Ominide 222 punti

Nel romanzo, a parte nell’incipit, non sono presenti datazioni precise. Tuttavia è possibile individuare alcuni indizi che fanno comprendere il periodo storico in cui si svolge la vicenda.
Al momento della separazione di Natasa da Alesa, quest’ultimo parla di un viaggio in treno verso Mosca. Si può quindi dedurre che il periodo storico deve essere successivo al 1825: data della costruzione della prima linea ferroviaria.
Il padre di Alesa, il Principe, appartiene inoltre alla nobiltà petroburghese; la nobiltà in Russia è decaduta a fine Ottocento, di conseguenza il romanzo dev’essere ambientato prima dell’inizio del Novecento. La vicenda si svolge di conseguenza tra il 1825 e il 1900.
L’intreccio non coincide con la fabula in quanto l’autore si serve di numerose analessi durante il corso della storia. Esso, inoltre, racconta fatti passati in quanto, morente in ospedale, decide di scrivere una biografia.

La storia principale si svolge un anno prima del momento del ricovero; l’autore si serve inoltre di molte analessi, presentando situazioni passate in modo da aggiungere significato o fare comprendere meglio azioni accadute nel ‘presente’ della vicenda.
La vicenda si svolge interamente a San Pietroburgo, senza tenere conto delle analessi.
La scelta di una cittadina grigia, piovosa e fredda potrebbe essere importante per rappresentare la condizione di Natasa: essa è cupa e grigia nei momenti di mancanza di Alesa, unico sole.
I momenti di sole a Pietroburgo sono molto pochi, così com’è rara la presenza di Alesa: esso preferisce infatti passare il proprio tempo con Katja. Vanja potrebbe rappresentare una casa che la protegge dal freddo e dalla pioggia, che non riesce però a farla sentire come se ci fosse Alesa.

Hai bisogno di aiuto in Recensioni libri?
Trova il tuo insegnante su Skuola.net | Ripetizioni
Registrati via email
Consigliato per te
Come fare una tesina: esempio di tesina di Maturità