Ominide 978 punti

Generi minori del primo secolo

Manilio, Astronomica
Si tratta di una raccolta di cinque libri scritti in esametri, per la cui stesura Manilio si ispira a Arato. In tale opera l'autore cerca di dare dignità a un filone di pensiero che fino ad allora era sempre stato sottovalutato, se non apertamente disprezzato dalle classi colte, che consideravano il pensiero degli astrologi-maghi alla stregua di quello di normali ciarlatani.

La scrittura di Manilio è sostenuta dalla ricerca di un ordine universale, una sorta di Ratio Cosmica in cui l'autore crede fortemente a causa della sua appartenenza alla dottrina stoica.
Nella sua opera più importante, Manilio riprende sia la volontà didascalica propria di Lucrezio, sia l'esametro fluido di Ovidio. Tende inoltre alla brevitas e all'eclissi espressiva.

Appendix Virgiliana

Si tratta di un insieme di opere catalogate intorno al 1500 da un equipe di umanisti. Tutte le opere sono pregne di stile ovidiano e raccolte sotto tale nome poiché sono incredibilmente vicine alle opere di Virgilio. Sono però di autori diversi e non dello stesso periodo. Sicuramente, la maggior parte non sono opere di Virgilio. Basti pensare ad una di queste Elegiae in Maecenatem, che narra la vita, la morte e le gesta compiute dal più grande protettore di scrittori sotto Augusto, morto circa un anno dopo Virgilio, che quindi non avrebbe sicuramente potuto descriverne la dipartita.

Hai bisogno di aiuto in L'era Augustea?
Trova il tuo insegnante su Skuola.net | Ripetizioni
Registrati via email