Ominide 1952 punti

Verbi - Classificazione


I verbi si classificano in diverse categorie, tra queste abbiamo:
-i verbi predicativi, che hanno un significato compiuto e possono esprimere una frase anche da soli. Ad esempio: “ho cliccato sul sito che mi serviva”
-in contrapposizione ai verbi predicativi vi sono i verbi copulativi, che per poter assumere un significato compiuto hanno bisogno di essere seguiti da un nome o da un aggettivo. Per esempio: “All’inizio il compito sembrava facile”
-i verbi transitivi fanno transitare l’azione dal soggetto al complemento oggetto, rispondendo alle domande “chi?che cosa?”. Ad esempio: io pulisco (che cosa?) la casa. Inoltre i verbi transitivi possono essere sia attivi sia passivi
-oltre ai verbi transitivi vi sono anche i verbi intransitivi, in cui l’azione si conclude con un complemento indiretto. Ad esempio: il cane abbaiava per la felicità. I verbi intransitivi possono essere solo attivi
(ATTENZIONE!= all’interno di una frase un verbo transitivo può anche essere presente in forma intransitiva, ma la sua natura non cambia, quindi rimane sempre transitivo)
-i verbi sono di forma attiva se l’azione è compiuta dal soggetto. Ad esempio: “io mangio la pasta”
-i verbi sono di forma passiva se l’azione è subita dal soggetto. Ad esempio: “la pasta viene mangiata da me”
-i verbi sono riflessivi se l’azione compiuta dal soggetto si riflette sul soggetto stesso. Ad esempio: “io mi pettino”. Però il riflessivo può essere proprio, se accompagnato da una particella pronominale, che risponde alle domande “chi?che cosa?, apparente, se la particella pronominale risponde alle domande “a chi?a che cosa?”, per esempio: io mi lavo (chi?)=proprio/io mi lavo le mani (a chi?)=apparente
-i verbi ausiliari permettono la formazione dei tempi composti, come essere ed avere
-i verbi servili precedono l’infinito di un altro verbo e sono: dovere, potere e volere.
-i verbi fraseologici precedono l’infinito di un verbo, specificandone l’aspetto temporale. Ad esempio: “continua a intervenire”
-i verbi sovrabbondanti possono avere più coniugazioni, ad esempio starnutire e starnutare
-i verbi irregolari se da un tempo all’altro o da un modo all’altro, oltre che variare nella desinenza, variano anche nella radice
-i verbi difettivi se sono privi di alcune voci , quindi persone, tempi o modi
Hai bisogno di aiuto in Grammatica per le medie?
Trova il tuo insegnante su Skuola.net | Ripetizioni
Potrebbe Interessarti
Registrati via email