Video appunto: Kristeva, Julia - Vita ed Opere

Kristeva



Julia Kristeva è una linguista, psicoanalista, filosofa e scrittrice francese di origine bulgara.
Vive e lavora in Francia dal 1964 e pubblica principalmente in francese. Ha partecipato alla redazione della rivista Tel Quel, e soprattutto negli anni Sessanta e Settanta, è stato attivo nella vita culturale francese dell'epoca, teorizzando e sviluppando, tra l'altro, il concetto di intertestualità.

Ha lavorato con Michel Foucault, Roland Barthes, Jacques Derrida e Philippe Sollers. Ha sposato quest'ultimo.
Nel 1979, dopo aver seguito i seminari di Jacques Lacan, diventa psicoanalista. Ha costruito un rapporto tra semiotica e psicoanalisi. Insegna semiotica all'Università Statale di New York e all'Università di Parigi VII - Denis Diderot. Dirige il "Centre Roland Barthes" e nel 2004 ha ricevuto il premio Holberg.

Il suo lavoro è iniziato intorno alla semiotica sul dialogo, la plausibilità, le ideologie, la moda e la letteratura. Soprattutto da autori come Sade, Roussel, Bataille, Beckett (con padre, amore, esilio) e un grado maggiore di Mallarmé, a cui ha dedicato un'importante monografia (La rivoluzione del linguaggio poetico del 1974). Un altro libro di critica letteraria già aperto alla psicoanalisi Pouvoirs de l'horror (1980), Céline. Seguono anni di interesse per i fenomeni dell'amore e della depressione, l'idea dell'esilio e il problema della fede. Un romanzo semi-autobiografico (Samurai, 1990) ricostruisce i suoi anni di impegno politico maoista e gli incontri con lei, una giovane e bella ragazza venuta a Parigi dall'Europa dell'Est, con gli intellettuali dell'epoca. Una successiva ricerca del "genio femminile", i tre libri su Hannah Arendt, Melanie Klein e Colette.