Ominide 36 punti
Io e te di Ammaniti

-Bum- aveva chiuso con violenza la porta, non vedeva l’ora di partire. Lorenzo aspettava quel momento da dieci lunghi anni, ormai non era più il ragazzo introverso e chiuso di una volta o forse lo era ma non voleva farlo vedere.
Tutto ben vestito teneva tra le mani la valigia e il biglietto per il volo, era pronto a partire, a staccare la mente per un po’ dalla solita routine e a passare di nuovo un po’ di tempo con la sorella Olivia che dopo quella notte del duemila non aveva più visto.
Il suo volo era alle undici di mattina ma Lorenzo era così contento che era arrivato in aereo porto con tre ore di anticipo.
Il viaggio era molto lungo ma questo non aveva fatto cambiare l’umore di Lorenzo che appena atterrato a Bali iniziò a correre verso la sorella, già pronta a stringerlo tra le sue braccia. I due si persero così in un lungo abbraccio ma dopo una ventina di secondi Lorenzo si era accorto di una terza persona attaccata alla gamba di Olivia.

Era rimasto senza parole, uno scricciolo lo stava guardando dal basso con due occhioni grossi e marroni , quel bambino era suo nipote. Lorenzo era sconvolto ma allo stesso tempo felice e invidioso del fatto che sua sorella Olivia si era creata una famiglia, aveva una vita tutta sua e nessuno più la disturbava.
Durante il viaggio dall’aereo porto a casa, i due fratelli non parlarono ma canticchiarono le canzoncine che entrambi da piccoli ascoltavano dal loro papà e a loro si unì Guntur il figlio di Olivia.
Olivia aveva raccontato a Lorenzo che Guntur era nato durante una notte di tempesta infatti il suo nome significa “tuono” e che fin da piccolo lo aveva abituato a parlare anche l’italiano dato che sia lei che il marito Roman avevano passato la maggior parte della loro vita in Italia.
Lorenzo era affascinato dal luogo in cui si trovava, non aveva nessuna voglia di tornarsene a casa e infatti aveva deciso di fermarsi a Bali qualche giorno in più. Passava le giornate a giocare con il nipote mentre Olivia e Roman erano al lavoro, la notte parlava con la sorella e di lei non si stufava mai. Era contento di riaverla vicino e di vederla finalmente sana e felice però ormai erano già passate due settimane e Lorenzo doveva tornare a casa ad occuparsi del padre malato di cancro che dopo la morte della moglie non voleva più uscire di casa.
Così i due fratelli si salutarono di nuovo ma senza dirsi addio.
Infatti, tre mesi dopo Olivia e la sua nuova famiglia erano in viaggio per l’Italia, per poter trascorrere il natale con il padre di Olivia che non vedeva da molti anni e il fratello Lorenzo che finalmente aveva trovato una donna che a breve avrebbe sposato.

Hai bisogno di aiuto in Recensioni libri?
Trova il tuo insegnante su Skuola.net | Ripetizioni
Registrati via email