Genius 7419 punti

Il diario di Anna Frank

Nell’anno 1993 Adolf Hitler vince le elezioni in Germania. Abolisce la democrazia assieme ai nazisti, vieta ulteriori partiti, arresta gli oppositori, inizia la guerra, la discriminazione e poi la persecuzione e lo sterminio degli
Ebrei. In questo periodo vive Anna Frank, nata il 12/6/1929 a Francoforte. Vive in una famiglia felice. Può crescere in una casa con giardino, Assieme a sua sorella Margot, nata nel 1926, e assieme ai suoi genitori Otto ed Edith, ha
molti amici e riceve una buona educazione (scolastica). La famiglia è Ebrea. Sono molto legati alla loro religione, si sento tedeschi ed amano la germania. Nonostante ciò devono scappare dalla loro patria a causa dei nazisti. All’epoca
anna ha 4 Anni. Nel 1934 la famiglia emigra ad Amsterdam in olanda e trova una nuova patria. Ma nel 1940 le truppe tedesche bombardano improvvisamente Rotterdam e l’olanda è costretta ad arrendersi. Ora anche qui inizia la persecuzione degli Ebrei. Otto Frank trasferisce la sua Azienda e le cambia il nome.

Ma la situazione per gli Ebrei diventa sempre più pericolosa: I nazisti vogliono portare tutti gli Ebrei in germania nei campi di lavoro. La famiglia Frank vede una sola via d’uscita: Il 6/7/1942 si nasconde nel retrobottega dell’
azienda assieme ad altri 4 amici Ebrei. Rimangono rinchiusi qui per 2 anni, sempre con la paura che vengano scoperti. Solo pochi amici conoscono il loro nascondiglio e gli portano di nascosto lo stretto necessario per vivere. Anne e Margot naturalmente non possono andare a scuola e così il loro padre gli fa lezione. La materia preferita di Anna è Storia e trova conforto alla sua solitudine nello scrivere.
Scrive assiduamente un diario. Ciò le da Forza e Speranza. Ma il 4/8/1944 la famiglia viene scoperta. Qualcuno li ha traditi.
Anna deve lasciare il suo diario, la famiglia viene arrestata e messe nel campo di concentramento ad Auschwitz (polonia). Qui la famiglia viene divisa. I nazisti deportano Anna e Margot nel campo di concentramento di Bergen, dove muoiono nel Marzo del 1945. Solo Otto sopravvive al Campo di concentramento (KZ) e alla Guerra e quando torna ad Amsterdam, riceve da degli amici in ricordo un album fotografico ed il diario di Anna e Lo fa pubblicare.

Hai bisogno di aiuto in Recensioni libri?
Trova il tuo insegnante su Skuola.net | Ripetizioni
Registrati via email