Ominide 218 punti

Jacques Prévert

Jacques Prévert nasce nel 1900 a Neuilly-sur-Seine, un sobborgo di Parigi, da una famiglia della media borghesia. A quindici anni lascia Ia scuola e sceglie la vita di strada mantenendosi grazie a piccoli lavori. Negli anni Venti del Novecento diventa amico di alcuni intellettuali tra i quali André Breton, il fondatore del movimento surrealista (sorto in Francia proprio in quegli anni, tale movimento si proponeva di uscire dai rigidi schemi della razionalità e di osservare Ia realtà cogliendone l'aspetto più autentico e personale).
Nel 1930 Prévert pubblica su una rivista la prima raccolta di poesie intitolata Ricordi di famiglia ossia l’Angelo aguzzino; in seguitò si dedica, in veste sia di attore sia di sceneggiatore, al cinema e al teatro, attività che svolge in collaborazione con i migliori registidiell’epoca. La sua notorietà cresce dal momento in cui compone i testi di canzoni che diventeranno simboli dell'ambiente intellettuale parigino e che saranno interpretate da cantanti attenti ai problemi sociali e politici come Juliette Gréco e Yves Montand. Sul piano ideologico Prévert può essere definito un anarchico, un ribelle: nonostante Ia sua avversione al capitalismo, in diverse occasioni non si allinea con la Sinistra francese, come quando nei anni della Seconda guerra mondiale si rifiuta di impegnarsi neIIa Resistenza anti-nazista in nome di un intransigente pacifismo. Dopo la guerra continua a lavorare come compositore di poesie e di testi di canzoni: la sua raccolta più celebre, edita per la prima volta nel 1945, si intitola Parole. Prévert muore nel 1977 a OmonvilIe-Ia-Petite (nel Nord della Francia) per una grave malattia.
Hai bisogno di aiuto in Letteratura Francese?
Trova il tuo insegnante su Skuola.net | Ripetizioni
Registrati via email