ci ha dato un esempio di violenza trattenuta nella tela, eppure essa fuoriesce prepotente e nel suo movimento produce in noi osservatori un’immobilità stupefatta.
Abbiamo parlato, all'interno della tesina, di arte e qui dobbiamo fare un passo in avanti: è bello ciò che riesce a trasmetterci emozioni e a comunicarci gli stati d’animo di un artista.
Eccola la vera bellezza, quella bellezza capace di resistere alle mode, quella bellezza non misurabile con il centimetro, la bellezza di una forma che, forse incomprensibile immediatamente, ci racconta dell’uomo che l’ha creata e rimane immortale e duratura. Inoltre nella mia tesina ho cercato di effettuare vari collegamenti con altre discipline di studio.


Collegamenti
Bellezza ed Emozioni tesina

Italiano: Gabriele D'Annunzio, Il Piacere.
Inglese: Oscar Wilde, The Picture of Dorian Gray.
Francese: Charles Baudelaire, Hymne à la beauté.
Storia: La Belle époque.
Arte: Antoni Gaudi, Casa Batllò.
Spagnolo: Rubén Darìo, Venus.
Scienze: L'universo e i pianeti.
Registrati via email
In evidenza