Tutor 46971 punti

Ragione e sentimento di Jane Austen


Un romanzo tra i più amati della scrittrice, un capolavoro che descrive con grande maestria il dissidio tra amore e psiche, tra la compostezza e l’esuberanza. E’ stato pubblicato in forma anonima sotto la dicitura Lady D La, 16 anni dopo la sua composizione. La prima versione fu scritta in forma epistolare ma sfortunatamente, andò perduta. Riscontrò un enorme successo, testimone è il fatto che fu tradotto in francese mentre la scrittrice era ancora in vita. Si da il caso che la scrittrice abbia scelto due donne per personificare due personalità speculari, due sorelle provate dalla sorte, che si ritrovano prematuramente ad affrontare i problemi della vita. I loro nomi sono Elinor e Marianne, la prima razionale e tranquilla, la seconda esuberante e passionale. Dopo la morte del padre, sono costrette a vivere insieme alla madre e alla sorella minore in una piccola casa del Denvoshire, lasciando la loro casa al loro fratello maggiore, recentemente sposato. Quest’ultimo si rifiuta di pagare la somma di denaro che era destinato ad offrire loro una vita agiata, dunque si riducono ad una piccola paga che spettava loro dallo Stato.

Evoluzione della vicenda




Elinor mostra interesse verso Edward, fratello della cognata, mentre Marianne si innamora follemente del giovane Willoughby. Marianne era corteggiata dal ricco colonnello Brandon, ma il suo carattere sentimentalista la induce a rifiutarlo a favore di Willoughby. Quest’ultimo ricambia i sentimenti di Marianne ma non li manifesterà mai apertamente e la sua improvvisa decisione di salpare per Londra, lascerà Marianne in una condizione di inconsolabile disperazione. Nel mentre, Elinor scopre che segretamente Edward aveva chiesto la mano di un’altra donna, la signorina Steele. Una cugina della madre delle sorelle, invita le Daswood a Londra insieme alla signorina Steele. A Londra Marianne viene a sapere del fidanzamento di Willoughby con una ricca borghese. Il colonnello Brandon per giocare una carta a suo favore, racconta a Marianne il fatto che Willoughby in passato aveva abbandonato la figlia adottiva. La signorina Steele non viene ritenuta degna dalla famiglia di Edward che lo incoraggia a rompere il legame del fidanzamento. Lui non accetta questa condizione e per un breve periodo rimarrà accanto alla signorina Steele. Quest’ultima però, cambia idea molto presto, preferendo il fratello di Edward che successivamente sposa.

Finale della storia


Edward ritorna da Elinor e le dichiara il suo amore. Marianne si ammala durante il tragitto di ritorno da Londra e Willoughby porge le sue scuse per il comportamento spregevole e le chiede la mano. Marianne però preferisce le attenzioni del colonnello Brandon ed impara ad amarlo progressivamente. La storia si conclude con il matrimonio delle due sorelle con gli uomini che amavano ed avranno una vita serena e felice. Il romanzo si incentra sul tema dell’amore, più precisamente sulla sua conciliazione con la ratio, senza che l’uno prevalga sull’altra. L’autrice dipinge anche il quadro storico e sociale del tempo, le convenzioni e i personaggi fissi della società. Jane Austen analizza le fattezze dell’animo umano, i sentimenti più intimi, l’egoismo e l’avidità, così come l’ingenuità della passione amorosa. Le due sorelle affrontano le stesse difficoltà, ma l’autrice non mostra preferenza nella capacità di reazione di nessuna delle due sorelle.

A cura di Veronica.
Hai bisogno di aiuto in Recensioni libri?
Trova il tuo insegnante su Skuola.net | Ripetizioni
Registrati via email