Ominide 2984 punti

Alessandro Manzoni - Vita e opere


Alessandro Manzoni nasce a Milano nel 1785 da Giulia Beccaria, figlia del famoso giurista e filosofo illuminista Cesare Beccaria. La donna si separa ben presto dal marito Pietro Manzoni, un anziano gentiluomo di campagna, e nel 1795 va a vivere a Parigi con Carlo Imbonati. Alessandro trascorre l’infanzia e la giovinezza tra la tetra casa paterna e i diversi collegi religiosi in cui studia. In questi anni ha comunque modo di frequentare i circoli intellettuali milanesi, liberali e riformisti e assume posizioni di illuminismo radicale. Nel 1805 Manzoni lascia Milano e raggiunge la madre a Parigi, dove muore improvvisamente Carlo Imbonati. Nella capitale francese trascorre cinque anni fondamentali per la sua formazione, poiché entra in contato con gli ambienti culturali più avanzati del tempo. L’anno seguente la ginevrina Enrichetta Blondel, una giovane calvinista profondamente religiosa che di li a poco si convertirà al cattolicesimo. Il matrimonio segna l’inizio di un percorso spirituale che si concluderà con il ravvicinamento di Manzoni alla fede cattolica. La conversione è un avvenimento fondamentale nella vita dello scrittore. Nella recuperata fede egli trova una risposta alle sue profonde esigenze morali e nel messaggio cristiano vede la giustificazione di quegli ideali romantici di democrazia e libertà che ispirano la sua vita. Nel 1812 e il 1823, scrive: gli Inni sacri, liriche dedicate alle maggiori festività dell’anno liturgico; le tragedie storiche Il conte di Carmagnola e l’Adelchi; le grandi odi politiche Marzo 1821, dedicata ai moti carbonari in Piemonte, e il cinque maggio; infine il Fermo e Lucia, primo abbozzo dei Promessi Sposi. Trascorre l’ultimo periodo della sua lunga vita appartato. Muore nel 1873.
Hai bisogno di aiuto in Vita ed opere di Alessandro Manzoni?
Trova il tuo insegnante su Skuola.net | Ripetizioni
Registrati via email
Consigliato per te
Maturità 2018: date, orario e guida alle prove