Primo Levi nasce a Torino nel 1919 da una famiglia ebraica borghese;si iscrive alla facoltà di scienze prima che le leggi razziali impediscono l'accesso agli ebrei,laureandosi in chimica.
Trova a stento un lavoro nella sua città,ma,convinto antifascista,si unisce a un gruppo di resistenza ebraica.
Arrestato,viene deportato ad Auschwitz.
Riesce a sopravvivere all'inferno dei Lager,dove rimane sino alla liberazione,ma questi anni segnano in modo definitivo la sua vita,tanto che la sua attività da scrittore è sempre incentrata sul racconto e sulla riflessione autobiografica.
Muore suicida a Torino nel 1987.
Le opere:
Se questo è un uomo (1947):romanzo,cronaca e testimonianza che raccoglie i ricordi della vita nel campo di sterminio nazzista.

La tregua (1963):racconta del ritorno in patria dopo la liberazione da Auschwitz.
Il sistema periodico(197) e La chiave a stella(1978):racconti autobiografici, frutto della cultura scientifica e dell'analisi dei problemi della società contemporanea.
I sommersi e i salvati(1986):riflessione libera di Levi sulla prigionia.
Il pensiero
L'esperienza della deportazione nel campo di sterminio di Auschwitz segnò in modo indelebile la vita di Primo Levi non solo come individuo, ma anche come narratore.
La scrittura non costituisce unicamente la risposta di un uomo che cerca di superare il dolore: diventa un dovere civile, per dare voce a tutti quelli che l'orrore della guerra ha cancellato per sempre.
La letteratura diventa pertanto strumento di testimonianza e di indagini razionali della realtà.
La lingua
Levi riesce a presentare la realtà assurda e disumana dei lager attraverso una scrittura lucida,sobria,priva di retorica e di emotività.

Hai bisogno di aiuto in Antologia per le medie?
Trova il tuo insegnante su Skuola.net | Ripetizioni
Registrati via email
Consigliato per te
Maturità 2018: date, orario e guida alle prove