Video appunto: De Boyer, Jean-Baptiste - Vita ed Opere

De Boyer



Jean-Baptiste de Boyer, marchese d'Argens (1704 - 1771) fu uno scrittore e filosofo francese.
Figlio di un avvocato generale, ha seguito una carriera in armi (si è arruolato nell'esercito all'età di 15 anni) e ha guidato una gioventù molto avventurosa e licenziosa, a seguito della quale è stato diseredato dal padre.
Ferito davanti a Philipsburg nel 1734, lasciò il servizio militare e si ritirò ad Amsterdam, nei Paesi Bassi, per poter scrivere liberamente il proprio opuscolo.

Qui scrisse alcune compilazioni storiche e iniziò le sue famose Lettere ebraiche (L'Aia, 6 volumi, 1738-1742), le Lettere cinesi (L'Aia, 6 volumi, 1739-1472), e le Lettere cabalistiche (2a ed., 7 volumi, 1769); scrisse anche le Memorie segrete della Repubblica delle Lettere (7 volumi, 1743-1748), successivamente riviste e ampliate come Storia dello Spirito Umano (Berlino, 14 volumi, 1765-1768).
Attirò l'attenzione di Federico II, re di Prussia, con i suoi attacchi contro il cristianesimo: il re chiamato alla sua corte a Potsdam, il suo ciambellano con uno stipendio di 6.000 franchi lo fece e lo nominò direttore generale dell'Accademia. È stato nominato "Kammerherr" e direttore dell'Accademia. Tuttavia, Frederick si offese amaramente a causa del suo matrimonio con l'attrice signorina Cochois Berlin.
Dopo 25 anni di intimità con Federico II, il marchese d'Argens tornò ad Aix per trascorrere i suoi ultimi anni con la famiglia. Gli argeni tornarono finalmente in Francia nel 1769 e morirono vicino a Tolone l'11 gennaio 1771.
Era dotato di una vasta e variegata erudizione, e i suoi scritti si ispiravano alla filosofia scettica dell'epoca. I suoi scritti si rivolgevano a un vasto pubblico; in questo modo promuoveva l'ampia diffusione delle idee dell'Illuminismo. Ha scritto di filosofia, storia e religione, e per semplificare le innovative discussioni empiriche di filosofi come Voltaire, Pierre Bayle e Bernard de Fontenelle.