Giorgio Caproni


Nacque a Livorno nel 1912. Suo padre era impiegato mentre sua madre faceva la ricamatrice. L'infanzia trascorse a Livorno poi la famiglia si trasferì a Genova, dove il poeta si iscrisse al liceo musicale. Studiò violino, frequentò la facoltà di magistero, diventando Maestro elementare.
Partecipò alla seconda guerra mondiale e dopo l'armistizio si unì ai partigiani per combattere contro i nazisti e i fascisti. Dopo la guerra si trasferì a Roma, dove si dedicò all'insegnamento e a un'intensa attività di scrittore e poeta. Egli morì a Roma nel 1990.

Le opere


Iniziò a pubblicare raccolte di poesie nel 1936 e subito si riconobbe lo stile personale, con liriche in rima, molto dolci e cadenzate come in melodia. Nel 1959 pubblicò il suo libro più conosciuto, dedicato al ricordo incancellabile della madre e delle città marine appartenenti alla sua gioventù (Livorno e Genova). Più amari e concentrati su un pensiero negativo e pessimista sono i suoi libri del dopoguerra e della vecchiaia (uno nel 1975 e l'altro nel 1982). Fu definito da Carlo Bo il "Poeta della luce, del sole e del mare", ma non bisogna lasciarsi trarre in inganno dall'apparente facilità delle sue poesie. Si ispirò a Dante e a Cavalcanti e compì una seria ricerca stilistica e di significati.
Hai bisogno di aiuto in Antologia per le medie?
Trova il tuo insegnante su Skuola.net | Ripetizioni
Registrati via email