Ominide 592 punti

Menandro – biografia

Introduzione

I dati certi della vita di Menandro, principale esponente della commedia nuova, sono pochi e incerti. Egli nasce nel 342/341 a.C. nel demo ateniese di Cefisia. Il suo esordio sulla scena ateniese si colloca nel 321 con una commedia a noi non pervenuta. Sappiamo che non ebbe molto successo durante la sua vita: su 100 commedie scritte ebbe solo 8 vittorie. Oggi abbiamo solamente 5 commedie in stato discreto: l’Arbitrato, la Donna di Samo, la Fanciulla tosata e lo Scudo; una sola completa, il Bisbetico.

Rapporti con politici e intellettuali

Ebbe molti rapporti con intellettuali e politici: il lessico bizantino Suda sostiene una parentela con Alessi, commediografo della commedia di mezzo. Si pensa inoltre che fu discepolo del peripatetico Teofrasto, coetaneo di Epicuro e amico di Demetrio Falereo.
Non si pensa abbia avuto ruoli politici; quando però nel 307 a.C. il governo di Falereo cadde per il nuovo governo di Poliorcete, il poeta si salva dall’esilio solo per l’intercessione di un parente di Poliorcete.

Vita privata e intrecci amorosi

Dalla Suda ricaviamo poi notizie (spesso leggendarie) sulla sua vita privata e sul suo aspetto fisico che lo descrivono strabico e pazzo per le donne. Si narra infatti che ebbe una relazione con l’etera Glicera e che per restare con lei non abbia neanche accettato di recarsi ad Alessandria d’Egitto su invito di Tolomeo. Queste leggende sull’amore per le donne potrebbe però derivare dall’importanza che le figure femminili hanno nelle sue commedie.
Morì annegato nel 291/290 a.C.

Hai bisogno di aiuto in Letteratura Greca?
Trova il tuo insegnante su Skuola.net | Ripetizioni
Registrati via email