Ominide 2984 punti

Più della metà del VI libro del Bellum civile è occupata dalla descrizione della Tessaglia e dal racconto della consultazione della maga Eritto da parte di Sesto Pompeo , che chiede alle arti magiche la profezia del futuro. Questo esteso episodio rappresenta un vistoso esempio della predilezione di Lucano per le atmosfere lugubri e fosche e per i particolari macabri e orripilanti. Raccapricciante è la descrizione che egli fa della terribile maga e dei suoi rituali nefandi: il poeta si sofferma con morboso compiacimento sull’orrenda megera che strappa avidamente dalle orbite dei cadaveri gli occhi ormai gelidi, fruga nelle viscere , addenta i nervi per lacerarli, contende brani di carni insanguinate alle gole fameliche dei lupi, estrae i feti ancora caldi dai ventri materni ed ecc. In questo passo ella costringe a profetare un soldato morto, provvisoriamente resuscitato a questo scopo. Particolarmente efficace, all’inizio del brano, è l’immagine dell’anima del defunto che sosta inorridita dinanzi al corpo straziato, temendo di dovervi rientrare; altrettanto notevole per la sua macabra espressività è poi la scena del graduale ritorno del cadavere alla vita.

“Haec ubi fata caput spumantiaque ora levavit,
adspicit adstantem proiecti corporis umbram
exanimes artus invisaque claustra timentem
carceris antiqui. Pavet ire in pectus apertum
visceraque et ruptas letali vulnere fibras.
A miser extremum cui mortis munus inique
eripitur, non posse mori.”

Hai bisogno di aiuto in L'età imperiale?
Trova il tuo insegnante su Skuola.net | Ripetizioni
Registrati via email
Consigliato per te
Maturità 2018: date, orario e guida alle prove