Ominide 8727 punti

Sintesi delle trama: Il soldato siciliano di Elsa Morante


Nell’inverno del 1944 la narratrice affronta un viaggio pericoloso in un’Italia attraversata dai combattimenti tra occupanti tedeschi e alleati anglo-americani.
Fa sosta nella povera casa di un carrettiere. Nella notte compare un soldato che vive alla macchia e combatte con i partigiani. Le racconta la tragica vicenda della figlia Assunta, morta suicida per sfuggire alla violenza del figlio del suo padrone. Il soldato ora cerca la morte, per potersi ricongiungere con la ragazza.
Venuta l’alba, la narratrice riprende il viaggio e dubita che l’incontro sia stato reale, o piuttosto frutto dell’immaginazione.
Il racconto è tratto da Lo scialle andaluso, pubblicato da Einaudi nel 1963, una raccolta di testi nati prima e durante la Seconda guerra mondiale e percorsi da un tono magico, fiabesco e misterioso, che contraddistingue l’opera di Elsa Morante.
Il soldato siciliano contiene alcuni temi tipici della scrittrice (lo sfondo della guerra, la vita umile delle classi popolari) e segue modalità di scrittura e scelte stilistiche che la caratterizzano (come la mescolanza di descrizioni realistiche e di particolari fantastici).
Il racconto è soprattutto la storia di un incontro che coinvolge due anime, per il resto assai lontane e diverse tra loro. È il soldato a parlare, ma è la donna che raccoglie la sua testimonianza e la trasmette con un senso di profonda pietà.
La situazione di miseria descritta nelle pagine di Elsa Morante non dipende però solo dalla guerra e dalla vicinanza del fronte. L’Italia infatti restò un paese sostanzialmente povero fino a pochi decenni fa, soprattutto nelle campagne e ancor più nell’Italia meridionale e insulare, come testimonia il racconto scritto da Elsa Morante, che mostra come, ancora negli anni cinquanta, anche nella capitale permanessero situazioni di grave indigenza.
Elsa Morante è un autrice di fiabe, racconti, romanzi, poesie. Iniziò prestissimo la sua carriera letteraria, scrivendo su giornali per bambini (“Corriere dei piccoli”) e riviste pedagogiche (“I diritti della scuola”), estendendo poi la collaborazione, negli anni successivi, a numerose altre testate.

center]Inserisci qui il titolo dell'appunto

Hai bisogno di aiuto in Recensioni libri?
Trova il tuo insegnante su Skuola.net | Ripetizioni
Registrati via email
Consigliato per te
Come fare una tesina: esempio di tesina di Maturità