Tutor 47031 punti

Antoine de Saint-Exupéry


Antoine Jean Baptiste Marie Roger de Saint-Exupéry nasce a Lione il 29 Giugno 1900 da una famiglia aristocratica.

Il padre Jean muore 4 anni dopo, lasciando i 5 figli a carico della madre, Marie, che li mantiene grazie al suo lavoro da pittrice. Si trasferiscono nel castello di Saint Maurice de Rémens, a Le Mans.

Iscritto ad un collegio Antoine inizia a manifestare quella malinconia che poi dominerà le sue celebri opere.

Con lo scoppio della prima guerra mondiale nel 1914, la madre è chiamata a prestare servizio come infermiera, e Antoine è costretto a trasferirsi a Friburgo, in Svizzera, insieme al fratello François. Ritornerà nella sua terra natale solo nel 1917, senza il fratello, morto a causa di un reumatismo articolare.

Dopo aver trascorso qualche anno al Liceo, si arruola nel 1921 presso il reggimento di aviazione, ove ottiene il brevetto di pilota militare.

L'attività di scrittore


Il 1926 può essere considerato l’anno di svolta della sua vita: inizia ora, infatti, la sua carriera come pilota e come scrittore.

Il suo primo racconto, “L’Aviatore”, viene pubblicato nella rivista Le Navire d'Argent.

Il 12 ottobre viene assunto come pilota nell’Aeropostale, che lo porta a percorrere tratte importanti come Parigi-Buenos Aires, che ne aumentano il prestigio.



Nel frattempo, pubblica i suoi primi due libri, Courrier Sud e Vol de nuit, rispettivamente nel 1929 e 1931.

Nel 1931 si sposa con un donna argentina, Consuelo de Gomez, ma il matrimonio è destinato ad essere infelice a causa delle lunghe assenza per via del lavoro e delle sue molteplici relazioni segrete.

Nel 1932 la compagnia aerea presso cui lavora viene inglobata dall’Air France, e Antoine, tornato in Francia, si dedica a tempo pieno alla scrittura, che culmina con la pubblicazione nel 1939 di “Terra degli Uomini”, e alla brevettazione di alcune sue invenzioni.

In prossimità della guerra, lo scrittore francese intraprende alcune missioni in LIbia e in Spagna.

Nel 1940, si reca negli Stati Uniti, con lo scopo di convincere gli americani a prendere posizione nel conflitto. Nel frattempo, nel ‘43, pubblica presso una casa editrice statunitense il suo capolavoro assoluto, il “Piccolo Principe”.

Tornato in Europa con l’entrata in guerra degli americani, gli vengono affidate alcune missioni in Sardegna e in Corsica. Dall’ultima, però, avvenuta il 31 luglio 1944, non tornerà più: i resti del suo aereo verranno ritrovati sul fondale marino solo nel 2004.

A cura di Carlo.
Hai bisogno di aiuto in Letteratura Francese?
Trova il tuo insegnante su Skuola.net | Ripetizioni
Potrebbe Interessarti
×
Registrati via email