Ominide 4456 punti

Capitolo 1 Promessi Sposi analisi

• I luoghi della storia
Il romanzo si apre con la descrizione dei luoghi in cui si svolgerà la vicenda:il lago e le montagne intorno alla città di lecco,le campagne circostanti,le strade isolate e i campi. Successivamente l’autore accenna con ironia ai danni della dominazione spagnola in Italia ed infine si procede alla comparsa di don Abbondio.
• Don Abbondio e l’incontro con i bravi.
La sera del 7 novembre 1628,l’anziano parroco don Abbondio percorre,com’è solito, una stradina di campagna con il suo breviario in mano per tornare verso casa. Giunto ad un bivio però,vede dinanzi a lui due individui con fare minaccioso e intuisce subito,dagli abiti e dalle armi che indossano,che essi sono dei pericolosi bravi;ovvero criminali al servizio privato dei signorotti locali. A questo punto l’autore,con un ampio inciso,fornisce importanti notizie sui decreti e sulle leggi contro i bravi e denuncia inoltre l’impotenza della giustizia e la corruzione socio-politica dell’ epoca.

• “Questo matrimonio non s’ha da fare”.
I due bravi raggiungono l’intimorito don Abbondio e, con una buona dose di minacce e bestemmie,impongono al curato di non celebrare il matrimonio fra i due promessi sposi Renzo Tramaglino e Lucia Mondella,e per rafforzare le intimidazioni nominano il loro padrone,don Rodrigo. A quel nome,il curato ,completamente succube delle loro prepotenze,resta talmente terrorizzato da promettere assoluta obbedienza. I bravi se ne vanno urlando una canzonaccia e don Abbondio,ancora sconcertato, si dirige verso casa.
• Il personaggio: don Abbondio.
Il vecchio curato,don Abbondio, appartiene alla categoria degli umili ed è molto debole e codardo. La sua scelta di vita non è per una vera passione religiosa e spirituale, ma solamente per la convenienza che da essa ne deriva. Ha adattato questo sistema di vita per scansare ogni difficoltà con riverenza e sottomissione ai potenti e ai prepotenti.
• Don Abbondio e il colloquio con perpetua.
Il curato,ritornando a casa,ripensa angosciato al precedente incontro con i bravi. Accompagnato da questi scabrosi pensieri,ritorna a casa e qui trova la serva perpetua. Questa,si accorge immediatamente del turbamento del padrone, e con molta insistenza cerca di scoprirne il motivo. Il curato allora,stanco di tale insistenza, racconta a perpetua,sotto giuramento di riserbo assoluto,l’accaduto. Perpetua allora consiglia al curato di rivolgersi al cardinale di Milano ,Federigo Borromeo,ma tutti i suoi tentativi sono vai perché don Abbondio è talmente spaventato da non sentire ragioni. Si ritira così nella sua camera,sperando che la notte gli porti consiglio.

Hai bisogno di aiuto in Riassunto Promessi Sposi?
Trova il tuo insegnante su Skuola.net | Ripetizioni
Registrati via email