Trasmissione dati e ADSL

Per accedere con un pc ad una rete WAN si utilizzano le infrastrutture già esistenti sul territorio nazionale; il primo tratto di rete telefonica che va dall'apparecchio telefonico alla centrale locale, è composto da un circuito analogico con una banda di frequenza inferiore a 4 KHz, mentre la frequenza massima del segnale uscente da un pc è: fmax=1/tbit>>4Khz
Si evince che il doppino telefonico non è adatto a tale tipologia di segnale. Anche i codec (PCM)presenti all'interno delle centrali telefoniche impongono un limite alla frequenza del segnale d'ingresso: fc=8Khz
Nasce la necessità dell'utilizzo di particolari dispositivi DCE che apportando opportune tecniche, riportino il segnale numerico uscente dal PC, all’interno della banda passante del circuito analogico, tali dispositivi sono detti modem.
ADSL (Asymmetric Digital Subscriber Line) è una tecnologia che tramite tecniche di filtraggio e modulazione è in grado di fornire il trasporto di servizi numerici ad alta velocità, anche sul tradizionale doppino telefonico.

La tecnologia ADSL:

  • È compatibile con la linea telefonica tradizionale;

  • Permette l’accesso ad internet ad alta velocità (broadband o banda larga)Utilizza la banda in modo asimmetrico (la velocità di trasmissione è maggiore nella trasmissione dalla rete verso l’utente);

  • Non necessita della chiamata per stabilire il collegamento (always on).


Quando l’utente si abbona al servizio ADSL la sua linea di ingresso alla centrale locale, viene collegata a un diverso tipo di commutatore privo di filtri passa-banda in modo che gli venga messa a disposizione, l’intera banda del doppino (pari a 1,1 MHz), senza la limitazione dei 4KHz.

Hai bisogno di aiuto in Informatica?
Trova il tuo insegnante su Skuola.net | Ripetizioni
Registrati via email