Genius 13137 punti

Il diluvio tra storia e leggenda

La prima testimonianza sul diluvio universale si trova nell’epoca di Gilgamesh. A raccontarla è un vecchio di nome Utnapishtim; un giorno il dio Ea lo avvisò di costruire un’arca in cui rifugiarsi perché la terra sarebbe stata sommersa dalle acque, inviate dagli dei irati.
Così Utnapishtim costruì una grande nave, vi imbarcò parenti e amici, una grande quantità di provviste e tutti gli animali che poté radunare. In questo modo sopravisse alla grande inondazione. Quando il diluvio cessò e le acque iniziarono a ritirarsi, la nave s’incagliò sulla cima del monte Nisir; dopo alcuni giorni, Utnapishtim inviò una colomba in esplorazione, ma l’uccello non poté trovare un albero su cui posarsi e tornò indietro; successivamente, inviò un corvo, che non tornò più, perché aveva trovato un luogo in cui dormire e fare il nido. Utnapishtim capì che la collera divina era finita e la terra era nuovamente abitabile; allora scese dalla nave con i sopravissuti e l’umanità poté rinascere.

La storia babilonese è raccontata in varie versioni, alcune delle quali precisano che la catastrofe avvenne al tempo del decimo re di Babilonia, che si chiamava Sisutru. Da racconti babilonesi è ricalcata la ben nota storia raccontata dalla Bibbia, in cui il protagonista è Noè, dalla cui discendenza provengono tutti i popoli della terra. Anche i Greci conoscevano una storia simile: gli dei inviarono il diluvio per distruggere l’’umanità corrotta e malvagia, ma riparmiarono l’unico giusto che ancora esisteva, il vecchio Deucalione, insieme a sua moglie Pirra. Quando l’acqua si ritirò, i due sopravissuti erano soli, e perciò supplicarono Zeus di aiutarli a rifondare l’umanità. Il signore degli dei ordinò loro di camminare e gettare delle pietre dietro le spalle, senza voltarsi. A mano a mano che le pietre cadevano, diventavano esseri umani, maschi e femmine a seconda che fossero lanciate da Deucalione o da sua moglie Pirra.

Hai bisogno di aiuto in Antologia per le medie?
Trova il tuo insegnante su Skuola.net | Ripetizioni
Registrati via email