Sapiens 7722 punti

Publio Terenzio Afro: vita e opere


195-185 a.C. Publio Terenzio Afro nasce a Cartagine (Africa).

• Giunge a Roma da giovane, come schiavo del senatore Terenzio Lucano, che lo libera. Diviene amico di Scipione Emiliano e di Gaio Lelio.

• 166 a.C. esordisce sulle scene con l’Andria.

• 165-161 a.C. mette in scena l’Hecyra (con scarso successo), l’Heautontimorumenos, l’Eunuchus e il Phormio.

• 160 a.C. allestisce una seconda e una terza rappresentazione dell’Hecyra (che infine riscuote successo): mette in scena gli Adelphoe. Parte per un viaggio in Grecia.

• 159 a.C. muore in un naufragio, durante il viaggio di ritorno a Roma.

È probabile che le sei commedie sopravvissute costituiscano l’intera produzione terenziana. L’Andria (la «Ragazza di Andro») ha un complicato intreccio basato su una storia d’amore e un riconoscimento finale: l’Hecyra (la «Suocera») rappresenta una storia di malintesi, risolti grazie all’intervento di una suocera e di una cortigiana dai tratti eccezionalmente umani e positivi; l’Heautontimorumenos (il «Punitore di se stesso») prende il titolo dalla punizione a cui si costringe un padre severo per aver ostacolato la relazione amorosa del figlio con una donna povera, che solo a conclusione dell’opera sarà riconosciuta libera e ben accetta; l’Eunuchus (l’«Eunuco») ruota attorno a una duplice storia di amori a lieto fine e alla beffa nei confronti di una soldato vanitoso; il Phormio («Formiòne») inscena una vicenda di amori, raggiri e riconoscimenti; negli Adelphoe (i «Fratelli») sono messi a confronto i metodi educativi antitetici impartiti da due genitori ai rispettivi figli, solidali fra loro e promotori di un inganno a fin di bene.

Hai bisogno di aiuto in Arcaica?
Trova il tuo insegnante su Skuola.net | Ripetizioni
Registrati via email
Consigliato per te
Maturità 2018: date, orario e guida alle prove