Sapiens Sapiens 12228 punti

Sofocle: il conflitto tra morale e potere


In Sofocle (497 o 496-406 a.C.) la condizione umana appare dettata da un oscuro destino, che inevitabilmente si compie attraverso le scelte dell’uomo. Ad esempio nell’Edipo re l’assassinio del padre e l’incesto con la madre — da parte dell’eroe — si compiono al di là di ogni possibilità di impedirli.
Sofocle affronta poi in modo particolarmente efficace il conflitto che si apre — nella pòlis — fra la legge morale e quella politica. Un conflitto, questo, che avrà una notevole influenza sulla riflessione etico - politica.
Nell’Antigone esso appare come contrasto insanabile fra l’intenzione dell’eroina (Antigone) di seppellire il fratello che aveva combattuto contro la propria città, appellandosi alla pietà religiosa e all’amore fraterno, e il comando del re Creonte di lasciare insepolto quel cadavere come segno del massimo disonore. L’eroina adempie il suo obbligo morale e paga con la vita il suo atto. Ma l’ordine morale a cui Antigone si richiama si identifica ancora con l’ordine religioso (cioè con “le leggi non scritte, inalterabili, fisse degli dei”) e con i “diritti del sangue” protetti dalle divinità, entrati in conflitto con il nuovo potere statuale della pòlis, impersonato dalla volontà di Creonte. Questi ne è cosciente: sa che cedere ad Antigone è “tremendo”, perché significa riconoscere la superiorità dell’antichissimo legame del sangue sulla legge, quindi implica il dissolvimento del potere statuale e giuridico e il ritorno all’arcaica società dei clan e delle tribù aristocratiche; ma sa che altrettanto tremendo è “urtare col cuore superbo contro la maledizione divina”, cioè violare gli antichissimi precetti consuetudinari ancorati alla legge del sangue.
Hai bisogno di aiuto in Letteratura Greca?
Trova il tuo insegnante su Skuola.net | Ripetizioni
Registrati via email
Consigliato per te
Calendario Scolastico 2017/2018: date, esami, vacanze